QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Biden sul ritiro dall’Afghanistan: “L’intenzione non è mai stata quella di ricostruire la terra ma di evitare un attacco terroristico” | Afghanistan nelle mani dei talebani

Stanotte, il presidente degli Stati Uniti Biden ha risposto all’improvvisa riconquista dell’Afghanistan da parte del movimento radicale dei talebani islamici. Biden insiste che non ha rimpianti per aver mantenuto la sua promessa elettorale, dicendo che non spetta agli Stati Uniti sistemare le cose in Afghanistan. Incolpa il governo afghano deposto di mancanza di risolutezza e motivazione.


KVE, KV


Ultimo aggiornamento:
23:19


Fonte:
ANP, Belgio




“Siamo andati in Afghanistan quasi 20 anni fa con obiettivi chiari”, ha detto Biden. La nostra missione non era quella di ricostruire il Paese, o di portare la democrazia. Il suo unico obiettivo era evitare un attacco terroristico sul suolo americano”. Così il presidente fa riferimento anche all’arresto di Osama bin Laden sotto il presidente Barack Obama. “Oggi, la minaccia terroristica si è diffusa ben oltre l’Afghanistan”, ha detto Biden.

Il presidente si riferisce alla sua promessa elettorale di ritirare le forze statunitensi dall’Afghanistan entro il 1 maggio 2021, concordata con i talebani sotto il suo predecessore, Donald Trump. Afferma che il mancato rispetto di questo accordo può anche portare a un’escalation del conflitto. “Sostengo la mia decisione”, ha detto Biden, “dopo vent’anni, ho imparato a mie spese che non esiste il momento giusto per ritirare le forze statunitensi”.


Citazione

Gli americani non devono combattere e morire in una guerra che le forze afghane non vogliono combattere.

Joe Biden

Non voglio chiedere ai nostri soldati di combattere all’infinito in un altro paese. Questo non è ciò che il popolo americano vuole, e questo non è ciò che le forze americane, che si sono sacrificate così tanto negli ultimi anni, si meritano”.

Biden riconosce che i talebani potrebbero salire al potere in Afghanistan molto prima del previsto. Incolpa il governo afghano per questo. “Gli americani non devono combattere e morire in una guerra che le forze afghane non vogliono combattere”, ha detto. Biden ha affermato che l’estensione della presenza delle truppe statunitensi non avrebbe fatto la differenza. Ecco perché, ha detto, si rifiuta di ripetere gli errori del passato, cioè di combattere una guerra senza fine che non è nell’interesse americano.

Proteggi il popolo afghano

Biden si dice scioccato da ciò che sta accadendo ora in Afghanistan e promette di continuare a sostenere il popolo afghano. Sarà fornito supporto umanitario e diplomatico.

Minaccia rappresaglie contro i talebani se impediscono le evacuazioni in corso all’aeroporto di Kabul. Se c’è un attacco, ci sarà una risposta “rapida e forte”, a quanto pare. Dice che proteggerà i cittadini americani a tutti i costi, se necessario, con “forza devastante”. Gli Stati Uniti hanno nuovamente inviato migliaia di soldati all’aeroporto di Kabul per gestire l’evacuazione degli americani.

Biden ha anche affermato che gli Stati Uniti rimangono impegnati nella difficile situazione delle donne e delle ragazze in Afghanistan. Ha descritto le scene che si svolgono oggi in Afghanistan come “strazianti”.


Citazione

Non passerò questa decisione a un altro presidente.

Joe Biden

Contanti

La risposta di Biden era attesa con impazienza. La rapida avanzata dei talebani è un duro colpo per la forza internazionale guidata dagli Stati Uniti che ha passato 20 anni a cercare di rovesciare i fondamentalisti. Gli osservatori parlano del tentativo fallito dell’Occidente di portare pace, sicurezza e democrazia in Afghanistan. “So che la mia decisione sarà criticata, ma non la consegnerò a un altro presidente”, ha detto oggi Biden. Sottolinea che è già il quarto presidente ad essere gravato da questa guerra.

Prima del commento, Biden è tornato dal suo ritiro di campagna di Camp David, dove avrebbe dovuto rimanere ancora qualche giorno.

Joe Biden tiene un incontro virtuale sulla situazione in Afghanistan da Camp David. © AP

ABC News ha anche riferito oggi che gli Stati Uniti invieranno altri 1.000 soldati a Kabul per aiutare a evacuare i cittadini americani e afgani che hanno lavorato per gli Stati Uniti. Nel frattempo, 6.000 soldati statunitensi sono già stati rimandati in Afghanistan. Fox News dice che ci saranno 7.000 persone.

‘guida pericolosa’

Un portavoce del Pentagono ha incolpato la rapida avanzata dei talebani alla scarsa leadership del governo afghano. “Puoi fornire, puoi addestrare, puoi supportare, puoi consigliare”, ha detto il portavoce. “Ma non puoi comprare la forza di volontà e la leadership e la leadership mancano”. Gli Stati Uniti decisero di intervenire militarmente in Afghanistan nel 2001, quando l’allora regime talebano diede rifugio al gruppo terroristico di al-Qaeda e si rifiutò di consegnare il leader terrorista Osama bin Laden.

Fino a quest’anno, gli americani e gli alleati internazionali sono rimasti in Afghanistan per costruire il paese e addestrare le forze locali. Quando le truppe sono partite all’inizio di quest’anno, il paese è stato rapidamente destabilizzato ei talebani sono stati in grado di occupare l’intero Afghanistan in pochissimo tempo.

Gret de Keyser: “Biden arriva come un presidente che non sa cosa fare”

Secondo Greet De Keyser, corrispondente di VTM NEWS a Washington, DC, il silenzio di Biden sulla situazione in Afghanistan mostra agli americani che non sa cosa fare. Dopotutto, gli americani amano molto la guerra in Afghanistan, iniziata dopo gli attentati dell’11 settembre 2001. Quasi tutti hanno avuto qualcuno che ha combattuto in Afghanistan e viene da chiedersi perché il governo sia tornato al punto di partenza, dopo i combattimenti. Già iniziato. Ha ucciso molte persone.

AP

© AP

Questi sono i leader dei “talebani 2.0”.

Perché (alcuni) afghani ricevono i talebani a braccia aperte? (+)

Vedi anche: Trump chiede a Biden di dimettersi per la situazione in Afghanistan

READ  Critiche al matrimonio religioso del primo ministro Boris Johnson: "Gli si applicano regole diverse?" | all'estero