QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

BioNTech vuole sviluppare un vaccino contro la malaria | medico

L’azienda farmaceutica tedesca BioNTech vuole sviluppare un vaccino a mRNA contro la malaria nei prossimi anni. La società ha annunciato oggi che prevede di avviare una sperimentazione clinica entro la fine del 2022. Il vaccino mRNA contiene lo schema di una parte dell’agente patogeno in modo che il corpo possa costruire protezione.




BioNTech afferma di lavorare su un vaccino contro l’mRNA sicuro e altamente efficace che fornirà un’immunità a lungo termine contro la malaria. L’azienda sta anche studiando la possibilità di creare impianti di produzione in Africa per produrre questi vaccini.

Il progetto è sostenuto dalla Commissione Europea, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da altre organizzazioni. Ugur Sahin, CEO di BioNTech, ha dichiarato: “Scienza, collaborazione e trasferimento tecnologico sono fondamentali per questo progetto.

La malaria è una delle malattie infettive più pericolose al mondo. Nel 2019, l’Organizzazione mondiale della sanità ha registrato 229 milioni di casi di malattia e oltre 400.000 decessi. Nella maggior parte dei casi, si tratta di bambini di età inferiore ai cinque anni.

© HLN

Gli scienziati sono alla ricerca di un vaccino affidabile da decenni, ma finora nessuna preparazione è stata approvata. “La tecnologia MRNA potrebbe essere un punto di svolta”, ha affermato il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

BioNtech, fondata nel 2008 dai coniugi Ugur Sahin e Ozlem Türeci, entrambi figli di immigrati turchi in Germania, ha guadagnato fama mondiale nell’autunno del 2020 per aver sviluppato un vaccino contro il Covid-19. L’azienda farmaceutica americana Pfizer produce e distribuisce questo vaccino.

Leggi anche:

Le zanzare della malaria non si trovano più a Campenhaut dopo l’infezione mortale di una coppia di anzianiزوج

Il primo vero vaccino per il corona: come la coppia turca e tedesca sta cambiando il mondo a tempo di record

Stefan Everts prova a godersi di nuovo la vita: “La mia vita è divisa in due parti: prima e dopo la malaria”

READ  Anche i soldati tedeschi hanno lasciato l'Afghanistan fuori dal paese