QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Boris Becker sulla sua vita in carcere: “C’era un uomo che voleva uccidermi, mi ha detto esattamente cosa voleva farmi” | gli sport

TennisBoris Becker è tornato a casa dopo aver trascorso otto mesi in una prigione britannica per frode e appropriazione indebita dei suoi beni per evitare il fallimento personale. Non essere ripetuto. “È stato il momento più solitario della mia vita”, ha detto Baker del momento in cui la porta della cella si è chiusa.

Guarda. Baker è scoppiato in lacrime in un documentario sulla sua vita: “Ho raggiunto il punto più basso della mia vita”.

Quella che era sembrata a lungo una storia sensazionalista da tabloid si è trasformata in una dura realtà ad aprile. La star del tennis Boris Becker è stata imprigionata. Dopo aver dichiarato bancarotta nel 2017 perché non era in grado di rimborsare un prestito multimilionario da una banca britannica, “Boom Boom Becker” è stato anche scoperto che aveva spostato fondi tra i suoi conti per ridurre i suoi beni. Un delitto che il 29 aprile è costato al tre volte campione di Wimbledon 30 mesi di carcere. “Certo che ero colpevole”, ha ammesso Becker per la prima volta sul canale tedesco Sat 1, dopo aver mostrato poca responsabilità durante le udienze. “Probabilmente avrei dovuto reagire in modo più esplicito ed emotivo durante questo processo. Ma ehi, sarebbe potuta andare molto peggio”.

In ogni caso, Baker è stato immediatamente portato nella prigione di Wandsworth e non ha potuto nemmeno salutare i suoi cari dopo il verdetto. Quando la porta della cella si è chiusa dietro di lui, tutto è diventato troppo per Becker: “Quelli sono stati i momenti più solitari che abbia mai vissuto”, ha detto il tedesco. La vita tra quattro mura non era divertente. “Avevo anche fame per la prima volta nella mia vita”, dice Baker, che doveva sopravvivere con una “dieta” di riso, patate e salsa.

READ  Gli estremisti intensificano le critiche all'esercito dopo il ritiro di Kherson

©AP

Il problema più grande era la violenza in prigione. Baker non si sentiva al sicuro al suo arrivo – “molti dei film (prigionieri) che avevo visto prima non aiutavano” – e divenne presto chiaro che altri detenuti lo stavano prendendo di mira, nonostante avesse tre “ascoltatori” (esperti prigionieri). Ha il compito di guidarlo nei suoi primi passi dietro le sbarre. “C’era questo ragazzo che voleva uccidermi”, ha detto Becker con le lacrime agli occhi durante l’intervista. “Mi ha detto esattamente cosa voleva fare con me.” È stato salvato dalla sua situazione precaria dagli “amici” che ha stretto con un breve preavviso. Tre uomini, guidati da suo fratello Eck, hanno protetto Becker dall’aggressore. che è venuto a scusarsi con l’ex allenatore di Novak Djokovic il giorno successivo.

Becker sospirò: “Non sei nessuno in prigione”. “Tu sei No. Il mio era A2923EV. Non si chiamavano Boris. A loro non importa chi sei.” Allo stesso tempo, questo è stato un controllo della realtà per l’ex prima persona al mondo, che vive sempre nei circoli del jet-set. “Penso di aver scoperto l’umano in me, l’uomo che ero una volta. Sono diventato più umile. Molto mite. Ho imparato una dura lezione. Una lezione anche molto costosa. Una lezione molto dolorosa. Ma tutta questa cosa mi ha insegnato qualcosa di importante e buono.”

Baker, che aveva studiato filosofia stoica e allenamento fisico mentre era in prigione e insegnava matematica ai detenuti, si trasferì a Huntercombe pochi mesi dopo. Anche lì ha fatto rapidamente amicizia con gli altri detenuti. Il 22 novembre, hanno persino servito tre piccoli brownies al cioccolato per il suo 55esimo compleanno. “Non ho mai visto una simile solidarietà prima nel mondo libero”, ha detto Becker, che voleva tenersi in contatto con alcuni dei suoi compagni di cella. Non sarebbe così ovvio, perché un uomo che un giorno avrebbe un patrimonio netto di circa 130 milioni di euro non sarebbe teoricamente ammesso in Gran Bretagna per i prossimi dieci anni.

Francia Agenzia di stampa

© Afp

Il 15 dicembre è stato rilasciato presto dopo otto mesi nell’ambito di un programma di rimozione accelerata degli alieni e trasferito in Germania. “Ero pronto sul bordo del letto dalle sei del mattino, sperando che la porta della cella si aprisse”, ha sorriso Becker. “Sono venuti a prendermi alle otto e mezza. Mi hanno chiesto: ‘Sei pronto?'”Los J‘, Ho detto. Ho già impacchettato tutto”. Becker ha letteralmente assaporato la sua libertà: “Giovedì sera sono atterrato a Stoccarda dove nessuno mi ha visto tranne alcuni doganieri che mi hanno accolto nel mio paese. Ho passato la notte a casa di un amico bevendo una birra. La migliore birra della mia vita”.

La Germania non sarà la meta finale, nonostante la sua federazione tennistica voglia insediarlo nuovamente. Per motivi di privacy, Baker probabilmente considererebbe Miami o Dubai per continuare la sua vita. “Ora tocca a me restare sulla retta via”, ha detto. “Dal 2012 vivo a credito e al di sopra delle mie possibilità. Per molto tempo ho pensato di poter continuare perché ero all’apice della mia carriera sportiva. Nel frattempo ho tenuto la tabula rasa e ho solo persone che significano bene per me. Sono felice perché posso vivere di nuovo normalmente. E sento che stai iniziando a lavorare.

Leggi anche:

Dopo il successo di ‘Drive to Survive’, ora Netflix propone anche una serie sul tennis (tutti i grandi nomi in circolazione)

Boris Becker, uscito oggi dalla prigione britannica, è scoppiato in lacrime in un documentario sulla sua vita: “Ho toccato il fondo”