QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Boris Johnson sbatte dopo la battuta sulla chiusura del carbone

Il primo ministro britannico Boris Johnson è stato criticato dopo una dichiarazione sulla chiusura delle miniere di carbone ai tempi di Margaret Thatcher.

La sentenza è arrivata sulla questione se fissare una scadenza per fermare l’estrazione di combustibili fossili. È stato intervistato in un parco eolico nel Murray Firth dopo il vertice sul clima COP26 a Glasgow alla fine dell’anno.

“Guarda cosa abbiamo già fatto”, ha detto Johnson. Ci siamo già allontanati dal carbone. Grazie a Margaret Thatcher, che ha chiuso molte miniere di carbone del paese, abbiamo già avuto un vantaggio e ora ci stiamo allontanando dal carbone a un ritmo accelerato.

Non ha niente a che fare con il clima

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon (SNP) non è stato molto gentile con Johnson. “La vita e le comunità in Scozia sono state completamente devastate dalla devastazione dell’industria del carbone da parte della Thatcher (che non ha nulla a che fare con la sua preoccupazione per il pianeta)”, ha scritto su Twitter.

La chiusura delle miniere non faceva parte della politica verde all’epoca, ma il primo ministro Thatcher ha messo in guardia sui gas serra nel 1989. “Di conseguenza, è probabile che i cambiamenti in futuro siano più fondamentali e pervasivi di qualsiasi cosa abbiamo conosciuto”, ha detto al Nazioni Unite di allora. Fino ad ora”.

Il primo ministro Thatcher ha chiuso le miniere perché non erano più efficienti e costavano troppo, ma la decisione ha avuto gravi conseguenze per le comunità locali. Ciò è confermato anche da Mark Drakeford (Laburista), Primo Ministro del Galles, su BBC 4. “Il danno arrecato alle aree minerarie del Galles 30 anni fa è incalcolabile e ora i conservatori stanno ancora celebrando ciò che hanno fatto”.

READ  Almeno 115 morti a causa delle forti piogge monsoniche in India | all'estero