QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Boutique di Worcester | Stromae: ballare con un groppo in gola

Non solo abbiamo l’abitudine di essere d’accordo con gli americani, ma per quanto riguarda Stromae, siamo d’accordo: questo era di classe mondiale.

Al festival, non sperare davvero in spettacoli belli e buoni: ce ne dovrebbe essere almeno uno che faccia pensare a tutti “quanto siamo stati bravi a viverlo”. Alla Werchter Boutique quella è stata la performance di Stromae. Tutti e due roccia rotolante Se la pittura Chiamalo una delle 210 feste di Coachella che hai dovuto guardare ad aprile. Ha detto: “La performance del giovane rocker elettrico era tutto ciò che la performance di Drake non c’era”. la pittura: onestà, passione, efficienza, umorismo, fiducia in se stessi e ambizione. È una star completa nel corpo di un talento in erba.

È stata proprio quell’emozione a farlo. Stromae ha segnato il punteggio più alto in molti punti. Il suono era fantastico. Il modo in cui i suoi quattro musicisti mescolavano elementi “strani” nelle loro parti elettriche – ukulele in “Fils de Joie”, chitarra charango peruviana in “Santé” – suonava completamente naturale e maturo, non come un’invenzione intelligente di un prodotto. La varietà delle esibizioni e la facilità con cui Stromae si trasforma da un’atmosfera all’altra è sorprendente: le voci gentili in “Quand c’est” tacciono persino le chiacchiere di questo pubblico spensierato, l’ambientazione audace e deprimente in lui . Una canzone orecchiabile come L’enfer, che dovrà cantare fino alla fine dei suoi giorni, merita rispetto.


Foto: Queen Butters

Ma è stata la sua abilità nel mobilitare le emozioni che ti stringe la gola in canzoni a cui è impossibile restare a guardare, come “Papaoutai”: 45.000 persone hanno ballato fino all’anima – e quanto è stato bello vederlo. Alternava momenti difficili con umorismo gentile: il cane robot che gli aveva portato un asciugamano, il suo commento sul fatto che il suo supervisore Yosho Moshodo non capiva davvero “niente” nei suoi testi di rilegatura in olandese, a causa del giapponese-francese-gli altri tre erano belgi.

Stromae ha il fascino delle star non belghe, sia che si aggiri per il palco al rallentatore o che suoni la batteria durante “Ta fête”. Se non avesse indossato una maglia in stile spagnolo con mantiglie fluenti, ma su una vecchia pista da corsa di Slagerij Van Kampen, la sua presenza sarebbe stata comunque travolgente. Tuttavia, il belga senza pretese che ha ampiamente elogiato i suoi quattro musicisti – e tra l’altro, giustamente – ma anche i suoi modi, la sicurezza e persino lo studio cinematografico belga che ha realizzato l’animazione di Stromae che ci ha mostrato sul grande schermo è rimasto, tra le altre cose, un ballo per “Santi”.

Non importa quanto duramente ci provassero gli altri, qui erano tutti favorevoli a Stromae. Questo sarebbe stato anche il caso se avesse cantato al Rock Werchter dopo i Metallica o i Pearl Jam, davanti a 60.000 persone. “Compagni: grazie mille”, ha detto dopo una versione brutale di “Alors on danse”. Il divertimento è stato interamente dalla nostra parte.

Stromae, visto alla Werchter Boutique il 19 giugno 2022

Boutique di Worcester |  Stromae: ballare con un groppo in gola


Foto: Queen Butters

READ  Lil Klein esce dalla cella ridendo con un sacco della spazzatura in mano | spettacolo