QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Brexit News: pescatori italiani arrabbiati perché il Regno Unito si impadronisce della quota di tonno dell’UE | Politica | notizia

Prima che venisse raggiunto un accordo dell’ultimo minuto la vigilia di Natale, il Regno Unito e l’UE si sono scontrati più volte sui diritti di pesca. Boris Johnson è stato attaccato in relazione a un accordo di pesca protetta con l’Unione Europea, ma ora sembra che l’industria del tonno in Italia dovrà presto affrontare un duro colpo.

Il quotidiano italiano Courier Della Cera ha detto che l’uscita dal Regno Unito “porterebbe a una nuova distribuzione delle quote c amministrate in tutto il mondo dall’ICCAD (Commissione internazionale per la protezione dei tonnidi dell’Atlantico)”.

L’ICCAD distribuisce gli stanziamenti ogni anno tra i paesi UE e non UE.

Una riunione dei ministri di Bruxelles oggi e domani sta valutando la possibilità di dare al Regno Unito un ruolo da svolgere nel danneggiare la quota di tonno dell’UE.

La notizia ha suscitato indignazione in Italia, dove il gruppo lobbistico Fedocribesca-Confocoporative chiede che “il problema sia risolto”.

Per saperne di più: scoppiano i conflitti nell’UE: la Germania dirige la Francia sui vaccini

La pesca è stata a lungo una questione controversa nei negoziati commerciali e ha minacciato di far deragliare l’accordo Brexit dello scorso anno.

L’accordo dell’undicesima ora ha comportato modifiche alla quota di pesca di cui godono le navi europee su navi britanniche.

Ciò garantisce che il 25% dei diritti di pesca dell’UE nelle acque britanniche venga trasferito alla Marina britannica per un periodo di cinque anni.

Successivamente, i negoziati annuali determineranno come verranno catturati il ​​Regno Unito e l’UE e la Gran Bretagna ha il diritto di escludere del tutto le barche dell’UE dopo il 2026.

Molti in Europa sono stati sollevati dal fatto che l’accordo commerciale UE-Regno Unito sia stato tassato per evitare qualsiasi situazione contrattuale, ma alcuni pescatori danesi sono arrabbiati per i termini attuali.

READ  Cindy porta il suo tocco di Italia a Rosler con la sua gastronomia

L’Associazione danese per la pesca, Swend Erik-Anderson, ha avvertito che il calo degli stanziamenti danesi potrebbe portare alla perdita di mezzi di sussistenza.

Ha detto: “Questo è molto serio. Ci aspettiamo che i pescatori perdano i loro mezzi di sussistenza, il che sarà un duro colpo contro la Danimarca, così come contro lo Jutland settentrionale e occidentale, dove la pesca svolge un ruolo significativo ed è la linfa vitale di molte comunità locali. “

“Questo vale per i nostri membri e per coloro che lavorano nelle industrie di monitoraggio nei porti di pesca.

“È molto preoccupante che il disegno di legge per la Brexit stia colpendo alcuni pescatori più duramente di altri. Sembra che i consumatori giocheranno una quota irragionevolmente elevata nel prezzo di accesso alla pesca, che sarà disastroso per la loro attività”.

Il signor Eric-Anderson ha elogiato il suo governo per aver difeso i pescatori danesi, ma ha avvertito che avevano bisogno di sostegno per far fronte ai cambiamenti.

Ha concluso: “Anche se siamo il risultato delle nostre paure, il governo dovrebbe essere lodato per aver lottato per la pesca danese.

Relazione aggiuntiva di Maria Ortega