QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Brutti perdenti: gli attacchi del presidente del Paris Saint-Germain, riferimento e allenatore di Pochettino, prendono di mira anche McCully | Champions League

Il Paris Saint-Germain non è l’epitome di un perdente sportivo. La rabbia del club francese dopo l’esclusione del Real Madrid si è concentrata sull’arbitro Danny McKelley. Anche il presidente avrebbe attaccato l’arbitro dopo la partita.

L’esclusione ha colpito duramente il Paris Saint-Germain. L’allenatore Mauricio Pochettino ha puntato il dito contro l’arbitro olandese Danny Makele. Avrebbe mancato il pareggio per il Real Madrid.

“Non è facile spiegare cosa è successo qui”, ha detto l’allenatore del PSG Pochettino. “C’è stato un chiaro fallo su Gianluigi Donnarumma a Benzema 1-1 e questo ha cambiato tutto”.

“Difficile non parlare di questo fatale errore arbitrale, che non riesco a capire e non posso perdonare. Inoltre non capisco perché l’arbitro non abbia richiesto il VAR per questa fase”.

Tutto è iniziato senza segnali acustici per colpa di Donnarumma. Non è normale quello che è successo qui.

Maurizio Pochettino

Pochettino ha poi sentito la partita scivolata dal PSG. “Dopo quel pareggio, tutto è cambiato: lo stadio ha creduto di nuovo in lui ei miei giocatori si sono innervositi. Sono arrabbiato e frustrato per questa situazione”.

“E’ stata la cosa peggiore che ci potesse capitare, perché abbiamo perso tutto in 10 minuti. Tutto è iniziato con l’errore capitato a Donnarumma che non ha fischiato. Non è normale quello che è successo qui”.

L’allenatore del PSG sa che non passerà facilmente un periodo. “Il resto della stagione sarà difficile. Tutti sanno che la Champions è il grande obiettivo del PSG. Questa eliminazione non andrà bene ai nostri tifosi, ma in momenti come questi bisogna anche ricordare la cosa giusta”.

READ  Kurt Nielsen segna una tripletta dopo una snervante partita al gatto col topo con Peloton | Vuelta a Espana 2021

Il presidente del Paris Saint-Germain impazzisce nelle catacombe

L’importanza della Champions League per il Paris Saint-Germain era evidente anche dal comportamento del suo presidente, Nasser Al-Khelaifi. Infatti è andato dall’arbitro dopo l’eliminazione.

Secondo diverse fonti, sarebbe andato alle catacombe: imprecando, urlando e bussando alla porta, avrebbe cercato di arrivare a Makkelie. Era presente anche il Direttore Tecnico Leonardo.

Quando Al-Khelaifi ha visto che un vero impiegato stava filmando il suo comportamento, ha agito in modo più aggressivo. Il dipendente ha minacciato. Si dice che Al-Khulaifi abbia gridato: “Ti ucciderò”. Doveva essere fermato da una delle sue guardie di sicurezza.

Il suo comportamento potrebbe portare a un rigore da parte della UEFA. Al-Qatari è membro del Consiglio direttivo UEFA come presidente dell’ECA, la European Football Club Association.