QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Caduta dei resti di un missile cinese nell’Oceano Pacifico

Il comando spaziale dell’esercito americano ha dichiarato su Twitter che un razzo cinese che ha lanciato parte di una stazione spaziale lunedì scorso è rientrato nell’atmosfera venerdì. I detriti caddero nell’Oceano Pacifico.

Prima che i resti del missile cadessero nell’oceano in modo incontrollabile, ha sorvolato l’Europa meridionale. In alcune parti della Spagna, lo spazio aereo è stato temporaneamente chiuso. Nella regione spagnola della Catalogna, i detriti in fiamme hanno già dato luogo a uno spettacolo giovedì sera.

stazione Spaziale

La Cina lunedì ha lanciato il cosiddetto veicolo di lancio Long March 5B per trasportare nello spazio il terzo e ultimo segmento della stazione spaziale cinese Tiangong (Sky Palace). L’unità si chiama Mengtian, o Dreaming of Heaven.

Questi missili pesano 21 tonnellate e sono alti 10 piani. Oggetti di queste dimensioni non bruciano completamente nella nostra atmosfera: “In genere dal 20 al 40 percento di questi oggetti raggiunge la Terra, a seconda del design”, secondo l’Aerospace Corporation, specialista in California, con sede negli Stati Uniti.

Ma a differenza del simile “rientro” di missili americani e russi, è stato un atterraggio incontrollato. Secondo l’esperto americano Gregory Henning del Center for Studies of Orbital Debris and Return, non c’erano dati sufficienti per fare previsioni su dove finiranno i detriti spaziali. Di conseguenza, “l’88 per cento della popolazione mondiale si trovava nell’area in cui potrebbe cadere un missile”. Tuttavia, le probabilità di essere esposti a un pezzo di detriti sono 6 su 10 trilioni.


Foto: flightradar24.com

Contanti

La Cina ha lasciato che i suoi missili si schiantassero incontrollati da tempo, con grande dispiacere di altri paesi con programmi spaziali. “I quattro precedenti missili della Lunga Marcia erano la terza, la quarta, la quinta e la sesta causa di dimensioni incontrollabili”. rientro disse Henning. Si è schiantato in Africa occidentale (2020), Oceano Indiano (maggio 2021), Malesia, Indonesia e Filippine (luglio 2022), ogni volta senza vittime.

“La maggior parte degli altri eventi è avvenuta più di 30 anni fa e spesso sono stati anche accidentali. Da allora gli standard per i viaggi nello spazio sono cambiati, perché abbiamo le capacità per distruggere oggetti così grandi in modo controllato”, ha affermato l’esperto americano. La maggior parte delle nazioni che viaggiano nello spazio hanno già concordato regole in questo senso da tempo. Ma spetta a ciascun Paese decidere se vuole seguire queste regole.

READ  Von der Leyen: la Russia ricatta il mondo con la minaccia della fame | all'estero