QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cambiamento permanente dell’attività cerebrale negli anziani

I pensieri e le emozioni negative non solo ti rendono felice, ma hanno anche un effetto duraturo sul cervello. I ricercatori svizzeri hanno scoperto un cambiamento nell’attività cerebrale negli anziani.

Ansia, depressione e altre emozioni negative sono state a lungo sospettate di aumentare il rischio di demenza e altre malattie cerebrali. Ma qual è esattamente l’effetto sul cervello ed è possibile limitare i danni? I neuroscienziati svizzeri hanno confrontato un gruppo di ventenni e un gruppo di persone di età superiore ai 65 anni con immagini televisive di persone in difficoltà psicologica e hanno analizzato l’attività cerebrale delle persone. Si è scoperto che il gruppo più giovane era emotivamente resiliente e si è ripreso abbastanza rapidamente dopo le immagini pesanti. Questo processo è stato molto più lento nel gruppo più anziano. Le scansioni MRI hanno mostrato chiaramente che sono rimasti più a lungo e più profondamente nello stato emotivo negativo. Questo processo è noto anche come immobilità emotiva o psicologica. Specialmente Corteccia cingolata posteriore E l’amigdala, due regioni del cervello fortemente coinvolte nel controllo delle emozioni e nella memoria autobiografica, diventava rossa nelle generazioni più anziane.

Resilienza emotiva
I neuroscienziati lavorano da vent’anni per capire come il nostro cervello risponde alle emozioni. “Cominciamo a capire cosa sta succedendo nel momento in cui diventiamo consapevoli di uno stimolo emotivo”, spiega l’autrice principale Olga Klimecki. Tuttavia, ciò che accade dopo rimane un grande mistero. In che modo il cervello passa da un’emozione all’altra? In che modo il cervello ritorna al suo stato originale? La resilienza emotiva cambia con l’età? Quali sono le conseguenze per il cervello se qualcuno si imbottiglia i loro sentimenti o li ha maltrattati con i suoi affetti in un altro modo?” La ricerca risulta quale in natura Di ritorno , Mostra che gestire meglio le emozioni, ad esempio attraverso esercizi di meditazione, può rallentare il decadimento cerebrale.

READ  Lo studio PRO-FIT considera la riabilitazione cardiaca come una procedura alternativa

Precedenti ricerche hanno dimostrato che la capacità di cambiare rapidamente stati emotivi è associata a una mente sana. Al contrario, le persone che sopprimono i propri sentimenti e rimangono a lungo in un certo stato emotivo hanno maggiori probabilità di sviluppare la depressione. “Il nostro obiettivo era monitorare i cambiamenti nel cervello che rimangono dopo aver visto scene emotive. Volevamo analizzare la risposta del cervello e i suoi meccanismi di riparazione. In questo modo, ci siamo concentrati sulle persone anziane per saperne di più sulle potenziali differenze tra il normale invecchiamento e il deterioramento a causa di una malattia”, afferma il ricercatore Patrick Vuilliumier.

io tv
Ai 183 soggetti sono stati mostrati brevi filmati televisivi di persone in stato di disagio emotivo, ad esempio durante una calamità naturale o altra emergenza. Sono stati anche forniti video di controllo con contenuto emotivo neutro. Nel frattempo, l’attività cerebrale è stata misurata utilizzando uno scanner MRI. In primo luogo, il team ha confrontato un gruppo di 27 persone di età superiore ai 65 anni con un gruppo di 29 persone di età superiore ai 25 anni. Poi lo stesso esperimento è stato ripetuto con 127 anziani.

“Le persone anziane mostrano un modello diverso di attività cerebrale e connettività rispetto ai giovani”, ha affermato il ricercatore Sebastien Baez-Lego. Ciò è particolarmente evidente nell’attività della rete predefinita, una rete di regioni del cervello che sono principalmente attive nello stato di riposo. L’attività in queste aree è interrotta dalla depressione o dall’ansia, suggerendo che sono coinvolte nella regolazione delle emozioni. Negli anziani, le scansioni mostrano un aumento delle connessioni inter-podaliche corteccia cingolata, responsabile della memoria autobiografica, e l’amigdala, che elabora importanti stimoli emotivi. Queste connessioni sembrano essere più forti nelle persone che provano ansia, preoccupazione e pensieri negativi”.

READ  Un forte aumento del tasso di sopravvivenza dei bambini malati di cancro | interni

Emotivamente congelato
“L’ignoranza emotiva, l’ansia e la depressione aumentano il rischio di demenza o funziona nella direzione opposta? Ancora non lo sappiamo”, ha detto Baez-Logo. “Sospettiamo che le persone più ansiose trovino emotivamente difficile rimuovere se stessi da una persona o situazione. L’inerzia emotiva nella vecchiaia può quindi essere spiegata dal fatto che il cervello di queste persone rimane “congelato” in uno stato passivo. Associano la sofferenza degli altri con i propri ricordi emotivi e non possono sfuggire ai sentimenti negativi”. Quindi si verifica un cambiamento permanente nel cervello che può aumentare il rischio di demenza.