QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cancellazione Tomorrowland potrebbe costare al governo fiammingo fino a 1,8 milioni di euro, e Bart Sommers vuole consultarsi con il sindaco Bohm e Romst: ‘Se c’è buona intenzione, si possono trovare soluzioni’ | Notizie su Instagram VTM

Il ministro degli Interni fiammingo Bart Sommers (Open Vld) parlerà ai sindaci di Bomme e Romste “la prossima settimana” della loro decisione di non consentire il festival di danza Tomorrowland di quest’anno. È stato annunciato giovedì sera. “Insieme dovremmo essere in grado di organizzare quel (festival) in sicurezza”, sembrava. Se il festival non può essere organizzato, potrebbe costare al governo fiammingo fino a 1,8 milioni di euro. “Questo è il risultato del sistema di pagamento anticipato del governo fiammingo. Se un evento non può accadere, i costi già sostenuti che non possono essere recuperati devono essere rimborsati”, conferma a VTM Nieuws il ministro dell’Economia Hilde Krewitz (CD&V).




I sindaci Jeroen Baert (Boom, N-VA) e Jurgen Callaerts (Rumst, N-VA) hanno presentato la domanda di autorizzazione per un rilascio differito a Tomorrowland alla fine di agosto e all’inizio di settembre. Rifiuto. I sindaci affermano, tra le altre cose, che deve ancora essere presa una decisione ministeriale su eventi fino a 75.000 persone e che la polizia non vede il lavoro extra necessario per esaminare i certificati Corona. Ma il contesto epidemiologico li preoccupa particolarmente.

Sommers ora vuole discutere questa decisione con il sindaco. “Naturalmente spetta alla giurisdizione locale e all’autonomia delle nostre città e comuni decidere autonomamente se determinati eventi possono essere organizzati nelle loro terre, ma dal governo fiammingo abbiamo appena fatto una campagna affinché i festival siano resi disponibili di nuovo quest’estate”, Egli ha detto.

In una conversazione con HLN Live, il ministro per l’Open Vld ha sottolineato di aver compreso le argomentazioni dei sindaci, ma ha osservato che le persone hanno bisogno di eventi come Tomorrowland “per poter rivivere le gioie della vita”. La decisione è stata anche descritta come un duro colpo per il settore degli eventi e per l’occupazione in questo settore. Secondo il ministro dovrebbe essere possibile trovare soluzioni alle obiezioni pratiche dei sindaci. “Dobbiamo avere il coraggio di tornare alla vita normale, sicuramente dalla seconda metà di agosto”.

READ  Jan Smit sarà presto nella Pop-Up Arena Middelkerke | Dopo l'esaurimento Showbiz

“Questo settore ha sofferto molto della crisi del Corona e li abbiamo sostenuti con risorse finanziarie per superarla, ma dal 13 agosto sarà di nuovo possibile organizzare festival più grandi”, si legge nel comunicato. Sono convinto che possiamo organizzare anche Tomorrowland”, sembra ancora.

circostanze

Sommers ora spera di poter formulare le premesse con i sindaci affinché il festival possa continuare. Sembra che “i sindaci restino responsabili alla fine, e io voglio rispettarlo”. Ma voglio vedere con loro i problemi che esistono e come possiamo risolverli insieme. Penso che dovrebbero almeno fare uno sforzo molto serio insieme per vedere se questa festa può durare per migliaia di persone”, sembra. “Penso che se ci sono buone intenzioni, ci sono soluzioni”.

Il ministro dice anche di voler consultare il ministro degli Interni Annelies Verlinden (CD&V) per trovare una soluzione, tra le altre cose, al problema della capacità della polizia. Somers indica anche la mancanza del decreto ministeriale come un problema meramente pratico. “L’attuale MB scade alla fine di giugno e dovrebbe essercene uno nuovo all’inizio di luglio. Nei prossimi giorni si lavorerà su una nuova risoluzione, che afferma che i festival, come Tomorrowland, possono continuare nella seconda metà di agosto. Ovviamente in determinate condizioni di salute”.

pre-arrangiamento

Gli organizzatori di eventi possono richiedere al governo fiammingo in primavera un anticipo rimborsabile fino al 60 percento dei costi totali. L’anticipo, aumentato fino a un massimo di 1,8 milioni di euro, era destinato a pagare le spese, ad esempio, agli autori di opere teatrali o di materiale stampato. Secondo lo schema anticipato del governo fiammingo, l’organizzatore non dovrebbe rimborsare il sussidio per i costi già sostenuti se l’evento non può aver luogo a causa delle misure Corona.

READ  Sarò il Commissario Corona: i festival devono rendersi conto che ...

“In linea di principio abbiamo deciso di dare il massimo dei progressi”, afferma il ministro dell’Economia fiammingo Hilde Krewitz. Sembra che “se (il festival) non può aver luogo, i costi già sostenuti che non possono essere recuperati non dovrebbero essere rimborsati da Tomorrowland”. Oppure significa che il governo fiammingo dovrebbe effettivamente pagare 1,8 milioni di euro a Tomorrowland, e Krevits ritiene che sia troppo presto per rilasciare dichiarazioni in merito al momento. “Dipende dai costi. Tomorrowland dovrà poi fatturare quanto già pagato”.

Krevits considera di secondaria importanza il fatto che il governo fiammingo benefici finanziariamente del festival. Ha sottolineato che è sempre stata intenzione del governo fiammingo rendere possibile, attraverso questa disposizione, che gli eventi si svolgessero. Sembra che “se i sindaci decidono per motivi di sicurezza che il semaforo non può ancora diventare verde, bisogna rispettare quella decisione”. Tuttavia, Krevits spera che ulteriori consultazioni forniranno una soluzione.

Da “Apri subito una bottiglia di kava” a “È semplicemente stupido”: comprensione e delusione per la cancellazione di Tomorrowland(+)

Un bar di via Tomorrowland, ma Pukkelpop continua così: “Fiducia nella nostra capacità di organizzare il festival in sicurezza e a norma di legge”(+)

Il sindaco di Romest Jürgen Kallerts (a sinistra) e van Bom Jeroen Bert hanno annunciato durante una conferenza stampa giovedì che la loro richiesta di permesso per il Tomorrowland Festival è stata respinta. © BELGA