QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cancro ma non c’è cura: perché la fonte è sconosciuta

Secondo il Comprehensive Cancer Center nei Paesi Bassi, ogni anno a circa 1.500 pazienti viene diagnosticato un tumore primario sconosciuto. Questo cancro è ugualmente comune tra uomini e donne ed è implacabile. Entro un anno dalla diagnosi, l’85% dei pazienti è morto.

Preoccupazione

Jan Baumann soffre di PTO alterata. A Pasqua, sentì un nodo al collo. “Fa male”, ha detto a EditieNL. “Il dottore ha detto: ‘Chiama di nuovo tra tre settimane, poi vedremo. Ma il giorno dopo ho chiamato di nuovo, ero preoccupato.'”

Quindi è stato eseguito immediatamente un esame del sangue ed è stata eseguita un’ecografia. “Il 29 aprile mi è stato detto che avevo il cancro e non c’era molto che potessi fare. Avevo ragione su quel colpo”. Seguono ulteriori ricerche. “Giorno in un giorno in ospedale.”

Nessuna fonte

Geert-Jan ha subito quattro trattamenti, ma sono stati interrotti quando le metastasi non si sono ulteriormente ridotte. “Devo tornare il 12 novembre per un test. Quindi sperano di trovare la fonte attraverso la ricerca sul DNA in modo da poter iniziare il trattamento. Non è possibile in questo momento, perché la fonte è sconosciuta”.

La stessa cosa è successa a Hendrick, che è morto all’età di 32 anni nel gennaio 2019. “Un giorno dopo la sua prima chemioterapia”, ha detto a EditieNL la sua fidanzata Warnetta Maynard, co-fondatrice di Mission Tumor Unknown. Spera che la nuova tecnologia del DNA porti a un piano di trattamento per i nuovi pazienti. Secondo lei, anche il cancro deve essere ampiamente conosciuto. “Tutti conoscono il cancro al seno, tutti dovrebbero imparare anche questo”.

READ  Medicina d'urgenza per persone con difese deboli contro il corona nonostante le vaccinazioni

Ricerca sul DNA

“È insopportabile non ricevere cure o cure”, spiega Warneta. Ha fatto il suo lavoro con Mission Tumor Unknown per assicurarsi che i pazienti che, come Hendrik, hanno PTO soffrano di meno.

Il test del DNA dovrebbe facilitare la ricerca della fonte. Il nuovo metodo di ricerca dovrebbe consentire di scoprire se esistono specifiche anomalie del DNA con cui è possibile erogare una terapia mirata.

Warynta vuole anche dimostrare alla scienza che il modo in cui vengono realizzati i piani di trattamento ora non è perfetto. “Non esiste un piano di trattamento senza una fonte. Quindi c’è un gruppo molto ampio che non rientra in un piano. I nuovi pazienti dovrebbero sapere che ora ci sono nuove tecnologie”.

Dalla fine di aprile, la tecnologia del DNA è stata rimborsata dalle compagnie assicurative e utilizzata da Erasmus MC e Anthony van Leeuwenhoek.