QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

CanIndia News – Capire come i pipistrelli sono resistenti al Covid potrebbe aiutare con nuovi trattamenti per gli esseri umani

Una revisione suggerisce che lo studio delle risposte dei pipistrelli alla SARS-CoV-2 potrebbe fornire importanti spunti su come e quando utilizzare al meglio i trattamenti esistenti per Covid-19 e per sviluppare nuovi trattamenti.

La recensione, pubblicata su Science Immunology, esamina come il virus che ha causato l’attuale pandemia stia devastando il sistema immunitario umano.

La revisione, guidata dalla Monash University, ha mostrato che l’antenato comune dell’attuale virus Covid-19 è apparso molto probabilmente nei pipistrelli di età compresa tra 40 e 70 anni, “sebbene il tipo esatto di pipistrello o ospite intermedio coinvolto nell’epidemia del 2019 rimanga sfuggente. .”

I pipistrelli vengono infettati dal virus, ma mostrano una malattia minima.

Sebbene i pipistrelli possano infettarsi a vicenda con SARS-CoV-2, non mostrano alcun effetto clinico e non mostrano gli stessi problemi polmonari che colpiscono gravemente gli esseri umani.

Il team ha suggerito che alcuni dei modi in cui i pipistrelli sembrano combattere il Covid potrebbero essere utilizzati in trattamenti come la modulazione della risposta immunitaria umana al virus in modi che i pipistrelli sembrano utilizzare, inclusa la stimolazione delle risposte all’interferone di tipo I e III o, una volta che ciò accade. Mille dollari. Progressione della malattia: blocco delle molecole infiammatorie per imitare ciò che accade nei pipistrelli.

“Prevenire la progressione verso la malattia acuta o trattarla efficacemente – in altre parole, imitando i pipistrelli – allevierebbe la sofferenza e salverebbe vite in modo drammatico”, ha affermato il professor Marcel Nolde della Monash University.

Da quando è stato identificato per la prima volta nel dicembre 2019, SARS-CoV-2 è mutato e le varianti Alpha, Beta e Delta sono più contagiose del ceppo originale.

READ  Un innovativo cerotto emostatico da applicare per la prima volta

Nello specifico, il ceppo delta è diventato del 60-79 percento più trasmissibile rispetto alla mutazione alfa e presumibilmente più letale, ha detto Nold.

Ha aggiunto che c’è ancora “un urgente bisogno di cure efficaci, almeno in parte a causa dell’emergere di mutazioni”.

Il team ha avvertito che “prevenire l’infezione da SARS-CoV-2, o consentire ai pazienti di eliminarla, è l’obiettivo finale nella lotta contro il Covid-19: ma non è certo quando entrambi diventeranno affidabili”.

“Pertanto, gli sforzi per identificare trattamenti sicuri ed efficaci per impedire a Covid di progredire a fasi moderate e gravi della malattia sono fondamentali nel controllo della malattia”, ha affermato Nold.

Questo “può ridurre l’eccessiva infiammazione, l’affaticamento immunitario e le tempeste cellulari che le persone sperimentano”, ha osservato Nold.

– Yan

rvt / dpb