QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Caporedattore del più grande quotidiano tedesco licenziato dopo nuove accuse di questioni personali e abuso di potere | All’estero

“Negli ultimi giorni, grazie al lavoro giornalistico, l’azienda ha acquisito nuove conoscenze sull’attuale comportamento di Julian Reichelt”, ha affermato l’editore in una nota. “La società ha verificato queste informazioni. Il consiglio di amministrazione ha appreso che Julian Reichelt non ha separato chiaramente la vita privata dal lavoro, anche dopo aver raggiunto un accordo questa primavera. Né ha detto al consiglio la verità sulla questione”.

L’editore del quotidiano, che conta otto milioni di lettori giornalieri, afferma che non ci sono accuse di molestie o aggressioni sessuali. Reichelt non ha separato chiaramente le questioni personali e professionali l’una dall’altra e la direzione ha detto bugie durante le indagini, secondo una dichiarazione.

Dopo le prime denunce di abuso di potere e sfruttamento dei lavoratori autonomi, già in primavera è stato avviato un procedimento interno. Ha concluso che Reichelt potrebbe tornare come caporedattore dopo essere stato sospeso per 12 giorni. Poi aveva una donna accanto a lui.

Tuttavia, un nuovo articolo pubblicato lo scorso fine settimana sul New York Times ha riportato le cose indietro. Questo articolo riguardava i piani di Springer di affrontare la politica americana, ma faceva anche riferimento a ricerche inedite dei giornalisti tedeschi sul comportamento di Reichlt. Avendo avuto una seconda possibilità questa primavera, la sua partenza è ora “inevitabile”, secondo la società di media.

Reichelt succede al 37enne Johannes Boe, fino ad ora presidente di Welt am Sonntag. Anche questo giornale della domenica appartiene all’impero di Axel Springer.

READ  Il governo federale raggiunge un accordo sull'ultima estensione delle misure di sostegno