QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Caricabatterie comune: migliore per i consumatori e l’ambiente | Notizia

Conosciamo tutti la frustrazione di tutti i diversi cavi USB per la ricarica di smartphone, tablet o fotocamere. L’Unione europea vuole porre fine a tutto questo e rendere così le nostre vite più facili e rifiuti elettronici diminuire. Per capire meglio la proposta, abbiamo parlato con Anna Cavazzini, Presidente Comitato per la protezione dei consumatori. Leggi il nostro riassunto qui sotto Intervista in diretta su Facebook.

Suggerisci un caricabatterie comune

“Il Parlamento europeo sta spingendo per un unico standard per 10 anni, in modo che non abbiamo più bisogno di molti cavi, solo uno”, ha detto. La Commissione Europea ha cercato di coinvolgere le aziende attraverso accordi volontari, che hanno avuto successo solo in parte, perché non tutte le aziende erano d’accordo. Ecco perché la Commissione ha finalmente preparato una proposta legislativa per uno standard unico per i caricabatterie.

Cosa significa questo per i consumatori?

La proposta si compone di due parti: la prima è uno standard comune per cavi e dispositivi, il che significa che saranno intercambiabili in futuro. Questa è una buona notizia per i consumatori, perché possono caricare i propri dispositivi con qualsiasi cavo.

La seconda parte è “Smontaggio”. “Quando compro un nuovo telefono, ricevo automaticamente un nuovo cavo”, ha detto Cavazzini. “In futuro, telefoni e dispositivi non saranno più venduti automaticamente con cavi, il che ridurrà i rifiuti elettronici”. Ciò significa che i consumatori devono acquistare il cavo separatamente. Ma poiché la maggior parte delle persone ha già i cavi, non sarebbe un costo enorme.

Quando ci aspettiamo lo spedizioniere comune dell’UE?

Se siamo ottimisti, le regole entreranno in vigore nel 2024. Cavazzini spera che il Parlamento finalizzi rapidamente la proposta e raggiunga un accordo entro la fine del 2022 con il Consiglio dei Ministri, che è legislatore con il Parlamento. Quindi gli stati hanno due anni per ratificare la legge.

READ  Un nuovo look per Calcolatrice, Posta e altro in Windows 11

Idee del Parlamento

Sebbene il Parlamento non abbia ancora lanciato ufficialmente la proposta, alcuni deputati hanno già chiesto l’inclusione di tutti gli organi. “La proposta del comitato include molti dispositivi, ma non gli e-reader, per esempio”, ha detto Cavazzini. Altri deputati affermano che la legislazione dovrebbe essere a prova di futuro, ad esempio tenendo conto della ricarica wireless.

Sopprimerà questa innovazione?

Secondo il MEP, l’industria sostiene regolarmente che la legislazione può ostacolare l’innovazione. Ha detto: “Non la vedo”. “La proposta è che possiamo cambiare le regole se emerge un nuovo standard migliore di USB-C”.

Fino a che punto è possibile ridurre i rifiuti elettronici?

Ci sono diverse stime, ma un numero che continua a tornare è di 1.000 tonnellate all’anno. “I rifiuti elettronici sono il flusso di rifiuti in più rapida crescita nell’Unione europea. Se vogliamo davvero attuare il Green Deal e ridurre il nostro consumo di materie prime, dobbiamo fare tutto il possibile”.

sfondo

Dopo 10 anni di pressioni da parte del Parlamento europeo, Nel settembre 2021, la Commissione europea ha presentato la sua proposta per un caricabatterie comune. USB-C effettuerà la connessione standard a tutti gli smartphone, tablet, fotocamere, cuffie, altoparlanti portatili e console per videogiochi portatili.