QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Caro John, non sono le donne”: i dipendenti del produttore di “The Voice” pubblicano un annuncio a pagina intera

De Mall ha risposto giovedì su BNNVara BOOS per la prima volta per quanto riguarda le accuse di comportamento illecito che circondano il suo spettacolo Suono olandese. Verso la fine dell’intervista, de Mol ha detto che sperava che le donne avrebbero imparato la lezione dagli abusi. “Tutti possono imparare da questo”, dice de Mol. “Non aspettare. Non aver paura. Devi aprire la bocca. Solo allora possiamo aiutarti. ”

Con l’annuncio, il gruppo di donne ha indicato di non essere d’accordo con quei detti. Secondo il rapporto, le donne hanno scritto: “Questa è una dichiarazione di donne in lutto che lavorano a Talpa, che hanno ascoltato con crescente stupore e vergogna la reazione di John de Mol alle domande di Tim Hoffman”. anno Domini In una dichiarazione di accompagnamento.

annuncio fotografico

Il comportamento delle donne non è né il problema né la soluzione. “Pensiamo che sia stato molto positivo che si sia seduto lì, ma siamo anche delusi dal fatto che abbia invitato le donne a segnalare agli sportelli appropriati. Questo la dice lunga sul cambiamento culturale necessario all’interno dell’azienda, ma anche nel mondo dei media e della società E certamente nelle compagnie più grandi dove nessun uomo al potere continua a commettere questo tipo di errori di pensiero.

7 milioni di telespettatori

Consegna BOOSChe è apparso su YouTube giovedì pomeriggio, era già stato visto più di 7 milioni di volte dopo mezza giornata. Basato su dozzine di testimonianze anonime di donne, lo spettacolo di Tim Hoffman ha dipinto un quadro del comportamento transnazionale che accade dietro le quinte. il suono stava per succedere. Due denunce sono state presentate contro l’allenatore Ali B, una delle quali era uno stupro. Accusato anche Marco Borsato: Sims era un candidato secondario, tra l’altro. Inoltre, le donne hanno parlato del comportamento del caposquadra Jeroen Rietbergen e di un allenatore senza nome.

In precedenza, alle dichiarazioni di De Mol, ideatore del programma, è stata sorprendente anche la reazione degli esperti nel campo dei reati sessuali. L’avvocato olandese Richard Korver ritiene che de Mol abbia minimizzato la paura delle donne di denunciare comportamenti illeciti definendoli “l’ultima soglia” che resta da rimuovere. L’avvocato Ruth Jäger ha definito simbolico l’appello di De Mol. “Questa è esattamente la reazione che ottengono le vittime: avresti dovuto dirlo prima”, dice Jagger. Ma c’è una ragione per cui le persone tengono la bocca chiusa per così tanto tempo dopo essere state aggredite. Si sentono in colpa per essere andati via”.

De Mol ha detto alla trasmissione radiofonica di essere a conoscenza solo di una denuncia per messaggi inappropriati di suo cognato Rittbergen. È successo nella primavera del 2019. Si sarebbe rivolto a Rittbergen con parole ferme. “Ho dovuto trattenermi per non colpirlo forte in bocca.” De Mol ha detto di non aver mai notato nulla della cattiva condotta nel backstage o della cultura della paura dello studio.

READ  Pelle d'oca con André Hazes e l'atmosfera di Bart Peeters: queste sono le cover cool del primo "Best of Me" | tv