QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Caso estremo di abusi sui minori a Napoli (Italia): ragazza non parla, non mangia, non dorme nel letto

A Napoli è venuto alla luce un grave caso di abbandono di minori. Gli assistenti sociali hanno trovato il bambino di 9 anni malnutrito e affetto da braccia e gambe rotte e una colonna vertebrale lussata. Inoltre, la ragazza che hanno chiamato “Elsa” non poteva parlare, non andava mai a scuola e non dormiva mai in un letto. La tragica vicenda sconvolse l’Italia.

Chiamato dagli assistenti sociali in onore della principessa Elsa Congelato Per proteggere la sua identità. Fino a poco tempo, la ragazza non aveva mai dormito in un letto. Era stata sdraiata sul pavimento tutta la notte, uno dei motivi della sua lussazione alla schiena.

Sopravvive con latte e biscotti

Il bambino non viene nutrito correttamente. Riuscì a sopravvivere solo con una manciata di pasti e con gli occasionali avanzi di latte e biscotti dei suoi fratelli più piccoli. È gravemente malnutrita.

Quando Elsa è stata portata all’ospedale Santophono di Napoli, i medici hanno scoperto che la bambina non poteva parlare né masticare, ma che aveva le ossa rotte in tutte e quattro le gambe. Lussazioni che non vengono mai trattate possono portare a fratture e abusi.

La donna potrebbe dover tornare in ospedale più spesso in futuro per determinare se la causa della sua disabilità è congenita o l’abuso che ha subito.

“Una nuova scoperta ogni giorno”

Nel frattempo, Elsa vive a Napoli presso un’organizzazione no-profit chiamata ‘La Casa di Matteo’, che accoglie bambini malati quando le loro famiglie non sono disponibili a prendersi cura di loro. Lì la ragazza è ora assistita da operatori sanitari ed educatori esperti.

“Inizia a interagire con gli altri e inizia a sorridere, guardarsi intorno, dormire e mangiare. Tutto questo può sembrare normale, ma dopo quello che ha passato è un successo”, ha affermato il presidente dell’organizzazione Marco Caramanna. “Ogni giorno scopriamo qualcosa di nuovo su Elsa”.

READ  Incoraggiare i conservatori: l'Italia non ha una legge che criminalizzi l'omosessualità

“Fin dalla nascita è stata sottoposta a violenze inspiegabili”, ha detto Luca Trapanese, assessore al welfare di Napoli. Ha ringraziato gli attivisti sociali che hanno preso la ragazza. “Non solo per me, ma per l’intera comunità”.

Niente segnalato

Per quanto incredibile sia l’abuso di Elsa, Caramanna crede che nessuno se ne sia accorto in nove anni. “Anche se la ragazza non è andata a scuola, non è stata menzionata la chiusura della scuola. Il servizio sanitario non ha detto che non era stato vaccinato. Anche il pediatra non ha visto la ragazza.

Il capo dell’archivio rimprovera anche vari funzionari che non si assumono le proprie responsabilità. “Il caso di Elsa poteva essere scoperto prima, non c’è dubbio. Non c’era un’intera rete per aiutare i bambini a vivere una vita migliore. Se tutte le autorità avessero fatto il loro lavoro, la questione sarebbe venuta alla luce prima e noi non lo avremmo fatto. devono affrontare una situazione così tragica oggi”, ha detto Caramanna.

Il contenuto è inserito qui dai social network che vogliono scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.