QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

C’è un problema di vaccinazione a Bruxelles che potrebbe fermare lo sbiancamento

Dobbiamo parlare di Bruxelles. La campagna di vaccinazione nel nostro Paese sta andando così bene che i media internazionali inviano giornalisti per assistere al miracolo belga. C’è ancora una brutta macchia su questa bella e importante conquista collettiva. Bruxelles, la capitale.

Il divario del tasso di vaccinazione tra Bruxelles e il resto del paese è di oltre 20 punti percentuali. Se guardiamo alla percentuale di adulti completamente vaccinati, questa è del 79 per cento nelle Fiandre, del 73 in Vallonia, ma solo del 56 per cento nella regione della capitale. Gli ultimi numeri non mostrano immediatamente l’ambizione di colmare quel divario.

Il fatto che la vaccinazione nelle grandi città sia più difficile per tutti i tipi di motivi spiega in parte lo svantaggio di Bruxelles. I dati raccolti da Bruzz News a Bruxelles mostrano che la città è di 10 punti percentuali o più indietro rispetto ad altre città come Anversa, Gand o Liegi.

Quindi, purtroppo, c’è un problema a Bruxelles. Potrebbe smettere di essere trascurato. Questo problema si manifesta più specificamente nei comuni più poveri e densamente popolati intorno al canale. Mentre il tasso di vaccinazione nei quartieri residenziali si avvicina al tasso di vaccinazione nelle Fiandre, a Sint-Just, Molenbeek o Schaerbeek, scende al 50 percento o meno.

A seconda della visione del mondo a cui aderisci, puoi cercare una spiegazione per il background etnico e culturale dei residenti in quei quartieri o nella classe sociale più bassa. La verità potrebbe essere da qualche parte nel mezzo. Gli operatori vaccinali nei comuni interessati stanno affrontando cospirazioni anti-vaccinazione che si stanno diffondendo in alcune comunità di immigrati con difficoltà di accesso per le persone che vivono in condizioni precarie.

READ  Il Belgio continua a sperare in una soluzione per un parco eolico francese vicino al confine

Ciò che è ancora più interessante è la domanda su cosa faremo al riguardo. Sembra che i politici competenti a Bruxelles, metà smentiti, metà in vacanza, non comprendano appieno la gravità della questione. Nella fase successiva, potrebbero lamentarsi di essere presi di mira e stigmatizzati. Questo lamento, a causa di tutto quanto sopra, è ingiustificato questa volta.

Non sorprende quindi che altre regioni, in primis le Fiandre, abbiano iniziato a fare piani per un ulteriore allentamento che minaccia di alienarsi Bruxelles e gli abitanti di Bruxelles. Se i leader politici della capitale vogliono evitarlo, c’è solo una via d’uscita: andare avanti con tutte le forze.

Mostra il modo di New York. Non importa cosa faccia il resto del paese, la più grande città degli Stati Uniti ha introdotto una tessera vaccinale per coloro che vogliono andare in un bar o in un ristorante. Sebbene tutte le obiezioni sulla privacy a questa “comunità del traffico” siano giustificate e importanti, in un caso eccezionale e limitato può essere una soluzione sfortunata ma necessaria a un problema serio.

Questo è il problema di Bruxelles. Quindi Bruxelles può risolverlo da sola.