QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

C’è un putiferio nei Paesi Bassi per un emendamento sui benefici per i proprietari di pannelli solari

Immagine del soggetto © ANP / Hollandse Hoogte / Barton van Flymen.

Nei Paesi Bassi si è discusso molto dei vantaggi finanziari per chi utilizza i pannelli solari. Il segretario all’energia Rob Gettin vuole eliminare l’attuale schema di misurazione netta e compensazione dei mangimi, ma la sua proposta deve ancora affrontare molte critiche. Ne hai uno anche tu? già visto?

Jill Lisenberg

Il dibattito politico olandese ci ricorda la saga della “controsvolta” avvenuta nel nostro Paese due anni fa. A quel tempo, il sistema garantiva che i proprietari di pannelli solari che generano più energia di quella che consumano vedessero il loro contatore quasi invertito, quindi dovevano pagare molto meno. Lo schema di ribaltamento, dopo mesi di discussioni, è stato ufficialmente ribaltato dalla Corte Costituzionale nel gennaio 2021.

Nei Paesi Bassi ora sembra che stiano affrontando un simile punto di contesa. Attualmente esiste un sistema che può essere paragonato a un sistema di conteggio inverso. Coloro che generano elettricità tramite pannelli solari, ma non la usano da soli, la restituiscono alla rete elettrica. Per compensare, possono detrarre questa quantità di elettricità da ciò che acquistano dalla rete. Questo si chiama salatura. Se fornisci più elettricità su base annua di quella che consumi, riceverai la parte eccedente sotto forma di feed-in charge.

Il ministro dell’Energia olandese Rob Gettin. ©Reuters

Rende l’installazione di pannelli solari attraente dal punto di vista finanziario. Anche un po’ troppo attraente, secondo il governo olandese. Il segretario all’energia Rob Gettin (D66) vuole eliminare gradualmente l’attuale schema di net metering dal 2025. Hanno supportato il loro piano con i calcoli di un’agenzia di ricerca che afferma che l’attuale schema alla fine porterà a un “sovrastimolo”.

violazione del contratto

Ma molti partiti di opposizione e organizzazioni di consumatori non sono d’accordo. “Questa è una forma di violazione del contratto”, ha detto Rensky Lijten della SP. “Tutti i rischi della risorsa energetica saranno presto trasferiti al consumatore. Le persone sono incoraggiate a investire in energia sostenibile. Una volta effettuati tali investimenti, non sono autorizzati a raccogliere i frutti”.

A giudicare da come è andata la discussione in Belgio, si prevede che non sia ancora stata detta l’ultima parola in merito.

READ  Il CEO di MicroStrategy non venderà un solo bitcoin » Crypto Insider