QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Centinaia di milioni in soli 7 mesi: la crisi energetica produce enormi profitti per le centrali a gas e nucleari

Nel suo studio di oltre 100 pagine, CREG esamina tutti gli attori nel panorama energetico attuale. Considera le azioni di crisi del governo e degli Stati membri dell’UE. Vengono discusse le possibilità di fissare un limite di prezzo ed eliminare i superprofitti.

Grande vincitore: distributori di benzina

CREG ha dimostrato che le centrali elettriche a gas hanno già registrato profitti nei primi sette mesi di quest’anno rispetto all’intero 2021. Realizza questo profitto, tra l’altro, rispondendo rapidamente al mercato giornaliero (costoso) dell’elettricità. Questo mercato è surriscaldato e ha prezzi elevati. Le centrali elettriche a gas traggono attualmente il 78% dei loro ricavi da questo mercato a breve termine. Le centrali nucleari traggono il 15% del loro reddito da questo costoso mercato quotidiano. L’altro 85% si basa su contratti a lungo termine a prezzi molto più bassi.

Nuove fonti di reddito per le centrali elettriche a gas

Le nostre centrali elettriche a gas stanno funzionando in modo significativo quest’anno, più del doppio negli ultimi mesi rispetto allo scorso anno. Ciò è dovuto ai problemi in Francia. La metà del parco nucleare è lì a causa della manutenzione programmata e del problema dell’erosione. 12 su 56 reattori nucleari francesi sono fuori servizio a causa di un problema di corrosione in uno dei loro circuiti di raffreddamento. Nessuno sa quando queste centrali elettriche torneranno in rete. I francesi semplicemente non hanno abbastanza impianti alternativi per il gas o il carbone e sono costretti a importare pacchetti di energia per evitare la carenza di energia. Uno dei soccorritori sono i belgi. Il Belgio ha alcune centrali elettriche a gas che ora forniscono gas aggiuntivo per rifornire i francesi. I francesi acquistano più elettricità dal costoso mercato quotidiano: dalle centrali elettriche a gas.

Le nostre centrali elettriche a gas beneficiano del fallimento del complesso nucleare francese

Inoltre, l’aumento dei prezzi del gas ha creato una seconda fonte di reddito inaspettata per le centrali elettriche a gas. La maggior parte del gas che ora dovrebbero bruciare è stata acquistata anni fa a un prezzo molto basso attraverso contratti a lungo termine. Prezzi che sono dieci volte più bassi di adesso facilmente. È redditizio rivendere questo gas direttamente sul mercato del gas invece di utilizzarlo per generare elettricità.

Il profitto più alto in 15 anni

Di conseguenza, le centrali elettriche a gas stanno realizzando un buon profitto: le nostre 8 centrali più grandi (paragonabili a 3 grandi centrali nucleari) hanno raccolto 294,3 milioni di euro durante i primi sette mesi di quest’anno. Calcolato approssimativamente, ammonterà a un utile di 504 milioni di euro per l’intero anno. In media, questo è il numero più alto degli ultimi quindici anni. E il 2022 non è ancora finito. Pertanto, i guadagni calcolati da CREG si riferiscono ai primi sette mesi di quest’anno.

Al momento non ci sono tasse in eccesso sui distributori di benzina

Le centrali a gas non devono pagare un’imposta sugli utili extra su margini di profitto interessanti. Lo stesso vale per le centrali nucleari. Secondo CREG, i quattro nuovi reattori nucleari trasferiscono circa il 32% dei loro profitti in eccesso al governo tramite un “interesse nucleare” o un “contributo di ridistribuzione”. Su richiesta del ministro federale Tinne Van der Straeten, CREG ha esaminato come le centrali elettriche a gas potrebbero essere tassate sugli utili in eccesso. CREG vede l’opportunità di tassarli in modo simile ai reattori nucleari. Ma sono necessari più dati per una spiegazione esatta, secondo CREG.

Secondo vincitore: centrali nucleari

Sebbene le centrali nucleari stiano già pagando interessi nucleari, stanno ancora realizzando buoni profitti a causa della crisi energetica. CREG ha aggiornato i margini di profitto calcolati a gennaio. A gennaio, CREG credeva che i quattro reattori nucleari più piccoli avrebbero generato un profitto di 1,633 miliardi nello scenario migliore di quest’anno. Quella stima è ora salita a 2,205 miliardi, che è più di mezzo miliardo aggiuntivo.

Nota: secondo CREG, il forte aumento dei profitti quest’anno è dovuto principalmente all’eliminazione graduale di Doel 3. Questo reattore nucleare sarà definitivamente chiuso il 23 settembre. Un reattore nucleare che interrompe la produzione non è più legalmente autorizzato a stipulare contratti a lungo termine nella sua vita finale. Ciò significa che Doel 3 può ora sostanzialmente vendere elettricità nel costoso mercato quotidiano. Mentre altri reattori sono per lo più legati a contratti a lungo termine meno interessanti.

Il governo può aspettarsi entrate aggiuntive

Ad ogni modo: i margini di profitto in forte aumento per i reattori nucleari forniscono anche al governo fondi aggiuntivi: corretto, secondo CREG, quest’anno saranno 712 milioni di euro: 185 milioni in più rispetto al budget di gennaio.

Nel 2022, 2023 e 2024 il governo raccoglierà un totale di circa 1,5 miliardi di interessi nucleari

Secondo CREG, il nostro parco nucleare genererà profitti inferiori nel 2023 e nel 2024. Ma ancora 1.303 miliardi nel 2023 e 1.264 miliardi nel 2024. Il governo può quindi aspettarsi ulteriori 828 milioni di entrate fiscali per i due anni messi insieme. Il fatto che i reattori nucleari producano meno è semplicemente perché due grandi reattori stanno chiudendo: Doel 3 tra poche settimane e Tihange 2 a febbraio del prossimo anno.

Nessun vincitore: parchi eolici offshore

CREG ha anche riesaminato se i parchi eolici offshore del Belgio stiano realizzando profitti in eccesso. CREG aveva precedentemente concluso che probabilmente non era così e si sarebbe attenuto ad esso.

I parchi eolici belgi non possono approfittare dell’esplosione dei prezzi dell’elettricità perché quasi tutti sono vincolati da contratti a lungo termine, con il prezzo di vendita fissato anni fa. Il prezzo era molto più basso rispetto ai prezzi elevati del mercato attuale.

I nuovi parchi eolici potrebbero ricevere sussidi inferiori

CREG osserva che i nuovi parchi eolici potrebbero aver bisogno di meno sussidi a causa dei prezzi dell’energia più elevati. I sussidi variano in base al reddito che i parchi guadagnano dall’elettricità venduta. Maggiore è il reddito, minore è il supporto e viceversa. Pertanto, i parchi garantiscono un sicuro margine di profitto a prezzi bassi. Ma il margine è oscurato anche verso l’alto. Tuttavia, se i nuovi parchi dovessero portare più soldi dall’elettricità venduta, perché potrebbero concludere contratti più interessanti, il sussidio diminuirebbe. E poi dobbiamo pagare meno sussidi per l’eolico offshore sulla nostra bolletta dell’elettricità.

Non tutti i numeri di profitto sono chiari

CREG si chiede quanto guadagnino i trader sui mercati energetici. Potrebbe essere molto, suggerisce CREG. Soprattutto se questi trader stanno lanciando gas o energia precedentemente acquistati tramite contratti economici a lungo termine in mercati surriscaldati. Ma CREG non ha un quadro chiaro di questo.

Le tasse in eccesso sono più difficili a Fluxys ed Elia

Altri attori che potrebbero anche beneficiare dei prezzi esorbitanti del mercato sono i vettori del gas e dell’elettricità, in questo caso Fluxys ed Elia. Gas Transport Fluxys sta attivamente raccogliendo più fondi attraverso i suoi terminali GNL a Zeebrugge e Dunkerque, dove il GNL raffreddato viene scaricato e immagazzinato, ma anche aumentando il trasporto del gas attraverso i gasdotti verso i paesi vicini (principalmente Germania e Francia). Ma Fluxys è una società regolamentata: il nostro governo stabilisce i margini di profitto massimi. Tutto ciò che include Fluxys dovrebbe essere utilizzato per il “bene comune”: riduzioni dei costi di trasporto sulla bolletta energetica, ad esempio.

I costi di trasporto sulla bolletta elettrica stanno diventando più costosi e i costi di trasporto sulla bolletta del gas potrebbero essere più economici

Anche l’operatore di rete ad alta tensione (parzialmente privatizzato) è sotto il controllo del nostro governo. Tuttavia, avverte CREG, Elia dovrà investire un po’ nella sua rete ad alta tensione. Di conseguenza, i costi di trasmissione dell’elettricità aumenteranno sulla nostra bolletta nei prossimi anni. Si spera che le tasse sugli utili in eccesso delle centrali nucleari e del gas compensino questo aumento. Sfortunatamente, il fatto che le nostre bollette energetiche continueranno ad essere sotto stress nei prossimi anni è quasi scritto nelle stelle.

GUARDA – Luc Pauwels su VRT NWS News:

READ  In meno di un anno, 273 incidenti negli Stati Uniti causati dal pilota automatico Tesla | tagliare