QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Centinaia di passeggeri sono costretti a trascorrere il capodanno su una nave da crociera

La nave da crociera Viking Orion nel 2020. © Afp

Una nave da crociera attualmente ancorata al largo delle coste del South Australia non è stata in grado di attraccare dal giorno di Santo Stefano. Così centinaia di passeggeri hanno dovuto trascorrere la fine dell’anno a bordo. Il motivo è una sorta di “inquinamento marino” sullo scafo della nave. scrivere Guardiano.

La nave, Viking Orion, ha lasciato Wellington in Nuova Zelanda il Santo Stefano, ma non è stata autorizzata ad attraccare quando si è presentata a Christchurch, Dunedin e Hobart. La nave ha poi proseguito per Adelaide, dove si è scoperto che sullo scafo stavano crescendo microrganismi marini. Per consentire a una nave di entrare nelle acque australiane, dicono le autorità, il suo scafo deve prima essere pulito.

“La nave deve pulire lo scafo per rimuovere il biofouling e impedire il trasporto di organismi marini potenzialmente dannosi”, ha dichiarato domenica il Dipartimento della pesca australiano. Pulizia mentre la nave è ormeggiata fuori dalle acque australiane.»

“Sebbene la nave abbia dovuto saltare diverse soste lungo il percorso per completare la pulizia richiesta, si prevede che salperà per Melbourne come previsto il 1° gennaio e prevediamo di riprendere l’intero percorso programmato il 2 gennaio. Vikings sta lavorando direttamente con Vikings “, ha detto l’organizzazione dietro la nave da crociera. Gli ospiti per compensare l’impatto sul loro viaggio.

Venerdì il capitano della nave, Marco Snajdar, ha scritto una lettera ai passeggeri chiedendo scusa per la situazione. (sgg)

READ  Immagini che mostrano come un uomo armato è entrato in una scuola brasiliana: tre morti e l'autore arrestato dopo ore di inseguimento | All'estero