QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Chanel non vende più ai russi in nessuna parte del mondo, facendo arrabbiare gli influencer: “Non mi venderanno una borsa perché vengo dalla Russia!”

Foto d’archivio © Shutterstock

L’azienda di moda Chanel non vende più i suoi prodotti ai russi, anche se vogliono acquistare prodotti in un negozio fuori dalla Russia. Ciò ha fatto arrabbiare molti influencer russi che accusano la compagnia di sostenere il fascismo e il nazismo.

GVfonteEast2West, New York Post

Chanel – come molte altre aziende – ha chiuso tutti i negozi in Russia dopo l’invasione dell’Ucraina. Ma l’azienda francese sta anche limitando la vendita di prodotti ai cittadini russi, afferma a causa delle sanzioni europee. “Le recenti restrizioni dell’UE vietano la vendita, direttamente o indirettamente, di prodotti di lusso a qualsiasi persona o azienda nella Federazione Russa o per l’uso nella Federazione Russa”, si legge in un comunicato stampa.

Chanel ha affermato che i clienti russi che desiderano acquistare prodotti Chanel da un negozio al di fuori della Russia sono tenuti a “confermare che non utilizzeranno prodotti acquistati in Russia”.

“Il sostegno al fascismo e alla russofobia è molto basso”

Tuttavia, questa affermazione può essere basata su una piccola comprensione da parte di molti influencer russi, a cui piace ostentare il costoso marchio francese. “Sono andata in una boutique Chanel a Dubai”, si lamenta l’interior designer Lisa Litvin. “Non mi venderanno una borsetta perché (attenzione!) vengo dalla Russia!!!”

La cantante e conduttrice televisiva Anna Kalashnikova non è stata in grado di acquistare orecchini Chanel e una borsa a Dubai. Direttore ha detto: Sappiamo che sei una celebrità russa. Sappiamo che porterai questi acquisti con te in Russia, quindi non possiamo venderti i prodotti. Poi mi è venuto in mente che Coco Chanel non era solo l’amante di un ufficiale nazista, ma un agente segreto dell’intelligence tedesca”. Ha anche annunciato che d’ora in poi avrebbe boicottato Chanel. “Il sostegno al fascismo e alla russofobia è molto basso”.

Ecco il contenuto elencato da un social network su cui vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

“Questo è uno shock per una donna che compra Chanel da più di 20 anni”, si lamenta Yana Rudkovskaya. La moglie del campione olimpico di pattinaggio di velocità Alexander Plushenko ha dichiarato di aver acquistato prodotti Chanel per oltre 1 milione di euro nel corso degli anni, definendo il divieto “umiliante”.

Secondo il ministero degli Esteri russo, “Chanel sta partecipando a una campagna anti-russa per distruggere la Russia”. CancellazioneRiferendosi alla seconda guerra mondiale, la portavoce Maria Zakharova ha dichiarato: “La stessa Coco Chanel era una collaboratrice e agente del Terzo Reich. La Russia sta attualmente conducendo una campagna contro il fascismo in Ucraina. Chanel potrebbe tornare alla vita normale e, come il suo fondatore, sostiene il nazismo. Ma ora lo sapranno tutti”.

READ  Washington si prepara a imporre severe sanzioni alla Russia