QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Charles Michel continua a litigare con von der Leyen

Charles Michel continua a litigare con von der Leyen

Charles Michel (MR), l’attuale presidente del Consiglio europeo, dovrebbe condurre le discussioni su chi assumerà la carica più alta dopo le elezioni europee. Inoltre, la sua faida con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sembra aver raggiunto il culmine. Michel la escluderà da quelle conversazioni.

Nelle news: Michel terrà colloqui informali con i leader europei il 17 giugno. Potrebbe considerare di non invitare von der Leyen.

  • Spetta a Michel decidere chi può partecipare a questi colloqui. Ciò include una discussione sui nuovi presidenti della Commissione europea, del Consiglio europeo, del Parlamento europeo e dell’Alto rappresentante per gli affari esteri. Secondo un sito di notizie POLITICO Michel potrebbe considerare di escludere von der Leyen. Il motivo è che non è opportuno consentire alla von der Leyen di partecipare ai colloqui in cui viene discussa la sua posizione. Dopotutto, ci sono buone probabilità che riesca ad avere successo.
  • Ma poiché i leader stanno discutendo anche della successione di Michel, gli addetti ai lavori definiscono questo motivo alquanto ipocrita. “Se avesse voluto farla uscire dalla stanza, avrebbe dovuto prendersi a calci”, ha detto un diplomatico.
  • Un altro ha affermato: “Gli Stati membri sono sempre più arrabbiati per il ruolo di Charles Michel nel processo di selezione del presidente della Commissione”. “Sembra che sia guidato da motivi puramente personali.”
  • Scritto in precedenza PoliticaTutto aveva a che fare con i politici europei arrabbiati che avevano notato che Michel stava cercando di contrastare von der Leyen. Diventa personale, hanno notato. Il fatto che Michel abbia cercato di rivendicare così tanto potere quando von der Leyen è in realtà la figura più importante non è apprezzato. Un esempio di ciò è il film “Sofagate”, in cui Michel ottiene un posto accanto al presidente turco Erdogan. Von der Leyen si è dovuto accontentare di sedersi in panchina in disparte.
READ  Fermate dei treni tra Finlandia e Russia: 'Non più rilevanti sotto sanzioni' | Guerra tra Ucraina e Russia

Una situazione senza precedenti

da seguire: Allo stesso tempo, questa situazione è completamente nuova.

  • Nel 2014 è stato riformato il sistema di nomina del presidente della Commissione europea. Ogni fazione europea nomina un leader del partito che è il candidato. Per il Partito popolare europeo democristiano (PPE) si tratta di von der Leyen. Riuscì a persuadere e vinse con il suo partito temporaneo 189 posti interni. Ciò significa che il Partito popolare europeo sta facendo progressi.
  • Tuttavia, questa è la prima volta dall’introduzione del sistema che l’attuale presidente della Commissione si candida a succedergli. I vari protocolli riguardanti chi può partecipare e tenere i colloqui non sono quindi fissi.
  • Tuttavia non c’è molta simpatia per il modo in cui Michel sta affrontando la situazione adesso. Ci sarà irritazione anche all’interno dello stesso team von der Leyen. Nessuno a Michelle voleva rispondere POLITICO.