QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Che trasformazione! Non il Manchester City, ma il Real Madrid nella finale di Champions League dopo il gol di Benzema nell’allungo



Foto: DeFodi Images tramite Getty Images


Il Santiago Bernabeu non è stato un presidente storico del Real Madrid, era un mago. Dopotutto, il Real Madrid presenta ripetutamente un miracolo europeo nel proprio stadio. È improbabile che ti qualifichi per la finale anche se è ancora 0-1 (3-5 in totale) dopo 90 minuti. La magia è stata di nuovo brevemente a Madrid ed è stato finalmente 3-1 dopo i tempi supplementari. La regina può cercare il suo 14esimo titolo CL contro il Liverpool il 28 maggio a Parigi. incredibile.

Questa campagna con il Real Madrid non è forse più bella di alcune delle precedenti tredici vittorie? Con l’eroe nazionale spagnolo che torna ogni volta da una posizione perdente, ciò accade solo nelle fiabe. Contro il Paris Saint-Germain dopo lo 0-1, contro il Chelsea dopo lo 0-3 e ora di nuovo contro il City. Potrebbe non essere completamente rifinito per quanto riguarda la proprietà, ma il sacrificio di sé e il coraggio senza pari generano empatia. Un esempio per tutti.

Nessuno si sarebbe accorto di nulla all’ultimo posto per il Manchester City. La scorsa settimana, ogni tifoso di calcio si è seduto sul bordo dei propri sedili, leccandosi i pollici e le dita nello stesso momento in cui il 4-3 rifletteva perfettamente il valore di intrattenimento del gioco. Ora è stato particolarmente eccitante. 73 minuti. Fino a quando Mahrez non ha lanciato quel missile dietro a Courtois. Abbiamo pensato. Il Real Madrid è risorto molte volte, ma ora non sarebbe possibile, no? Dipendendo fortemente da Benzema, potremmo sognare questo motivo per la sua imminente eliminazione. Possiamo concludere che il posto in finale per il City era ben meritato. Soprattutto in base all’andata.

READ  Pro League termina la segregazione delle tribune per le persone non vaccinate | Jupiler Pro League
Che trasformazione!  Non il Manchester City, ma il Real Madrid nella finale di Champions League dopo il gol di Benzema nell'allungo


Foto: Agence France-Presse

vecchia volpe

Ma quella vecchia volpe di Carlo Ancelotti ha deciso diversamente. Subito dopo lo 0-1, l’allenatore del Real Kroos tira a lato per Rodrygo. Non lo conosci? non è colpa tua. Non ha ancora rotto molti piatti. È un Real Madrid brasiliano di 21 anni che ha pagato 45 milioni di euro per lui nel 2019. Al Club Brugge, gli è stato permesso di partecipare in 90 minuti nella sua prima stagione e ha segnato un gol in una vittoria per 0-5. Anche in questa stagione non è stato molto titolare, anzi è stato praticamente un sostituto nella fase finale. Tuttavia, questa era l’incursione che non avrebbe mai dimenticato. Ha segnato due gol nei tempi di recupero per il Real Madrid per forzare le estensioni in un modo improbabile. In esso, Benzema ha raggiunto l’obiettivo. Problema di abitudine. Rigore e questa volta senza Panenka. Riordina nell’angolo dopo il trucco. Il Manchester City ci ha provato ma ha incontrato Courtois.

Naturalmente, la storia registrerà questa campagna nel nome di Karim Benzema. abbastanza. Ma anche Courtois ha la sua parte. Basti pensare alla partita del Paris Saint-Germain dove ha salvato il Real Madrid da un disastro e ha parato un calcio di rigore a Messi. I puristi diranno che il gol di Mahrez non dovrebbe mai entrare perché era nell’angolo corto. Quel tiro però era così duro che anche con Courtois nell’angolo corto la pelle si era staccata. No, Courtois dovrebbe soprattutto dargli una pacca sulla spalla. Ottimo anche nella causa contro il City. La prima volta che il miglior giocatore del City nel primo tempo, Bernardo Silva, gli è apparso improvvisamente davanti e ha dovuto schivare i pugni. La seconda volta con un rasoterra di Foden ha messo fuori combattimento di netto l’angolo. Grealish lo ha messo alla prova anche nella fase finale. Nei tempi supplementari, ha colpito di testa un colpo di testa dalla propria rete. L’altro coniglio di ghiaccio dall’altra parte della strada, Ederson, aveva bisogno di meno di quelli salvati rispetto al nostro connazionale.

Il Real Madrid è strisciato attraverso la cruna dell’ago fino alla finale. Beneficiando di una folla sorprendentemente fanatica e turbolenta – chiaramente non ancora sazia nonostante il loro 13esimo titolo di Champions League nell’albo d’oro e più pazza che mai dopo la partita – hanno pressato a volte anche se la difesa del City ha afferrato la palla. Benzema ha dato due occasioni nei primi quindici minuti. Bene, le possibilità. Due tentativi in ​​porta, ma se Benzema di testa o calcia in porta, vediamo subito un’opportunità per un gol in questi giorni. Per il resto, Benzema è rimasto nell’ombra. Ha anche dovuto girare quella punizione cruciale. Ogni volta che toccava la palla, c’era un brivido in campo. Nel frattempo, la sua situazione è impareggiabile. Dopo più di mezz’ora, Benzema ha preso la palla perché non piaceva a nessuno ed è caduto a terra. Tutti i tifosi del Real Madrid al Bernabeu hanno trattenuto il respiro. Quest’uomo ha costruito una statura in poco tempo che non può essere spezzata. La sua forza lavoro fa venire le allucinazioni ai fan del Real Madrid.

Vinicio Jr

Il pericolo sembra provenire principalmente da Vinicius Jr. Il brasiliano è un flagello per qualsiasi difensore con la sua velocità. Tuttavia, alla città è stato permesso di baciare entrambe le mani in modo che potesse riavere Walker. Vinicius Jr è scappato a metà del primo tempo e c’era solo un difensore in Europa che poteva riaverlo in quel momento: Walker. Così ha fatto. Non è un caso che il City abbia affrontato momenti difficili dopo le dimissioni di Walker. Vinicius Jr è un giocatore fantastico e Eden Hazard dovrà asciugarsi seriamente le dita dei piedi se viene espulso dalla squadra. All’inizio del secondo tempo ha perso la più grande occasione del Real Madrid fino ad allora.

Che trasformazione!  Non il Manchester City, ma il Real Madrid nella finale di Champions League dopo il gol di Benzema nell'allungo


Foto: A.P

Altro Madrid da citare? Come la maggior parte è Luka Modric. Il suo talento è indiscutibile, ma la sua etica del lavoro merita di essere menzionata a parte. Nel primo tempo è andato da solo a riportare nella sua metà campo De Bruyne quando ha minacciato di scappare. È stato senza dubbio perdonato per non essere riuscito a completare 120 minuti.

Porto di Bruyne

Kevin De Bruyne vede la sua finale CL dritta al naso. L’anno scorso non ha avuto l’opportunità di sbarazzarsi della sua sfortuna: si è rotto il globo. E il nostro connazionale era stato appena espulso dall’allenatore del City Pep Guardiola quando Mahrez, rimosso dal giocatore dell’anno del City Bernardo Silva, ha segnato 0-1. Colpì Courtois con un tiro incredibilmente potente nell’angolo corto. Mahrez è un giocatore di football incredibilmente sofisticato. Un simbolo di una città che, però, doveva indossare abiti da lavoro. Siamo un po’ dispiaciuti che grandi calciatori come Mahrez, De Bruyne, Bernardo Silva e Foden non siano arrivati ​​in finale. Vera abilità, astuzia, coraggio… Si è rivelata decisiva.

De Bruyne non era il migliore. È stato il primo a sparare un tiro in porta per conto del City dopo quindici minuti. Rimase senza fiato e perse palla alcune volte contro De Bruynes. Ma per quanto ci riguarda il suo ritorno è ancora sopra la media. Intendiamo anche Guardiola perché ha ricevuto un grande abbraccio dal tecnico del City. Dopo l’intervallo, ha fatto un passo stretto nella serie di vittorie consecutive di Foden, che ci ha subito ricordato Iniesta. Lo spagnolo è il predecessore di De Bruyne a Kamar senza molti eguali. Ma lasciare il segno questa volta non è stato uno di questi. Tuttavia, l’ha mancato quando il City è entrato nella barca.

Che trasformazione!  Non il Manchester City, ma il Real Madrid nella finale di Champions League dopo il gol di Benzema nell'allungo


Foto: Getty Images

Che trasformazione!  Non il Manchester City, ma il Real Madrid che gioca la finale di Champions League dopo il gol di Benzema nel prolungamento


Foto: Getty Images

Che trasformazione!  Non il Manchester City, ma il Real Madrid nella finale di Champions League dopo il gol di Benzema nell'allungo


Foto: Reuters