QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cheat sheet per Matthew van der Poel durante Ronde: non le piste, ma un programma dettagliato di alimentazione

© Consigli per il ciclismo

Matthew van der Paul lo è Non normale† Dopo il Giro delle Fiandre di domenica scorsa, è circolata una foto del suo busto. Molti ciclisti di solito si attengono a una nota con tutte le piste nell’ordine corretto e Van der Poel ha scelto una nota con un programma di alimentazione completo e solo Oude Kwaremont.

Jonas Withockfonteconsigli per il ciclismo

Le persone che hanno seguito il ciclismo ne hanno preso atto e ne hanno parlato Christoph de Kegel, direttore della performance di Alpecin-Fenix. “In uno sprint così lungo in cui devi produrre energia per più di sei ore, il tuo piano nutrizionale è fondamentale”, afferma de Kegel. “Tempi e quantità sono molto importanti. Quando lo spiego ai passeggeri, lo confronto con il sonno. Se perdi due ore di sonno, non le recupererai”.

“Facciamo una tabella di quanti carboidrati dovrebbe consumare un ciclista in un’ora”, continua De Kegel. “Se mangi o bevi pochissimo nella prima ora, lo pagherai nella quarta, quinta e/o sesta ora di gara. Abbiamo molti corridori che hanno un piano nutrizionale sull’etichetta e siamo stati usandolo per un po’.

Cosa fa un pilota in una gara così difficile? Secondo De Kegel, Van der Poel ha mangiato da 100 a 120 grammi di carboidrati all’ora durante il suo tour delle Fiandre. Era sotto forma di gel, barrette, gallette di riso, bevande energetiche… e dopo la gara è seguito un meritato hamburger.

Sull’etichetta vediamo quattro diverse icone. I cerchi sarebbero probabilmente torte di riso (tre pezzi), rettangoli di barrette energetiche (cinque pezzi), bottiglie d’acqua a destra della nota con diverse bevande energetiche e acqua (otto pezzi) e poi gelatina al centro della nota ( sette pezzi). Per essere chiari, è così che lo spieghiamo. e sorridi? Si dice che rappresenti una gelatina di caffeina.

Ecco il contenuto elencato da un social network su cui vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Secondo De Kegel, Van der Poel è morto di fame ai Mondiali del 2019, quando è diventato 41°, quindi probabilmente è andato in giro senza una mangiatoia sulla gamba. “Se hai visto cosa è successo a Matthew ad Harrogate, lì aveva molto poco da mangiare e da bere. Dovremmo evitare queste cose”.

© GOYVAERTS / AGENZIA GMAX

READ  L'Anderlecht ha sbagliato ad espellerlo.