QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Chi sarà il successore di Angela Merkel? De Morgen ti guida attraverso tutti i sondaggi e le potenziali coalizioni

Il 26 settembre decine di milioni di tedeschi si recheranno alle urne per eleggere il nuovo parlamento tedesco. L’esito determinerà chi succederà ad Angela Merkel dopo 16 anni, che non è più candidata dopo quattro mandati. I sondaggi prevedono una gara molto interessante, in cui nessuno è sicuro di vincere in anticipo. In questa pagina vi terremo aggiornati con gli ultimi sondaggi e tutte le possibili alleanze.

L’elezione

Oggi Angela Merkel è a capo di un’importante coalizione formata dai suoi democristiani CDU/CSU e dai socialdemocratici dell’SPD. Se entrambi i partiti possano – o vogliano – continuare dopo le elezioni è altamente discutibile, date le attuali intenzioni elettorali.

I principali istituti elettorali tedeschi organizzano un nuovo sondaggio una volta alla settimana. Il grafico tiene conto delle intenzioni elettorali negli otto maggiori istituti di ricerca e calcola automaticamente la media degli ultimi 10 giorni. Di conseguenza, i valori anomali statistici vengono normalizzati.

Possibili coalizioni

Ci sono buone probabilità che la Germania abbia una coalizione tripartita per la prima volta da molto tempo. È possibile che non ci siano due partiti in nessuna coalizione in grado di ottenere la maggioranza. Questo crea immediatamente un miscuglio di potenziali nuove coalizioni, con nomi ideati dai commentatori politici in base ai colori dei partiti partecipanti.

Merkel ha governato nella regione di Grokow. Durante le ultime due legislature grande alleanza, con i due maggiori partiti CDU/CSU e SPD. Grocco potrebbe perdere per la prima volta la maggioranza nel prossimo Bundestag, facendo dell’alleanza con i Verdi un’opzione: l’alleanza del Kenya, seguendo i colori della bandiera della nazione africana. Quando i Verdi si scambiano con i liberali dell’FDP, il Kenya diventa la Germania stessa: nero – rosso – giallo, i colori della bandiera tedesca.

Oppure altri partiti vogliono provare senza la Democrazia Cristiana dopo 16 anni? L’opzione molto discussa è la cosiddetta Alleanza dei semafori Oppure la Coalizione Semaforo dei Socialdemocratici (rosso), dei Liberali (giallo) e dei Verdi, quindi senza CDU/CSU.

candidati

CDU/CSU (Unione Cristiano Democratica / Unione Cristiano Sociale; Democratici Cristiani) – Armin Laschet

Il premier politicamente testato della Renania settentrionale-Vestfalia ha sconfitto il primo ministro bavarese più popolare, Markus Söder, in un voto sulla leadership del partito ad aprile. Inseguire l’immensamente popolare Merkel è già una bella sfida, ma il non carismatico Laschet non è stato in grado di rompere il piatto finora. La sua goffa performance dopo le inondazioni nella sua zona – Laschet è stato filmato mentre scherzava e rideva durante il discorso del presidente tedesco nella zona colpita – ha ridotto le sue possibilità.

L’Unione Cristiano-Democratica di Baviera emerse come la CSU, la più riuscita nella storia della Germania del dopoguerra. Il partito è stato in un governo federale solo per 20 anni negli ultimi 72 anni.

Armin Lasche.Foto Reuters

SPD (Partito socialdemocratico tedesco; socialdemocratici) – Olaf Scholz

L’attuale ministro delle finanze, Olaf Schultz, sembra essere uno dei pochi candidati che deve ancora fallire in questa campagna. Di conseguenza, il serio e calmo Schulz si posiziona sempre più come il vero successore di “Motti Merkel”. Nelle ultime settimane, potrebbe essere ancora in grado di invertire gli anni di declino dei socialdemocratici, come in molti altri paesi europei.

L’SPD è l’unico partito oltre alla CDU che è stato effettivamente autorizzato a rifornire i cancellieri nella Germania del dopoguerra con Willie Brandt e Helmut Schmidt tra il 1969 e il 1982 e Gerhard Schröder tra il 1998 e il 2005.

Olaf Schulze.  Costruisci Getty Images

Olaf Schulze.Costruisci Getty Images

I Verdi (Gronin) – Annalina Barbock

Per la prima volta da molto tempo, i Verdi hanno una seria possibilità di entrare al potere. Il partito ha ottenuto buoni risultati nei sondaggi per diversi mesi, con la cancelliera Annalena Barbock che è rimasta a lungo una delle tre contendenti più popolari. Ma una serie di errori grossolani, scarse apparizioni sui media e accuse di plagio nella tesi di laurea hanno spinto ancora una volta i Verdi sulla difensiva.

I Verdi hanno precedentemente servito nel governo come partner junior della SPD sotto Schröder.

Anna Barbock.  Foto dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente

Anna Barbock.Foto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente

FDP (Partito Democratico Libero, liberale) – Christian Lindner

Come una festa più piccola possibile creatore di re Nel gioco dell’alleanza dopo le elezioni. I liberali hanno il vantaggio che in linea di principio possono girare sia a destra che a sinistra e possono vendere a caro prezzo la loro pelle.

L’FDP più di recente ha ricoperto una posizione nel governo tra il 2009 e il 2013, quindi è stato il partner minore di Angela Merkel nella coalizione. Tuttavia, la spartizione del potere si è rivoltata completamente contro il partito che è rimasto al di sotto della soglia elettorale nelle elezioni e che è scomparso dal Bundestag. Da allora, i liberali hanno lavorato costantemente alla loro risurrezione.

AfD (alternativa alla Germania; All’estrema destra) – Tino Chrupala e Alice Weidel

Il partito di estrema destra di maggior successo in Germania dall’introduzione della democrazia si è costruito dal 2013, con i suoi primi membri nel Bundestag nel 2017. Le sue posizioni anti-immigrazione e anti-UE gli impediscono di prendere il potere poiché nessuno che vuole aderire è cooperare.

Die Linke (Link esterni) – Dietmar Barch e Janine Whistler

Neppure i successori del Partito socialista unitario dell’ex Germania dell’Est sono ancora riusciti a entrare in un governo. Il partito è particolarmente popolare nell’est, ma sta anche guadagnando voti dagli elettori di sinistra nell’ovest che sono delusi dalla traiettoria centrale dell’SPD. Il partito sta cercando di classificare questa campagna come moderata e di bussare alla prima possibile alleanza rosso-rosso-verde con l’SPD e il Partito dei Verdi.

Chi ha vinto le ultime elezioni?

La tendenza degli ultimi 30 anni in Germania, così come ovunque in Europa, è chiara: i grandi partiti tradizionali stanno perdendo sostegno a spese dei piccoli partiti, il che rende sempre più difficile la costruzione di coalizioni. Soprattutto il Partito dei Verdi e dal 2013 l’AfD di destra ha iniziato a minare la popolarità dei grandi.

READ  Due fratelli afgani muoiono dopo aver mangiato funghi velenosi in Polonia | All'estero