QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Chiunque viaggi in Francia o in Italia deve preparare il proprio Corona Pass

Dopo la Francia, l’Italia ora richiede il Corona Pass, una versione della certificazione europea Covit-19, nei ristoranti e nei caffè. Ciò dovrebbe ridurre la diffusione della variazione delta altamente contagiosa.

In Italia la norma entrerà in vigore venerdì 6 agosto. Se vuoi mangiare o bere al chiuso in un bar o in un ristorante, devi prima servire il Corona Pass, noto anche come “Green Pass”. Quel documento, su carta o su smartphone, prova che qualcuno è stato vaccinato, recentemente risultato negativo o recentemente guarito. Non è richiesta la certificazione corona terrazza. Molti luoghi pubblici, come musei, piscine o negozi di fitness, richiedono un pass corona.

Il primo ministro italiano Mario Draghi segue così l’esempio della Francia Dal 21 luglio Attraversamento graduale del Passo Corona come punto di ingresso per molti luoghi di ritrovo, inclusi teatri, musei e siti turistici. Circa dieci giorni dopo il termine d’esecuzione, la corona francese passa (“Capo della salute”) Un dovere duro dal 1 agosto e sarà esteso a centri commerciali, caffè e ristoranti.

I turisti belgi devono richiedere un pass francese o italiano. Esso Certificazione Corona di compatibilità europea Ha esattamente la stessa funzionalità. Non è chiaro ai turisti provenienti da paesi extra UE come farlo.

Al piano di sopra in Francia

In parole povere: al gateway, il gestore o un dipendente scansiona con il tuo smartphone il codice QR del tuo Corona Pass, dopodiché sul suo schermo compaiono il tuo nome e la tua età. Dopotutto, quei dati sono collegati al codice QR. Se scopri che il vaccino è stato recentemente testato o curato, sarai “verificato” dal computer. Per evitare frodi, puoi accedere dopo un’ulteriore verifica della tua identità.

READ  Turisti e residenti in Italia evacuati da un incendio:...

La prima esperienza della Francia mostra che questi controlli comportano un lavoro extra per gli operatori. A rigor di termini, devono verificare non solo lo stato della corona, ma anche i dati di identità tramite il codice QR.

Ci sono molte altre domande su come funziona. I proprietari in Francia non vogliono giocare a Gentorm perché spaventa i clienti. Inoltre, in Francia, secondo le attuali linee guida, la certificazione è obbligatoria sui terrazzi, il che inganna il settore della ristorazione. La richiesta di allentamento è stata respinta dal governo francese. Di recente, le regole per i piccoli centri commerciali con lunghe code sono state allentate.

Questo video è stato creato dal governo francese sul processo di doppia verifica per gli operatori:

https://www.youtube.com/watch?v=P0ZA8ApNif8

(DP)