QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ci hanno lasciato nel 2021: Jacques Rogge, Julien Verschoren, Wilfried van Meyer | Altre notizie

Il 2021 è stato il primo anno per lo sport (belga), ma d’altronde è stato anche un anno triste. Con Wilfried Van Moer, Jolien Verschueren e Jacques Rogge, tra gli altri, abbiamo salutato tre personalità che hanno colorato a modo loro il mondo dello sport. Chi è morto quest’anno? Panoramica.

calcio

Nel 2020 salutiamo, tra l’altro, Diego Maradona, ma anche il 2021 non è stato un anno del tutto felice per il calcio. a Wilfried van Muer (76) Il calcio belga ha perso uno dei suoi centrocampisti più talentuosi, perdendo anche un allenatore di successo Primi Urbani (87) Siamo partiti.

Morte Franck Perrier (37) Ha colpito molte persone. L’ex centrocampista di Standard, Ostenda, Zolt e Argem, tra gli altri, è morto per un infarto mentre praticava sport.

all’estero morte Gerd Muller (75) Riferimento precedente, ladro bersaglio tedesco bloccato dall’Alzheimer per un po’.

In Francia, la morte Bernard Tapie (78) Poi di nuovo a incresparsi. L’imprenditore, che intorno a Bernard Hinault ha anche fondato una squadra di ciclismo, è stato per molti anni presidente e proprietario del Marsiglia. Ha vinto la Champions League con il club, con Raymond Gothals come allenatore, ma ha anche dovuto gestire la sfida quando il club è stato retrocesso dopo aver barato.

Infine, abbiamo anche suonato una canzone d’addio ai cantanti di un leggendario inno del calcio. Leggenda dell’Anderlecht lungo yo yo (85) Il mondo ci ha regalato la hit “Olé Olé Olé”, Jerry Marsden (78) Canta in una leggenda con un pacemaker con “Non camminerai mai da solo”.

Arrivederci Franck Perrier

Anche queste persone del calcio sono morte quest’anno

  • Colin Bell (74): Leggendario centrocampista del Manchester City degli anni ’60, che ha ottenuto la tribuna a suo nome
  • Leopoldo Locke (71): Attaccante e attaccante argentino, fratello di Mario Kempes, che ha portato il suo Paese alla conquista del titolo mondiale nel 1978
  • Christophe Delorg (35): Un ex giocatore della STVV, che ha visto la sua carriera paralizzata da un tumore al cervello
  • Willy van der Koelen (74): Eindhoven è il capocannoniere di tutti i tempi in Eredivisie con 311 gol
  • Yoo Sang Chul (49): Uno dei pilastri della nazionale coreana, arrivata improvvisamente alle semifinali dei Mondiali del 2002
  • Jean Pierre Adams (73): Un calciatore francese è caduto in coma per 40 anni dopo un errore medico
  • Jimmy Greaves (81): Marcatore brevettato per Chelsea e Tottenham
  • Roger Hunt (83): Il capocannoniere di tutti i tempi del Liverpool
  • Walter Smith (73): Un finto capo dei Glasgow Rangers, che come allenatore del club scozzese ha vinto 10 titoli e la finale di Coppa dei Campioni.

Willie van der Quillen

Ciclismo

Nel ciclismo, la morte Giuliano Vershoren (31) È come una bomba. Il ciclista ha combattuto contro il cancro per alcuni anni ed è stato fonte di ispirazione per molti.

Anche Chris Anker Sorensen (37) Il mondo del ciclismo ha dovuto arrendersi molto prima del previsto. L’ex pilota danese si è schiantato con la sua moto a margine di un sondaggio in pista del Campionato del Mondo per la cronometro.

Proprio come Lange Jojo e Gerry Marsden sono morti nel calcio con Manfredi Ibe (88) Anche nel ciclismo qualcuno ci ha regalato un numero irresistibile, la forbicina “Ro-da-ni-aaaa”, che serviva per annunciare una gara in avvicinamento.

Chris Anker Sorensen.

Abbiamo anche salutato quelle persone del ciclismo

  • André Dufres (94): Il pioniere francese del ciclocross che è diventato il 5 volte campione del mondo di ciclocross
  • Robert Marchand (109): Un coraggioso ciclista francese che ha avuto molti record di resistenza per i giocatori di età compresa tra 90 e 100
  • Willie Fairley (80): Una delle forze trainanti del ciclismo a Ninove, che ha portato, tra gli altri, il Giro delle Fiandre a Meerbeke
  • Olivia Podmore (24): Pista ciclistica della Nuova Zelanda

André Dufres (link)

sport motoristici

Il 2021 è stato sicuramente un anno terribile per gli sport motoristici, inclusa la morte di una leggenda motociclistica belga. Joel Robert (77).

Gli inglesi hanno perso la ‘Voce della Formula 1’ Murray Walker (97) Così come il controverso capo della FIA Max Mosley (81) Abbiamo lasciato.

Anche in Inghilterra c’era il lutto dopo la morte Frank Williams (79), il cui nome è ancora vivo nella scuderia dell’omonima razza. con l’argentino Carlos Roteman (79) Morto anche un ex autista di William. Negli anni ’70 ha vinto 12 Gran Premi.

Joel Robert

Ora stanno anche girando in cerchio sopra

  • Sabine Schmitz (51): È cresciuta al Nürburgring, dove da anni trasporta persone utilizzando il suo “taxi circolare”, ma è nota anche come conduttrice televisiva (tra cui Top Gear)
  • Renée Hofer (19): Morto in una valanga il talento austriaco del motocross
  • Padre di Al-Awar (82): La mitica gara IndyCar americana con 4 vittorie (condivise), detentore del record nella Indy 500

Sabine Schmitz

altri sport

Nel 2021, abbiamo detto addio al belga che ha forse lasciato il segno più grande nel mondo dello sport globale: Jack Ray (79), che aveva anche navigato, schermato e giocato a rugby ad alto livello, ha portato il CIO in acque più sicure dopo un periodo turbolento ed è stato ampiamente elogiato per questo.

Negli Stati Uniti la morte Hank Aaron (86) Poi la grande novità. Il giocatore di baseball ha detenuto il record di fuoricampo per molti anni, un record che aveva strappato all’altrettanto leggendaria Babe Ruth.

Nell’atletica abbiamo perso alcuni eroi leggendari: Lee Evans (74), che ha detenuto il suo record mondiale nei 400 metri per 20 anni, Tamara Press (83), Tre volte campione olimpico di lancio dei numeri, e Yuri Sedic (66), il cui record mondiale del 1986 è ancora sul tavolo.

Hank Aaron

È morto nel 2021

  • Leon Spinks (67): L’ex campione olimpico di boxe che ha rubato il titolo mondiale dei pesi massimi a Muhammad Ali nel 1978
  • Marvin Hagler (66): Il meraviglioso Marvin è considerato uno dei più grandi pugili dei pesi medi della storia
  • Baby Mintel (48): Il pattinatore artistico olandese ha vinto tre medaglie d’oro alle Paralimpiadi invernali ed è morto di cancro alle ossa
  • Roger Mayes (77): Il miglior giocatore di pallavolo quattro volte negli anni Settanta
  • Lamina Diack (88): Ex presidente della IAAF Shame
  • Andy Fordham (59): Imponente giocatore di freccette soprannominato The Viking, che è diventato il campione del mondo BDO nel 2004
  • Kyle Anderson (33)Il giocatore di freccette australiano che ha impressionato ai Campionati del mondo di freccette 2013 con 9 giocatori di bowling.
  • Hanno Mikola (78)Campione del mondo rally 1983, 41 anni
  • Filippo Mondelli (26)L’ex campione del mondo di canottaggio muore di cancro alle ossa
  • Rainier Babing (90): Vincitore del leggendario Eleven Cities Tour del 1963, disputato in condizioni estremamente dure
  • Manuel Santana (83): Tennista spagnolo che ha vinto quattro tornei del Grande Slam negli anni ’60 (2x Roland Garros, 1x Wimbledon e 1x US Open)
  • John Madden (85): L’ex allenatore della NFL e leggendario commentatore che ha dato il nome al popolare gioco per computer con lo stesso nome

Andy Fordham

READ  Nonostante il tiro superbo di Perisic, la Croazia non supera la Repubblica Ceca | Campionato Europeo 2020