QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ci sono ancora più amputazioni rispetto a prima della crisi di Corona – De Gooi

Produzioni ANP | Fonte: ANNP

Sono ancora in corso molte più amputazioni rispetto a prima della crisi di Corona, afferma il capo dell’Associazione ortopedica olandese Schord Polstra. La ragione di ciò è il rinvio delle cure durante una pandemia.

L’anno scorso, nei Paesi Bassi sono state eseguite tre volte più amputazioni rispetto al 2019, prima del Covid-19. Polstra apprende dai suoi colleghi chirurghi ortopedici che il numero di amputazioni rimane alto quest’anno. “Sento le stesse storie da tutto il paese: qualcuno aveva un’amputazione ogni tanto, ora ogni settimana”.

La maggior parte dei pazienti sono diabetici, che arrivano in ospedale con ferite altamente infiammatorie ai piedi. Non sono stati curati in tempo. Questo perché non si sono presentati al proprio medico di base durante la pandemia, o perché gli ambulatori specialistici non erano aperti, o perché c’erano ancora liste di attesa per tali cure. “Le persone con diabete hanno maggiori probabilità di avere un’infezione della ferita”, spiega Paulstra, professore emerito di ortopedia presso l’UMCG di Groningen. “Inoltre, spesso possono soffrire di polineuropatia: intorpidimento delle terminazioni nervose, in modo da non sentire le ferite. Queste persone vengono monitorate in ambulatori specializzati. Le ferite vengono trattate in modo tempestivo o vengono indossate scarpe speciali per prevenire la ferita. formazione.”

caduta pericolosa

Se tutto ciò non viene fatto in tempo, la ferita può perdere il controllo, portando nel peggiore dei casi all’amputazione. “Le ferite subite dai chirurghi ortopedici e vascolari nelle cliniche del diabete e del piede sono molto peggiori e più avanzate di quanto non fossero prima della crisi di Corona. Lo vedremo senza dubbio riflesso nei dati ufficiali per il 2021”.

Polstra ha affermato che l’amputazione ha rappresentato un “grave deterioramento” della qualità della vita del paziente. “La protesi è ristretta, quindi le persone camminano di meno e le loro condizioni peggiorano. Possono anche perdere la loro indipendenza. Tutto ciò è molto dannoso per la loro salute generale”.

READ  Cercasi collezionisti mobili per la settimana della raccolta MS | il ponte