QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cinque scenari per il futuro di Corona: “Old normal” sembra fuori vista

Avrebbe preferito far cadere tutte le misure dal 1 novembre, a partire dal biglietto d’ingresso Corona, dai copri bocca sui mezzi pubblici fino ai consigli per il lavoro da casa ancora in vigore in forma più leggera dopo il 25 settembre. Ma, il primo ministro uscente Mark Rutte ha detto la scorsa settimana, se ciò sia possibile “non si può dire con certezza”.

I consiglieri di governo sono più pessimisti. L’Outbreak Management Team (OMT) ora afferma che l’obiettivo dovrebbe essere la copertura vaccinale del 95% della popolazione in 12 anni. Anche allora non ci siamo ancora arrivati, ha detto il capo dell’OMT Jaap van Dissel alla Camera dei Rappresentanti la scorsa settimana. Ha fatto riferimento a un rapporto preparato la scorsa settimana dal Consiglio scientifico per la politica governativa (WRR) e dalla Royal Dutch Academy of Arts and Sciences (KNAW). Hanno identificato cinque possibili scenari per i prossimi anni. In quattro di questi sono ancora necessarie misure aggiuntive.

Sia WRR che KNAW sottolineano che queste non sono previsioni del futuro. Ma gli scenari mostrano che tipo di mondo potrebbe emergere nei prossimi anni.

1vecchia normalità

Questo è lo scenario che tutti sperano, ma ora si rivela inverosimile: il coronavirus è spazzato via in tutto il mondo e tutto è tornato alla normalità. Le misure non sono più necessarie e le cure non sono più sovraccaricate da molti pazienti affetti da coronavirus. OMT presume che questo scenario non sia più possibile: la variante delta è altamente contagiosa e i vaccini funzionano bene, ma non garantisce che nessuno sarà più infettato.

Inoltre, un’immunità sufficiente deve essere costruita non solo nei Paesi Bassi, ma in tutto il mondo. Passeranno anni prima che ciò accada.

READ  Il dubbio su un vaccino ha anche qualcosa a che fare con chi fornisce le informazioni: la salute

2 influenza plus

Lo scenario più realistico è che il Covid-19 continui a diffondersi tra la popolazione senza mettere a rischio la stragrande maggioranza della popolazione. Le onde poi formano lo stesso schema della stagione influenzale: in estate praticamente scompaiono, e riappaiono in inverno. La condizione è che anche all’esterno si costruisca un’immunità sufficiente, il virus muta, ma non compaiono più varianti infettive o penetrano più velocemente nell’immunità.

Questo sembra uno scenario con cui convivere, ma influenzerà anche la vita quotidiana. Poiché la stagione del coronavirus coincide (parzialmente) con la stagione dell’influenza, la capacità ospedaliera deve essere aumentata drasticamente: dopotutto, le persone finiranno in ospedale, anche se i numeri saranno inferiori rispetto a quelli degli ultimi 18 mesi. In inverno, potrebbero essere necessarie misure per controllare i focolai, come maschere o distanza.

3 minaccia dall’esterno

Nei Paesi Bassi il virus è sotto controllo in questo scenario, così come nel resto del mondo possono permettersi i vaccini o produrli da soli. Ma il resto del mondo è ancora alle prese con il coronavirus: ci sono ancora grandi ondate di contagio e compaiono regolarmente nuove varianti virali che possono causare problemi anche nell’inquinato Occidente. Certo perché i vaccini funzionano così bene, ma la loro efficacia diminuisce nel tempo, soprattutto nelle persone a rischio.

Il viaggio è possibile solo senza molte restrizioni verso paesi “altri” sicuri. Ci sono buone probabilità che una specie più pericolosa emerga dall’estero nei Paesi Bassi. L’epidemia di virus deve quindi essere soppressa con indagini tempestive su fonte e contatto, ma saranno necessarie anche misure provvisorie, preferibilmente a livello locale.

4 battaglia costante

Se il virus muta più velocemente della vaccinazione dei vaccini, sorge una sorta di gioco del gatto e del topo in cui si svolge una battaglia costante con il virus. Ciò significa che molte delle misure che abbiamo visto nell’ultimo anno e mezzo devono essere messe in atto ancora e ancora per tenere sotto controllo il virus. Sembra uno scenario meno realistico: Bart-Jan Kohlberg della Camera dei Rappresentanti ha affermato la scorsa settimana di presumere che l’efficacia dei vaccini diminuirà lentamente, dopodiché ci sarà tempo sufficiente per adattare i vaccini. alle nuove variabili.

READ  Le donne in gravidanza hanno maggiori probabilità di essere ricoverate in ospedale a causa della variabile delta.

5 nella peggiore delle ipotesi

Negli scenari più catastrofici emergono varianti che richiedono più morti e in cui i giovani devono anche essere ricoverati più spesso. In questo scenario, tutti hanno la possibilità di ammalarsi gravemente. È impossibile vaccinare contro questa variante e sono necessari arresti per tenerla un po’ sotto controllo. Col tempo, l’epidemia potrebbe essere finita, ma per allora il grande danno sarà stato fatto.

Questo scenario non è del tutto escluso, ma, come ha detto Van Dissel, non è nemmeno lo “scenario più probabile”: una variante completamente diversa deve apparire all’improvviso.