QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Circa quattrocento dipendenti temono per il proprio lavoro: chiude la filiale Huntsman di Everberg (Kortenberg).

L’azienda americana Huntsman chiuderà una filiale a Everberg entro la fine del 2023, a causa dell’incertezza tra i dipendenti. © ROBTV

Everberg

L’azienda chimica statunitense Huntsman, che ha una filiale a Everberg, chiuderà i battenti entro la fine del prossimo anno. L’azienda, che impiega circa 400 persone, afferma di voler garantire la sostenibilità a lungo termine. I colloqui con i sindacati sono previsti per la prossima settimana.

Martin de Kock

Secondo il sindacato BBTK, il sito di Everberg sarà chiuso e venduto. “Il dipartimento di ricerca sarà spostato in un sito più piccolo vicino a Everberg”, ha affermato il segretario regionale Catherine Vanovellen. Le persone verranno trasportate, ad esempio, a Francoforte o Cracovia. Inoltre, i dipendenti dovranno anche lavorare da casa, il che è un bel cambiamento se è a tempo pieno. Non è chiaro al momento quante persone dovranno adattarsi o purtroppo verranno espulse. Anche se possiamo dire che alcune persone saranno colpite”.

Inflazione storicamente alta

Huntsman non nega che i cambiamenti siano in arrivo. “Possiamo confermare di aver informato il nostro Consiglio del lavoro e il nostro personale che dobbiamo prendere delle misure”, afferma Vivian Neyens, Senior Site Manager. “Come molte aziende attive nei mercati industriali, stiamo attualmente affrontando una realtà economica difficile a causa di un’inflazione storicamente elevata, tassi di interesse elevati che colpiscono alcuni mercati come il settore delle costruzioni e un rallentamento generale dell’economia globale”.

Le misure previste per Huntsman prevedono la riduzione della presenza in diversi paesi europei. “Come anche Trasferimento in strutture che riflettano le esigenze future dell’azienda e l’intenzione di trasferire alcuni posti di lavoro in nuove sedi”, ha affermato Nyen. “Queste iniziative sono ora in fase di consultazione con i consigli economici europei e locali. Qualunque sia l’impatto, faremo tutto il possibile per trattare tutti con onestà, integrità, rispetto e fedeli ai nostri valori. “.

READ  LIVE: dibattito del Senato degli Stati Uniti su Bitcoin

‘rispetto reciproco’

I colloqui con i sindacati sono previsti per la prossima settimana. “È necessario negoziare un accordo solido per coloro che partono e per coloro che rimangono”, afferma Vanovelin. “Dato che c’era già un surplus collettivo di una sessantina di persone qui a maggio, c’è già un piano sociale, quindi abbiamo le basi. Vorrei sottolineare che c’era anche un’ottima consulenza sociale in quel momento, dove eravamo in grado di ridurre il numero di ripetizioni. Questo è il motivo per cui presumiamo che i colloqui si svolgeranno nel rispetto reciproco e che l’intento è evitare di licenziare il maggior numero possibile di lavoratori ora. “