QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Claudia e Remke sanno che molte donne in menopausa non sanno che stanno attraversando e che ha conseguenze spiacevoli.

Sappiamo molto poco della menopausa e, di conseguenza, le donne che la sperimentano non sempre capiscono cosa sta succedendo con loro. Questo può portare a problemi (mentali) e diagnosi errate. Claudia e Throwback possono parlarne.

Vampate di calore, ma soprattutto sbalzi d’umore molto violenti. Guardando indietro, Claudia Cohorn sa: quelli erano i primi segni di una trasformazione. Ma all’epoca, circa 20 anni fa, non ne aveva idea.

diagnosi errata

Sapeva che le vampate di calore facevano parte di lei, ma non era consapevole degli sbalzi d’umore associati agli incantesimi di pianto. Nessuno glielo ha detto. “Non capivo affatto cosa stesse succedendo, sono diventata insicura e non osavo dire nulla al lavoro”, dice Claudia.

Poiché in passato aveva sofferto di depressione, il suo medico ha concluso che era tornata. Ma il trattamento che ha ricevuto dopo non ha aiutato affatto. “Sapendo oggi, questo ha un senso, ovviamente: non ero depresso, ero in menopausa”.

anziana grigia

La menopausa, o l’ultimo periodo mestruale, è spesso associata alle donne anziane. Ma per molte persone, inizia intorno ai 40 anni, o prima, ad esempio, se hai subito un intervento chirurgico per il cancro cervicale.

“Nelle foto che accompagnano una storia sulla menopausa, vediamo sempre donne anziane e grigie”, afferma la fondatrice Evelyn Packer della Fondazione Vuurvrouw, un gruppo di interesse per le donne in menopausa, di cui circa 15.000 sono affiliate. “Quindi non pensare quando avrai 40 anni: questo potrebbe iniziare presto anche con me.”

Guarda anche

I medici non vedono sempre

Ma questo è il caso, e il fatto che questo non sia affatto noto a tutti può garantire che ci vorranno anni prima che le donne si rendano conto che i sintomi che stanno vivendo sono legati alla menopausa. Pensa a dolori muscolari e articolari, palpitazioni, dimenticanze e sbalzi d’umore.

READ  Sharon Dijksma riceve la vaccinazione e un nuovo invito ai respinti di AstraZeneca

I medici non sono sempre a conoscenza delle cause dei disturbi: 1 donna su 10 in menopausa riceve una diagnosi errata. Esaurimento, depressione, tiroide ipoattiva e stress sono le diagnosi errate più comuni.

Consumo di droghe non necessario

A circa la metà delle donne con diagnosi errata vengono somministrati farmaci per i loro sintomi, come antidepressivi per i sintomi della depressione. Questo è mentre i reclami sono dovuti al fatto che sono in menopausa.

Packer afferma che una maggiore consapevolezza sulla menopausa aiuta non solo le donne colpite da essa, ma la società nel suo insieme. “Si possono prevenire molte visite non necessarie a specialisti e molto uso non necessario di droghe”.

Guarda anche

La cultura si rivolge ai giovani

“La menopausa è stata un buco nero per molto tempo e ci sono ancora pochissime informazioni disponibili al riguardo. Ad esempio, non molte persone sanno che inizia molto prima dell’ultimo ciclo”, afferma Packer. Secondo lei, ciò è in parte dovuto al fatto che il trasferimento è ancora un tabù nella nostra società.

“La transizione è associata all’età, che ovviamente non è affatto sbagliata”, afferma. “Ma la cultura occidentale pone una grande enfasi sulla giovinezza e sulla vitalità. Sul rimanere giovani e belli il più a lungo possibile, soprattutto se sei una donna”.

Parla con tua madre

Dovrebbe essere pronto ad un certo punto, dice Packer. Per quanto ti riguarda, inizia con l’istruzione: “Durante le lezioni di biologia delle scuole elementari e secondarie, viene prestata pochissima attenzione al processo di transizione. Non a ciò che accade nel tuo corpo, al motivo per cui ricevi lamentele, a come potrebbero apparire Lo stesso vale per le mestruazioni, per esempio.

READ  La scoperta del terzo caso di epatite acuta nel nostro Paese: un altro bambino in ospedale

Oltre alle scuole, c’è anche un compito per i padri, che dovrebbero parlarne con i figli in modo che sappiano cosa aspettarsi dalle donne, concorda Claudia. “Finalmente ho iniziato io stesso la conversazione con mia madre e poi con le mie zie e il mio anziano vicino di casa. Ho saputo molto di quello che dicevano. Mi ha aiutato molto”.

Guarda anche

Informazioni pratiche

Remke Maris concorda pienamente sull’importanza di informare adeguatamente i propri figli. Lei stessa ha finito per entrare in menopausa all’età di 35 anni, dopo che le sue ovaie sono state rimosse per precauzione. Racconta tutto ai suoi tre figli: stanchezza, sbalzi d’umore e tutto ciò che la infastidisce ea volte la infastidisce ancora.

“Lo faccio consapevolmente in modo che abbiano le informazioni giuste quando arrivano a questo punto da soli o dal loro partner ad un certo punto”. È molto difficile se non hai queste informazioni, lo sa anche lei. “Si finisce rapidamente con siti per donne anziane o gruppi di pari. Mentre io volevo davvero trovare informazioni pratiche su stile di vita, alimentazione e opzioni di trattamento”.

Speranza in una nuova generazione

Rimka ha buone speranze per la nuova generazione di donne in menopausa. “Mia figlia, che è al liceo, ha conversazioni intense con i suoi amici sul suo periodo. Non l’ho mai avuto con i miei amici in passato. Andare avanti potrebbe anche diventare un argomento di conversazione a un certo punto”.

A Claudia piace sottolineare: “Sebbene tu possa soffrirne, anche la transizione è un bellissimo processo naturale. Dopotutto, non significa altro che il tuo corpo passa a quello successivo. Abbracciamolo”.

informazioni

READ  Ecco come pulisci la lingua per avere un alito fresco

In menopausa?

Come ti accorgi in te stesso di essere in menopausa? “Anche se i sintomi variano da persona a persona, succede sempre che in un dato momento ti senti diverso rispetto a prima. Che tu abbia un’idea: non sono più me stesso”, afferma Packer della Fondazione Vuurvrouw.

Citi l’esempio di qualcuno che si è sempre esercitato molto e senza alcun problema e subisce all’improvviso degli infortuni in catena di montaggio. Descrive la propria esperienza, quando improvvisamente ha iniziato a provare sintomi di panico, dimenticanza e nervosismo. “È una cosa fisica, ma può anche giocare mentalmente e può essere difficile, puoi sentirti come se non fossi più abbastanza”.

Lamentele comuni: Vampate di calore, mestruazioni irregolari, perdita di urina, sudorazioni notturne e mestruazioni abbondanti.

Reclami che spesso non vengono riconosciuti: Insonnia, stanchezza, sbalzi d’umore, palpitazioni, aumento di peso e dolori articolari.