QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

colonna | Quanto fumi?

Recentemente ho ricevuto una lettera seria dal Prof. Dr. H. c. De Kooning, professore di sanità pubblica e valutazione precoce delle malattie presso l’Erasmus MC Rotterdam. Chiunque abbia una posizione con molte lettere maiuscole dovrebbe scrivere lettere serie. Quando ho visto che si è rivolto a me personalmente, ho capito che non potevo ignorare questo messaggio.

Scrive: “Caro signor Abrahams, il cancro ai polmoni è un grave problema di salute. Nei Paesi Bassi, a 14.000 persone viene diagnosticato un cancro ai polmoni ogni anno. Spesso ci vuole molto tempo prima che il cancro ai polmoni porti a dei disturbi. Il cancro ai polmoni è spesso difficile da curare Lo screening per il cancro del polmone è il rilevamento del cancro del polmone prima che compaiano i sintomi. […] Perché hai ricevuto questo messaggio? Stiamo cercando persone di età compresa tra 60 e 79 anni che partecipino a questa serie di studi sul cancro ai polmoni”.

Poi spiega a chi è destinata la ricerca: persone che fumano da molto tempo. “Anche dopo che le persone hanno smesso di fumare, il rischio di cancro ai polmoni rimane alto per molto tempo. Ad esempio, hai fumato almeno un pacchetto al giorno per 25 anni? O forse 15 anni almeno due pacchetti? E ​​se smetti di fumare, hai già smesso di fumare? 2005? Allora vorremmo chiederti di considerare se vorresti partecipare allo studio.

Il Professor Dr. H. c. Cosa solleva de Kooning all’ignaro lettore di lettere con tali domande? Ho subito sentito la tosse di un vecchio fumatore e sono diventato così nervoso che mi sarei acceso una sigaretta se ne avessi avuto una nelle vicinanze. Esattamente quanto hai fumato e quanto hai fumato? Nelle conversazioni con altri ex tossicodipendenti, tendi ad eccitarti. “Sì, un accanito fumatore, ma a quest’ora deve essere finita.”

READ  Un importante studio sulla relazione tra veleno follicolare e disturbi del ritmo cardiaco, a cui tutti possono partecipare

A un esame più attento della mia coscienza è emersa una certezza un po’ rassicurante: in ogni caso avevo smesso di certo prima del 2005, dopo un periodo in cui fumavo sigari a malincuore, «ma non nei polmoni», aggiungeva sempre con orgoglio. Poi? Non ero un vero fumatore, bastava sentire WF Hermans tossire una volta per sapere cosa aspettarsi.

Solo nel quarto paragrafo della sua lettera il professor H. c. De Kooning ha un tono un po’ rassicurante. “Non hai fumato o fumato di meno? Allora non puoi partecipare a questo studio.” Se vuoi strappare la lettera in quel momento, leggi le frasi di collegamento: “Questo non significa che non puoi avere un cancro ai polmoni. Ecco perché dovresti sempre andare dal tuo medico in caso di reclamo”.

in de Volkskrant Un’altra professoressa, Yolanda van der Graaf (epidemiologa clinica dell’UMC Utrecht), ha descritto la ricerca della sua collega come una “lobby di esame completa per l’industria medica”. Crede che sia molto meglio investire denaro in programmi per smettere di fumare.

Lascio questa discussione ai professori esperti. In questo momento, sono stufo di morire tutti di nuovo. Soprattutto perché ho appena sentito di un’anziana donna sola trovata morta nella sua casa e la sua famiglia non era preparata a provvedere al suo funerale. A volte smettere di vivere è meglio che smettere di fumare.