QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Combattenti standard nei giochi: da 7 ori a bersaglio a 10 anni di imbattibilità | le Olimpiadi

Il fuoco comincia a brillare. Le Olimpiadi di Tokyo inizieranno venerdì con un anno di ritardo. In cinque parti – una per ogni pista olimpica – prepareremo tutto. Oggi: guerrieri standard in questi giochi.

Teddy Rayner (Judo, Francia, 32 anni)

Invincibile, imbattibile. Pochi atleti sono dominanti nella loro disciplina come Teddy Rayner. Il judoka francese è rimasto imbattuto per dieci (!) anni e 154 partite di fila. Una serie record pazzesca terminata solo nel febbraio 2020 a causa della sconfitta contro Kokoro Kajiura.

Nonostante due titoli olimpici e 10 titoli mondiali, Riner non pensa affatto al rigonfiamento. Presto vuole vincere la sua terza medaglia d’oro consecutiva. Pertanto, il peso massimo francese di 130 chilogrammi eguaglia il record di Tadahiro Nomura. E nella sua città natale di Parigi nel 2024 a riguardo?

Anche Tokyo ha un posto speciale nel cuore del Riner. Nella capitale giapponese ha posto le basi per i suoi successi. “Sono andato lì per combattere i migliori judoka del mondo”, ha detto Renner. “Oggi sono uno dei migliori di me stesso e so che tutti vogliono battermi”.

Alison Felix (400m, USA, 35 anni)

La decima medaglia non verrà visualizzata. E ha reso Alison Felix la detentrice del record assoluto nella storia dell’atletica femminile. Anche se la sua quinta partecipazione ai Giochi è già impressionante.

Felix è diventata la madre della figlia Camryn alla fine del 2018. La gravidanza non è stata affatto priva di problemi, con complicazioni che hanno minacciato la vita del corridore e la vita di sua figlia non ancora nata.

Felix con sua figlia Camryn.

Inoltre, Felix ha nascosto a lungo la sua gravidanza dal mondo esterno. Si è allenata con abiti larghi la mattina presto e lo ha detto solo a una manciata di persone. Tutto per paura che il suo sponsor Nike chiuda il beccuccio del denaro.

A maggio 2019, Felix ha gareggiato apertamente con il mega-marca. Ha detto che si sentiva sotto pressione per tornare il prima possibile in base a una clausola contrattuale che consentiva a Nike di ridurre la paga di qualsiasi atleta dopo la gravidanza. Ora Felix è il campione della protezione contrattuale per le mamme sportive.

Caleb Dressel (nuotatore, Stati Uniti, 24 anni)

La designazione di “successore di Michael Phelps” è giustificata. Fenomeno del nuoto Caeleb Dressel a caccia di 7 medaglie d’oro durante le Olimpiadi. Il round di forza in cui l’americano è effettivamente riuscito durante la Coppa del Mondo nel 2017.

A Tokyo, Dressel partecipa a 4 staffette, i 100 m farfalla e i 50 m stile libero. Ha tenuto d’occhio quest’ultimo evento in particolare. Dressel vuole finalmente battere il record mondiale del brasiliano Cesar Cielo (46,91 secondi) dalla tabella dei numeri del re.

Novak Djokovic (tennis, Serbia, 34 anni)

L’Australian Open, il Roland Garros e Wimbledon sono già stati sospesi. Manca ancora l’unico Golden Slam: le Olimpiadi e gli US Open. Novak Djokovic è ancora sulla buona strada per vincere tutti i principali tornei di tennis in un anno.

Sarà unico tra gli uomini. Solo la tedesca Steffi Graf ha completato questo corso perfetto nel 1988. A causa delle numerose cancellazioni, il lavoro di Djokovic è diventato più facile. Mancati gli eterni rivali Rafael Nadal e Roger Federer.

Djokovic ha vinto Wimbledon due settimane fa.

Shelley Ann Fraser Price (100m, Giamaica, 34 vasetti)

Più veloce che mai all’età di 34 anni. La Jaguar giamaicana Shelley-Ann Fraser-Price ha stabilito il secondo tempo più veloce nella storia dei 100 metri (10,63 secondi) il mese scorso.

Inutile dire che il corridore si sta dirigendo a Tokyo nel sangue. Ci sono libri di storia che l’aspettano. Dopo i suoi titoli olimpici nel 2008 e nel 2012, potrebbe diventare la prima a vincere tre volte il numero del re nell’atletica. La renderebbe anche la più grande atleta femminile ad aver mai vinto un numero singolare.

Jason Kenny (ciclismo britannico, 33 anni)

Chris Hoy, Bradley Wiggins, Geraint Thomas… Il ciclismo britannico ha una storia d’oro alle Olimpiadi. Ma a Tokyo, Jason Kinney potrebbe diventare il fantino più decorato nella storia del suo paese.

Con 6 medaglie d’oro, deve ancora condividere quel titolo con Hoy. Un oro quest’estate potrebbe rendere Kenny l’unico sovrano. Colpisce: sua moglie, Laura Kenny, va in Giappone con le stesse grandi ambizioni. Il suo contatore d’oro è attualmente di 4 pezzi. La coppia di successo sarà presto coinvolta in 3 major.

Kenny e sua moglie Laura con la medaglia scelta da Rio.

READ  Romelu Lukaku e l'Inter hanno già un nuovo allenatore