QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come nel film: un uomo viene attaccato per giorni da un orso grizzly dell’Alaska, finché un elicottero non vede un segnale di SOS | all’estero

Ricordando i film di successo di Hollywood, un uomo che si accampa da solo nella natura selvaggia dell’Alaska viene ferito dopo l’attacco di un orso grizzly. L’animale continua anche a inseguirlo per diversi giorni. Grazie al segnale SOS sopra la sua cabina remota, l’americano è stato infine individuato da un elicottero della Guardia Costiera e salvato.




La difficile situazione dell’uomo – la cui identità non è stata rivelata – è dettagliata in New York Times. Secondo il giornale, l’uomo sulla cinquantina o sulla sessantina era solo in un ex campo minerario a circa 40 miglia dalla remota città di Nome quando l’orso lo ha attaccato. Poi l’animale lo trascinò nel fiume. L’americano è stato ferito a una gamba.

L’uomo, che era armato di pistola ma aveva a malapena le munizioni, è poi riuscito a fuggire ma è stato sottoposto a ripetuti attacchi per circa una settimana. “Ha detto che l’orso tornava nella cabina ogni notte e non dormiva da alcuni giorni”, ha detto al New York Times il pilota di elicotteri della Guardia Costiera Jared Carvajal.

L’elicottero era in viaggio da Kotzebue a Nome per portare alcuni scienziati alla ricerca di balene, trichechi e foche morte lungo la costa.


Il ferito non è stato notato fino a quando l’elicottero ha leggermente cambiato rotta per evitare un po’ di maltempo. L’elicottero ha visto il segnale di soccorso dell’uomo – che ha anche sventolato bandiera bianca – ed è subito sceso in suo aiuto. Anche la porta della sua capanna è stata sfondata.

READ  La principessa Latifa torna in scena mesi dopo Proprietà

“In realtà non incontriamo persone in bloccatoha detto il co-pilota AJ Hammac. “Stava attraversando un momento difficile. Quando ci siamo avvicinati, ha sventolato una bandiera bianca a quattro zampe. Sembrava proprio come se fosse stato in natura per un po'”. L’americano ora si sta riprendendo dal suo calvario.

L’uomo si trovava nei resti di un vecchio campo minerario a 40 miglia dalla remota città di Nome . in Alaska © AFP