QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come potevano Paul Michels e Jean Liers formare un gruppo rock?

Come potevano Paul Michels e Jean Liers formare un gruppo rock?

Per chi dopo dieci stagioni è stanco dell’approccio tradizionale Bellpop – Teste parlanti cronologiche dal mondo della musica e dei media mescolate con filmati d’archivio dell’ospite centrale dentro e fuori dal palco – Ci sono notizie sfortunate. Fatta eccezione per la voce fuori campo, in cui Bent van Looi sostituisce Luke Janssen, tutto rimane uguale. Il vero cantante, pittore e produttore di radio mantiene lo stesso tono leggermente sarcastico del suo predecessore. Niente di tutto ciò è stato un ostacolo all’episodio di apertura. Il formato classico del programma musicale si sposa perfettamente con la migliore band belga: i Soulsister.

A Boechout tutte le strade portano a Bart Peeters. Negli anni ’80, incoraggiò il suo compaesano e amico Jean Liers a partecipare a un concerto in un bar tenuto da un ragazzo chiamato Paul Michels a pochi villaggi di distanza. “A Heist-op-den-Berg il mondo era completamente diverso”, ricorda Leyers. Bellpop Quel momento decisivo. Secondo la bionda raffinata della successiva sorella dell’anima, quella sera la bruna radiosa avrebbe dichiarato con fermezza: “Conquisteremo il mondo”.

Michel non ci credeva, mentre era a casa sul suo divano, Liers ha negato di aver detto qualcosa che lo facesse sentire bene. Ebbene, i Soulsister avevano conquistato il mondo: con un pop accattivante che era stato buttato fuori dalle classifiche dal grunge all’inizio degli anni ’90. Viene realizzato solo quest’ultimo BellpopVale la pena guardare un episodio su un’anima gemella. I severi tutori della correttezza politica nel mondo della musica disprezzavano i Soulsister. Per i seguaci della musica tagliente degli anni ’70 e ’90 il gruppo non era interessante perché completamente innocuo.

Né l’altezzosa stampa musicale lo considerava completo, o “un successo potenzialmente fastidioso”, come disse Frank Vander Linden. Non la pensavo diversamente riguardo Soulsister. Da adolescente in erba, ho trovato successi come “The Way to Your Heart”, “Through Before We Begin” e “Okay Well Well” molto raffinati. Mentre una vocina nel profondo dei miei pensieri doveva sussurrare e confessare: questa è musica pop impeccabile. La cosa interessante è che tutte quelle canzoni degne di essere radiofoniche provenivano dalle menti creative di due persone completamente opposte.

READ  'Il dono di conoscerti': Viktor Verhulst e Joris Hessels mantengono un'amicizia unica dalla 'Spedizione: Groenlandia' | televisione

Questo Bellpop Sono al culmine della loro forza quando le differenze di personalità tra il severo filosofo di Boechout e il playboy di dieci anni più vecchio di lui e il figlio del lattaio di Heist-op-den-Berg diventano più evidenti. Spesso ti chiedi: come potrebbero questi due formare insieme una rock band? Uno dei punti salienti a questo riguardo è il loro sguardo al periodo d’oro di Soulsister. Uno di loro sembra rimanere nella stessa nuvola di attenzione femminile, e poi l’altro spiega pensierosamente come l’anno di svolta del 1989 abbia influenzato drammaticamente la sua vita familiare: “Mia figlia non mi riconosce più”.

Quasi tre decenni dopo lo scioglimento dei Soulsister, Paul Michaels è ancora meno capace di mettere in prospettiva i commenti della polizia del gusto musicale rispetto alla metà filosofica di The Alliance. Con questo termine – solitamente usato per alleanze tra paesi o partner commerciali – Jan Liers descrive l’incontro musicale più folle nella storia del billpop alla fine di questa accogliente ora televisiva.

“Belpop”, ogni mercoledì alle 21:20 su VRT Canvas e VRT MAX