QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come si trasmette il vaiolo delle scimmie? Quello che sappiamo finora sull’infezione tra le preoccupazioni per i casi di virus nel Regno Unito

Nel Regno Unito, ad altre quattro persone è stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie, tre dei nuovi casi a Londra e uno nel nord-est dell’Inghilterra.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha confermato di portare a sette il numero totale di persone infette nell’attuale epidemia.

I funzionari sanitari stanno ora indagando se un certo numero di casi è stato trasmesso sessualmente, in quelli che un esperto teme potrebbero essere i primi casi registrati di questo genere.

Ecco cosa devi sapere.

Cos’è il vaiolo delle scimmie?

Monkeypox è un’infezione virale comunemente associata ai viaggi in Africa occidentale.

Di solito è una malattia lieve che si diffonde attraverso uno stretto contatto con qualcuno che ha il vaiolo delle scimmie, sebbene non sia facilmente trasmessa tra le persone.

Mentre la maggior parte delle persone con vaiolo delle scimmie guarisce entro poche settimane, può causare gravi malattie in alcune persone.

Può essere trasmesso dalla fauna selvatica infetta in alcune parti dell’Africa occidentale e centrale, ha detto il SSN, così come il contatto con indumenti, lenzuola o asciugamani usati da qualcuno con un’eruzione cutanea da vaiolo delle scimmie, o tosse o starnuti e toccando vesciche o croste sulla pelle da scimmie vaiolose.

L’UKHSA ha affermato che esiste un basso rischio di trasmissione alla popolazione generale del Regno Unito.

I contatti vicini agli ultimi due casi verranno contattati e forniti di informazioni e consigli sanitari (Foto: UK Health Security Agency/PA)

Come si trasmette il vaiolo delle scimmie?

Secondo il NHS, il vaiolo delle scimmie può essere trasmesso alla fauna selvatica in alcune parti dell’Africa occidentale e centrale.

Si ritiene che sia diffuso da roditori, come ratti, topi e scoiattoli.

Puoi contrarre il vaiolo delle scimmie da un animale infetto se sei stato morso o se ne tocchi sangue, fluidi corporei, macchie, vesciche o croste.

READ  La madre è a malapena malata di corona, ma la placenta è rotta

Potrebbe anche essere possibile contrarre il vaiolo delle scimmie mangiando la carne di un animale infetto che non è stata cotta correttamente o toccando altri prodotti di animali infetti (come pelle o pelliccia di animali).

È molto raro contrarre il vaiolo delle scimmie da una persona infetta, ma può essere diffuso toccando gli indumenti, la biancheria da letto o gli asciugamani usati da una persona con un’eruzione cutanea da vaiolo delle scimmie, toccando vesciche o croste sulla pelle dovute al vaiolo delle scimmie, o tossendo o starnutendo da una persona infetta. una persona infetta.

Tre dei nuovi casi sono a Londra e un caso collegato è nel nord-est dell’Inghilterra. Tutti e quattro i pazienti sono gay, bisessuali o hanno rapporti sessuali con uomini (MSM).

Sono in corso le indagini per determinare i collegamenti tra questi ultimi casi, che sembrano tutti infettati nella capitale. Contatti comuni sono stati trovati in due degli ultimi quattro casi.

I funzionari hanno sottolineato che non vi è ancora alcuna conferma di casi di vaiolo delle scimmie a trasmissione sessuale.

Quali sono i sintomi?

Secondo il NHS, possono essere necessari dai cinque ai 21 giorni prima che compaiano i sintomi del vaiolo delle scimmie.

I primi sintomi del vaiolo delle scimmie includono febbre alta, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, ghiandole gonfie, brividi e affaticamento.

L’eruzione cutanea di solito compare da uno a cinque giorni dopo la comparsa dei primi sintomi e spesso inizia sul viso prima di diffondersi ad altre parti del corpo.

L’eruzione cutanea è talvolta confusa con la varicella e inizia come macchie in rilievo, prima di trasformarsi in piccole vesciche piene di liquido, che alla fine formano croste prima di cadere.

READ  Joris Rotmans, nuovo professore, innovazioni tecnologiche per pazienti renali

I sintomi di solito scompaiono entro due o quattro settimane, la malattia è generalmente lieve ma a volte può essere più grave ed è stato segnalato che causa la morte in Africa occidentale.