QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Commento #1 Precedente Simona Halep temporaneamente per doping | Tennis

Simona Halep Non sono sicuramente piccoli gamberetti. 5 anni fa, la rumena era ancora la migliore giocatrice del mondo, e con Roland Garros e Wimbledon i suoi palmi vinsero due titoli del Grande Slam.

Halep, 31 anni, è ancora tra i primi 10 nel tennis femminile. Ma nei prossimi mesi potrebbe avere altre cose in mente oltre agli sport eccellenti.

Durante gli US Open di agosto, Roxadostat è stata trovata nelle sue urine durante un test antidoping. Questo è un farmaco per l’anemia strettamente correlato al noto prodotto dopante, l’EPO.

Il campione B ha confermato il risultato del campione A e Halep è stato quindi temporaneamente sospeso dall’International Tennis Integrity Agency (ITIA). Halep è stato eliminato al primo turno agli US Open dalla qualificata ucraina Daria Sniger.

In risposta ai suoi social, Simona Halep si è subito dichiarata innocente. “Questo è il più grande shock della mia vita, ma oggi inizia la battaglia più dura che abbia mai combattuto. Una lotta per la verità”.

“Non ho mai pensato di barare in tutta la mia carriera perché va contro tutti i valori in cui sono stato cresciuto”.

Scrive: “Di fronte a questa situazione ingiusta, mi sento confusa e tradita”.

Nella sua lettera, Halep osserva che la proporzione della sostanza vietata nel suo corpo era “estremamente bassa”. “Lotterò ad oltranza per dimostrare di non aver mai usato intenzionalmente sostanze proibite. Sono fiducioso che prima o poi la verità verrà fuori”.

“Non si tratta di titoli o denaro. Si tratta di onore e della storia d’amore che ho costruito con il tennis negli ultimi 25 anni”.

READ  La seconda settimana a Jero: Gravel, Monte Zoncolan e Queen's Roads | Jiro