QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Con una buona informazione, i consumatori possono fare scelte migliori”

La carriera dell’esperta di cibo e docente universitario Alie de Boer consiste nell’ottenere informazioni oneste su cibo sano e sostenibile. La pazienza ha ucciso suo fratello. “Ogni consumatore dovrebbe essere in grado di fare la propria valutazione”.

Certo, lo scienziato alimentare Alie de Boer a volte soffre di una lieve forma di deformità occupazionale. Ad esempio, in vacanza vai sempre al supermercato di zona a leggere le etichette. Non che ci siano differenze estreme all’interno dell’Europa, tra l’altro. In Austria, ho notato un avviso su un pacco che devi separare il bordo superiore di plastica di una fetta di formaggio dal piatto di carta.

A proposito di persone brillanti

Le persone brillanti sono indispensabili per rendere il mondo di domani più bello, più pulito e migliore. In questa serie, intervisteremo ogni mese uno dei Brightlands Campus Heads. Questi veri innovatori parlano della loro missione e di come vogliono raggiungerla.

Leggi altri episodi di questa serie qui.

Bruxelles e L’Aia

Secondo lei, le informazioni su tale etichetta, sito Web o cartella sono fondamentali per fare una buona scelta di un prodotto sano o sostenibile. Il Knowledge Center di Venlo, fondato da Alie de Boer, conduce ricerche, consiglia, informa e controlla queste informazioni. Condivide la sua esperienza a Bruxelles e L’Aia ed è felice di dimostrarne l’importanza nei programmi per i consumatori. Ultimamente, è stata una questione di latticini coltivati ​​e di cosa esattamente dovrebbe dire l’etichetta. Tali scelte, ma anche se il prodotto è stato prodotto in modo sufficientemente sostenibile, devono essere effettuate sulla base di informazioni veritiere sull’etichetta.

Mangi principalmente perché qualcosa è delizioso. Per un numero crescente di persone, il fatto che il cibo debba essere sano o sostenibile è un fattore importante. Partiamo dal presupposto che il nostro cibo sia sicuro. Ma le informazioni sull’etichetta sono corrette e soprattutto: contiene tutto?

Alì de Boero

Centro reclami alimentari

Nata in Frisia, Alie de Boer (33 anni) è finita a Wageningen (Laurea in Nutrizione e Salute) all’Università di Maastricht e da circa cinque anni vive a Venlo, dove Centro reclami alimentari Ha fondato e conduce ricerche con il suo team e gli studenti. Ha poche illusioni di poter capovolgere il mondo. “Mangi principalmente perché qualcosa è delizioso, perché ne hai voglia e per un numero crescente di persone è importante che il cibo sia sano o sostenibile. Diamo per scontato che il nostro cibo sia sicuro. Ma le informazioni sull’etichetta sono corrette e soprattutto: contiene tutto? ?”

READ  Le more sono buone per la resistenza e hanno più benefici per la salute

zucchero

La risposta può essere indovinata. Questo autunno, ad esempio, le etichette di birra, vino e liquori indicheranno solo la quantità di zucchero nella bottiglia. In qualità di esperto, Alie de Boer è stato coinvolto nella ricerca sulle modifiche proposte a queste designazioni. Trova strano che il settore sia sempre stato in una posizione così eccezionale. Ma spesso è anche una questione complessa. Ci sono cinquanta nomi diversi per lo zucchero. È molto complicato. Ci sono molti composti che possono dare dolcezza. Ciò rende difficile per te arrivare fino a che punto dovresti spingerti nel fornire queste informazioni e quanto dovresti essere accurato? Ci sarà senza dubbio un gruppo di persone che vorranno sapere esattamente. Ma possiamo renderlo più facile o più accessibile? “

Alie de Boer © Marcel van Horn

influencer

Secondo De Boer, le regole su cosa può esserci sulla confezione sono molto rigide. Ma nel frattempo, gli influencer iniziano a lamentarsi di aver bevuto un ottimo tè. “Recentemente si trattava di iniezioni allo zenzero. La gente paga un sacco di soldi per questo, ma devi renderti conto che non fa molto. Sappiamo che lo zenzero aiuta davvero con la nausea, ma tutte quelle storie che ti danno energia e ti danno un boost, questo non è scientificamente provato. Se vuoi crederci e se vuoi spendere soldi per questo: sii mio ospite e divertiti. Ma non cercare di convincere gli altri che è salutare”.

Ma cosa mi consigliate? “Direi: l’effetto non è stato dimostrato. Alcuni sono già stati organizzati, ma altri no. Oltre agli integratori vitaminici, sul mercato ci sono anche molti integratori alimentari che contengono erbe. E mentre affermazioni su questi prodotti sono molto rigidamente regolamentati, Quei prodotti a base di erbe non sono stati ancora risolti. Gli effetti di una sostanza devono essere scientificamente provati, quindi puoi citare in giudizio. Ma per le erbe ci sono molte prove aneddotiche. Ad esempio: questo prodotto è stato usato per curare il mal di testa in Olanda da trent’anni. Non è ancora Evidence. Devi studiarlo e assicurarti che l’effetto sia misurabile. Al momento, in Olanda si dice: Questi prodotti potrebbero avere un disclaimer Stiamo aspettando l’approvazione “Bene, immagino che possiamo aspettare, ma ci sono buone probabilità che non accada affatto. Perché è molto difficile dimostrare l’efficacia in grandi gruppi di persone sane”.

READ  È difficile prevedere quanto aumenterà l'ondata di influenza

sulforafano

Alie de Boer e il suo team (sei ricercatori associati) stanno conducendo ricerche sugli effetti degli alimenti. Ad esempio, per il presunto effetto benefico del sulforafano nei broccoli. Ci sono indicazioni da studi cellulari e animali che questa sostanza può combattere l’infiammazione e quindi ridurre il rischio di obesità o diabete. “I primi risultati sembrano effettivamente mostrare effetti interessanti nelle persone sane”, afferma l’esperto di nutrizione. “Spesso guardiamo al cibo per vedere se è una medicina. Prendi una sostanza, misuri un effetto e deve essere salutare. Ma un prodotto alimentare contiene molte sostanze diverse e spesso una di queste sostanze ha effetti e funzioni diversi. La vitamina C è un buon esempio di questo… Osservare tutti questi diversi effetti è molto complesso. Nel caso del sulforafano, stiamo cercando di mapparlo meglio con i nuovi modelli”.

missione compiuta

Perché lo fanno? Questo tipo di ricerca può confermare scientificamente che frutta e verdura sono sane. Non sarei veloce nel dire che il cibo fungerà da medicina, ma può aiutarci a mantenerci in salute in media più a lungo. Quindi abbiamo bisogno di costi sanitari inferiori e sarai felice più a lungo. Se possiamo aiutare a far mangiare frutta e verdura a più persone, la mia missione è compiuta”.

Alie de Boer, ricercatore e docente, lavora nel campus dell’Università di Maastricht a Venlo. Prova il più possibile a contattare Brightlands Campus Greenport Venlo, a pochi chilometri di distanza. Le persone lì sono impegnate a coltivare cibo sano e mangiare cibo sano e noi siamo un collegamento in questo. Ci conosciamo molto bene, anche se possiamo sempre fare meglio”.

Spero che abbiamo già contribuito a renderci conto che come consumatore dovresti avere una scelta e che hai bisogno di buone informazioni per questo.

Alì de Boero

Mango

Stiamo andando abbastanza bene in Europa in termini di sicurezza alimentare, dice de Boer. Anche se pensa che dovremmo parlare di più di sostenibilità. “Se un lotto di mango proviene dal Costa Rica e ha emissioni di CO2 significative, penso che dovresti condividere queste informazioni con il consumatore. Quindi possono ancora scegliere di acquistare questi mango perché sono molto gustosi”.

Dov’è ora il Food Claims Center? Alie de Boer: “Spero che abbiamo già contribuito a capire che come consumatore devi avere una scelta e che hai bisogno di buone informazioni per farlo. Siamo contattati da varie aziende ed enti per discutere di queste scelte in materia di salute, cibo sicurezza e sostenibilità. Ci chiedono di pensare E cerchiamo di fare in modo che le conoscenze che acquisiamo siano accessibili. Anche i produttori sono d’accordo con noi: sto realizzando un prodotto, a cosa devo prestare attenzione? Oppure: spiegami il legislazione.”

Alie de Boer © Marcel van Horn

Iniziativa

Terre chiare molto importante per noi. Grazie a questa associazione con imprese e imprenditori, sai cosa sta succedendo nella pratica. Non operiamo commercialmente, ma possiamo dare ogni tipo di consiglio. Supponiamo che un agricoltore abbia inventato una nuova varietà di pomodoro, cosa dovresti essere in grado di dimostrare sui nutrienti che contiene e fino a che punto devi andare con esso? Queste sono ancora domande ragionevolmente applicate, ma c’è ancora uno strato legale al di sotto. Il cibo non dovrebbe rimanere teorico, si tratta di ciò che mangiamo”.

READ  Le persone che balbettano di solito parlano fluentemente quando sono sole

Alie de Boer chiama il centro di conoscenza il suo “bambino”, anche se ora uno di loro sta crescendo anche nella sua pancia. Entrambi i bambini stanno andando alla grande, ma questa storia parla di Venlo. “C’è uno spirito imprenditoriale poco saggio qui, le persone vedono opportunità ovunque. Ci sono aziende nel campus che hanno un’enorme quantità di conoscenze, ma soprattutto hanno la volontà di andare avanti. Mi è piaciuto molto il risultato di incontrarsi nel campus da l’inizio. Deve avere un obiettivo comune per rimanere motivato e lo sento davvero qui”.

È importante che la ricerca non si concluda solo con un documento su cui puoi guadagnare un dottorato di ricerca. La conoscenza deve andare dove le persone ne hanno bisogno.

Alì de Boero

La ricerca a volte può essere solitaria: “Capisci le cose da solo e pensi: chi lo troverebbe bello? Devi tenere a mente questo obiettivo comune”. Questo vale anche per i dottorandi del suo team. “È importante che si rendano conto che la ricerca non finisce solo in un documento che puoi usare per guadagnare il tuo dottorato di ricerca. La conoscenza deve arrivare dove le persone ne hanno bisogno”.