QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Conclusione in un processo rivoluzionario a un carnefice siriano di alto profilo: “La condanna risuonerà in tutto il mondo”

Ti chiameremo mentre sei sul treno per Coblenza. Cosa ti aspetti dalla sentenza?

“Mi aspetto niente di meno che Omar. Le accuse sono molto gravi. L’ex colonnello del regime di Assad ha guidato l’indagine sul ramo 251 dei servizi di intelligence durante la rivoluzione siriana nel 2011 e nel 2012. Ciò includeva anche una prigione, dove venivano torturate persone Hanno usato stupri e aggressioni e hanno costretto i prigionieri a rimanere nudi.

Lo hanno fatto per estorcere confessioni o informazioni. Ne ha la responsabilità. Decine di persone hanno perso la vita in questo complesso cellulare durante il periodo in cui era al comando”.

Lo conosci.

Ero un avvocato e parlavo di tortura e ho creato un centro di formazione sui diritti umani. Non potevano sopportarlo. Nel 2006 mi ha arrestato. L’ho visto io stesso in prigione. Cinque anni dopo sono stato rilasciato”.

Poi, qualche anno dopo, sei fuggito in Germania e l’hai incontrato di nuovo?

“L’ho incontrato a Berlino. Ha chiesto asilo in Germania ed è rimasto nello stesso centro per l’asilo. L’ho incontrato in un supermercato vicino a quel centro. Lo ha ignorato e ha ignorato me. Mi conosceva sicuramente. ”

“Non sapevo cosa fare contro una persona del genere, perché non conoscevo ancora il sistema tedesco. Ma gradualmente ho sentito che non doveva sfuggire alla sua punizione. Il tribunale tedesco ha aperto un’indagine, raccolto prove e arrestato lui nel 2019 insieme a Iyad A..”

Questo è stato un verdetto storico, il primo al mondo per crimini commessi dal regime di Assad. Ma il caso di Anwar Raslan è più importante perché riguarda qualcuno in una posizione di autorità”.

Ho testimoniato in tribunale contro questo Anwar Aslan. Ha mostrato rimorso?

“No, non c’è un vero rimorso. In un primo momento, ha negato la tortura sistematica in Siria. In una dichiarazione successiva, ha ammesso di essere stato torturato, ma non aveva nulla a che fare con questo. Ha affermato di non aver mai picchiato o maltrattato nessuno Ha chiesto scusa per non aver potuto aiutare i siriani, ma non si tratta di scuse reali.

“Oltre a tutte le testimonianze al processo, sono stati mostrati anche documenti che dimostrano che sapeva esattamente cosa stava succedendo sotto la sua autorità”.

Abbiamo rivelato l’anno scorso che anche un criminale di guerra siriano, Hussein A., si era nascosto a Bruxelles. Si dice che l’ufficio del pubblico ministero abbia dozzine di tali file. Tribunale tedesco dimostra che la condanna è possibile?

Il pubblico ministero belga mi ha contattato in merito al caso Hussein A. e penso che stia andando nella giusta direzione. È importante che questi criminali non possano nascondersi. Nessuna persona, ovunque si trovi, che commette crimini orribili può continuare la sua vita impunemente e nel massimo comfort.

Questa condanna si riverbererà in tutto il mondo per mostrare ai rifugiati che non dovrebbero cedere. Il messaggio raggiungerà anche tutti quei Paesi del Medio Oriente dove le autorità stanno violando i diritti umani”.

READ  Qual è questa nuova forma per cui il Marocco sta costruendo i suoi aerei?