QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Condivisione dei pazienti Covid-19 che beneficiano di anticoagulanti

Utrecht

Il trattamento con dosi più elevate di fluidificanti del sangue è efficace nei pazienti con COVID-19 ricoverati nel reparto medico. Ciò è dimostrato dalla ricerca di tre studi clinici in tutto il mondo (REMAP-CAP, ACTIV-4 e ATTACC), i cui risultati sono stati pubblicati il ​​4 agosto 2021 nel prestigioso New England Journal of Medicine.

Non per i pazienti con cistite interstiziale

Il trattamento può impedire a questi pazienti di sviluppare malattie gravi e può migliorare il recupero dei pazienti. Tuttavia, secondo l’UMC Utrecht, il trattamento con questa dose di fluidificanti del sangue non è efficace per i pazienti nell’unità di terapia intensiva.

coaguli di sangue

“Dall’inizio della pandemia, i medici di tutto il mondo hanno visto più coaguli di sangue nei pazienti COVID-19”, ha affermato il ricercatore e ricercatore dell’UMC Utrecht Lennie Derde. Ora sappiamo meglio quale trattamento possiamo dare ai pazienti sia in reparto che in terapia intensiva. Questi risultati della ricerca hanno implicazioni dirette per la cura dei pazienti COVID-19 in tutto il mondo”.

clinica

Nel gennaio di quest’anno, i ricercatori hanno scoperto che il trattamento con alte dosi di fluidificanti del sangue potrebbe impedire ai pazienti ricoverati in un’unità di ricovero di ammalarsi gravemente e migliorare il loro recupero. Un mese fa, i ricercatori hanno concluso che gli anticoagulanti a questa dose elevata non hanno mostrato alcun miglioramento nei pazienti nell’unità di terapia intensiva. A causa degli effetti clinici sui pazienti, i risultati provvisori erano già stati pubblicati all’epoca. Ora i risultati completi sono disponibili e pubblicati sul New England Journal of Medicine.

Cooperazione internazionale

Le tre associazioni internazionali lavorano insieme da maggio 2020, con lo studio REMAP-CAP in corso in oltre 300 ospedali in cinque continenti. Lennie Derde coordina lo studio REMAP-CAP in Europa e recentemente è diventato presidente del comitato internazionale che sovrintende allo studio in tutto il mondo. La cooperazione con gli altri due sindacati del Canada e degli Stati Uniti è unica. Terzo, il modo in cui questi diversi studi sono stati messi insieme è notevole. Questa collaborazione potrebbe servire come esempio di altre sinergie tra i grandi studi clinici internazionali.

READ  Gli scienziati dei vaccini contestano che il tasso di vaccinazione sia del 90 percento