QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Confusione di prezzo nel mercato delle cipolle del nord Italia

La situazione del mercato delle cipolle nel nord Italia non è facile. La domanda non è elevata, anche perché le alte temperature non favoriscono il consumo. Almeno secondo alcuni commercianti, l’offerta è abbondante e i prezzi non sono soddisfacenti, soprattutto per gli agricoltori, che devono fare i conti con l’aumento dei costi di coltivazione.

“Le cipolle novelle del nord Italia stanno attraversando un periodo difficile”, afferma Davide Marmocchi, commerciante dell’Emilia Romagna. “Poiché la domanda non è elevata e le quantità insufficienti, questo crea difficili trattative. Nelle ultime settimane sono arrivate sul mercato le cipolle venete che hanno aumentato l’offerta. Occorre trovare un equilibrio tra la domanda degli agricoltori e quella degli acquirenti , mentre i fornai in mezzo sembrano sempre ingannare tutti.

Attualmente si stanno raccogliendo varietà medio-tardive, in previsione delle cipolle invernali raccolte nel nord dopo il 20 luglio. “C’è il pericolo reale di cipolle sottodimensionate. Temperature troppo elevate stressano le piante e le cipolle ne risentono anche quando vengono spruzzate. Le alte temperature impediscono la crescita dei bulbi e la preoccupazione è che ci sia molto prodotto sotto. I classici ’50’ saranno raccolto. Non carteggiare una pezzatura troppo piccola. “Consiglio ai contadini perché quel prodotto significa prezzo alto senza molto profitto, quindi è meglio lasciarli nel campo”, dice Marmochi.

Il prodotto tardivo arriva sul mercato non appena le cipolle novelle se ne sono andate, ma in questa strana annata non è facile distinguere tra cipolle fresche, cipolle conservate, produzione italiana o estera. Gli acquirenti cercheranno il miglior rapporto qualità-prezzo, preferendo il buon prezzo alla buona qualità.