QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Contaminazione da PFOS: “Niente panico” (tossiologi) – Belgio

(Belga) La sessione pomeridiana della prima sessione della Commissione fiamminga per indagare sulla contaminazione da PFOS ha trasmesso un messaggio alquanto ottimista. Diversi tossicologi hanno stabilito che “non c’è bisogno di farsi prendere dal panico”. Il livello di PFOS nel nostro ambiente diminuisce ei suoi effetti sono visibili solo a lungo termine.

Il professor Nicholas van Larebeck, tossicologo presso UGent e VUB, ha aperto il suo discorso con una dichiarazione che è quasi impossibile dimostrare che una particolare sostanza provoca il cancro negli esseri umani in bianco e nero. Ciò è impossibile anche per il tabacco, ad esempio. Pertanto, la negazione del nesso di causalità da parte di 3M è irrilevante, ha stabilito. “Per determinare il rischio di cancro negli esseri umani, dobbiamo fare affidamento su esperimenti sugli animali”, ha detto van Larebeck. “Molti gruppi industriali stanno cercando di dirci che c’è poco legame tra il cancro negli animali e nell’uomo. Non c’è. I meccanismi sono gli stessi”. In questo modo, e attraverso la ricerca epidemiologica sugli esseri umani, è stato dimostrato che l’esposizione a PFAS aumenta i rischi di cancro al seno, cancro ovarico, cancro ai testicoli e cancro ai reni, tra gli altri. Secondo Van Laerbeek, l’unico motivo per negarlo sono gli interessi economici. Il professor Jamie C. DeWitt, tossicologo della East Carolina University, ha aggiunto che anche il PFOA e il PFOS rappresentano una significativa minaccia immunitaria per gli esseri umani. “Interferiscono con la nostra risposta ai vaccini”, ha detto DeWitt. “Siamo nel bel mezzo di un’epidemia in cui questa risposta è critica. Quindi questo è molto preoccupante, specialmente per le persone che sono attualmente esposte al PFOS. Gli studi dimostrano anche che le persone con alti livelli di PFBA (articolo correlato, editore) hanno un COVID peggiore. infezioni nel sangue e devono rimanere più a lungo in ospedale”. Tuttavia, dicono gli esperti, non c’è motivo di farsi prendere dal panico. “Questi sono materiali da smaltire”, ha affermato il professor Great Shooters di VITO e UA. “Dobbiamo affrontare le fonti. Ma non c’è alcun rischio significativo. Le misurazioni devono essere effettuate con urgenza. Ad esempio, non abbiamo una visione chiara dei livelli effettivi nelle uova”. Van Laerbeek ha anche avvertito del panico. “Non c’è motivo per questo. Una contaminazione più pesante, almeno con l’antico PFAS, è alle nostre spalle e la nostra esposizione sta diminuendo oggi. Gli effetti di solito non sono molto evidenti, quindi non penso che siamo di fronte a un disastro. PFAS è molto meno efficace delle diossine o dell’amianto, ma bisogna fare attenzione con i derivati ​​di esso.” Il nuovo PFAS, la cui tossicità non è ancora nota”. (Belgio)

READ  diretto | Consigli di viaggio Sette paesi europei verso il verde, tra cui Germania e Italia | Corona virus

Il professor Nicholas van Larebeck, tossicologo presso UGent e VUB, ha aperto il suo discorso con una dichiarazione che è quasi impossibile dimostrare che una particolare sostanza provoca il cancro negli esseri umani in bianco e nero. Ciò è impossibile anche per il tabacco, ad esempio. Pertanto, la negazione del nesso di causalità da parte di 3M è irrilevante, ha stabilito. “Per determinare il rischio di cancro negli esseri umani, dobbiamo fare affidamento su esperimenti sugli animali”, ha detto van Larebeck. “Molti gruppi industriali stanno cercando di dirci che c’è poco legame tra il cancro negli animali e nell’uomo. Non c’è. I meccanismi sono gli stessi”. In questo modo, e attraverso la ricerca epidemiologica sugli esseri umani, è stato dimostrato che l’esposizione a PFAS aumenta i rischi di cancro al seno, cancro ovarico, cancro ai testicoli e cancro ai reni, tra gli altri. Secondo Van Laerbeek, l’unico motivo per negarlo sono gli interessi economici. Il professor Jamie C. DeWitt, tossicologo della East Carolina University, ha aggiunto che anche il PFOA e il PFOS rappresentano una significativa minaccia immunitaria per gli esseri umani. “Interferiscono con la nostra risposta ai vaccini”, ha detto DeWitt. “Siamo nel bel mezzo di un’epidemia in cui questa risposta è critica. Quindi questo è molto preoccupante, specialmente per le persone che sono attualmente esposte al PFOS. Gli studi dimostrano anche che le persone con alti livelli di PFBA (articolo correlato, editore) hanno un COVID peggiore. infezioni nel sangue e devono rimanere più a lungo in ospedale”. Tuttavia, dicono gli esperti, non c’è motivo di farsi prendere dal panico. “Questi sono materiali da smaltire”, ha affermato il professor Great Shooters di VITO e UA. “Dobbiamo affrontare le fonti. Ma non vi è alcun rischio significativo. Le misurazioni devono essere effettuate con urgenza. Ad esempio, non abbiamo una visione chiara dei livelli effettivi nelle uova”. Van Laerbeek ha anche avvertito del panico. “Non c’è motivo per questo. Una contaminazione più pesante, almeno con l’antico PFAS, è alle nostre spalle e la nostra esposizione sta diminuendo oggi. Gli effetti di solito non sono molto evidenti, quindi non penso che siamo di fronte a un disastro. PFAS è molto meno efficace delle diossine o dell’amianto, ma bisogna fare attenzione con i derivati ​​di esso.” Il nuovo PFAS, la cui tossicità non è ancora nota”. (Belgio)

READ  Lo studio: non esiste una malattia corona più grave dovuta all'ibuprofene