QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Corona aumenta il debito pubblico al livello più alto dal 1999 | notizia

Il debito pubblico belga è salito a 515 miliardi di euro nel 2020 (quasi 50 miliardi di euro in più rispetto al 2019). Ciò corrisponde a un rapporto debito/PIL del 114,1 per cento, il più alto dal 1999. Ma il debito rimane sostenibile, ha sottolineato l’Agenzia federale per il debito presentando il suo rapporto annuale.




Il motivo dell’aumento non è inverosimile: il coronavirus. L’economia belga è entrata in recessione e il PIL è sceso del 6,3 per cento. Inoltre, c’è stato un ampio deficit di bilancio (9,4% del PIL), a seguito di molte misure adottate dai governi per mitigare l’impatto della pandemia di Corona. Di conseguenza, il rapporto debito/PIL, sceso al di sotto del 100% del PIL nel 2019, è salito al 114,1% del PIL nel 2020.

Ma questo elevato rapporto debito/PIL non è più un problema di una volta, secondo l’agenzia. Questo ha molto a che fare con i bassi tassi di interesse. Più è basso, minori sono i costi aggiuntivi per il rimborso del debito. Gli interessi passivi sono quindi in calo da anni: nel 2020 erano 8,83 miliardi di euro per tutti i governi insieme, oltre mezzo miliardo in meno rispetto al 2019. E nel 2012 erano più di 13 miliardi di euro.

“La situazione attuale, in cui i tassi di interesse sul debito pubblico sono inferiori alla crescita del PIL nominale, migliora significativamente la sostenibilità del debito pubblico”, afferma il rapporto annuale dell’agenzia del debito. Pertanto, la domanda fondamentale è se i tassi di interesse sul debito pubblico rimarranno inferiori a quelli della futura crescita economica.

READ  Elon Musk: "Le tariffe dell'App Store di Apple sono completamente irragionevoli" - IT Pro - Notizie


citazione

Oggi stiamo gradualmente lasciando andare la crisi e ci aspettiamo una ripresa forte e sostenibile.

Il ministro delle finanze Vincent van Bettieghem (CD&V)

“E’ stato un anno particolarmente difficile e duro”, ha detto il ministro delle Finanze Vincent van Bettieghem (CD&V), presente alla presentazione del rapporto annuale. “Abbiamo fatto un grande sforzo per famiglie e uomini d’affari in un anno di incertezza. Oggi stiamo gradualmente lasciando andare la crisi e ci aspettiamo una ripresa forte e sostenibile”.

Il ministro inoltre non vede problemi di debito pubblico a breve termine. Le misure Corona, che costano molto, verranno gradualmente eliminate e si prevede una forte crescita economica. Ad esempio, la Banca nazionale prevede una crescita economica del 5,5 percento quest’anno e del 3,3 percento nel 2022. Nel frattempo, i tassi di interesse sul debito rimangono bassi e gli oneri per interessi dovrebbero scendere ulteriormente. Quindi la stessa Banca nazionale prevede che il debito pubblico diminuirà leggermente quest’anno (al 112,8 percento), sebbene la stessa agenzia si aspetti un ulteriore aumento al 116 percento del PIL.

lungo termine

A lungo termine, l’intento dovrebbe ovviamente essere quello di ridurre il rapporto debito/PIL, ha affermato van Bettieghem. Perché la crescita economica non rimarrà alta come previsto quest’anno e il prossimo e i tassi di interesse inizieranno a salire ad un certo punto

“Dobbiamo mantenere la crescita abbastanza alta”, ha detto il ministro. A tal fine, vuole “investire in modo aggressivo” e “riforma drammatica” (con la riforma fiscale considerata una delle più radicali), “ma con un rapporto debito/PIL sostenibile in mente”. Ha anche notato che le scadenze lunghe del debito (con bassi tassi di interesse) sono già una riserva per il futuro. Van Peteghem non ha aderito a determinati obiettivi di riduzione del debito.

L’Agenzia federale per il debito ha emesso 48,50 miliardi di euro di debito nel 2020 (principalmente attraverso obbligazioni lineari, o OLO). La durata media era di 13,6 anni e il tasso di interesse medio era dello 0,03%. “Questo ci costa solo circa 15 milioni di euro all’anno”, ha detto Jean Depot, direttore dell’agenzia.

Per il 2021 è prevista l’emissione di debiti per 43,61 miliardi di euro. Più del 61 percento di questo è già stato raggiunto.

Infine, è stato annunciato l’emissione di un nuovo green bond nel 2022.

Leggi anche: E l’economia belga dopo Corona? Il nostro esperto bancario vede una soluzione in più debito (ma non a tempo indeterminato)(+)