QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Corona Fighters Club Chinese Pet Club a morte davanti alla telecamera

Una donna cinese è stata costretta alla quarantena governativa e ha lasciato il suo cane a casa. I Corgi non sono sopravvissuti alla politica di tolleranza zero assoluta di Pechino, e non sono soli.

Le foto di un appartamento a Shangrao stanno suscitando indignazione su Internet in Cina. Spiegano come il consiglio si sta occupando della “disinfezione” dell’abitazione privata di una donna in quarantena. Due combattenti Corona in abiti bianchi spostano i mobili, un corgi stordito cammina intorno. “Abbiamo bisogno che il leader lo risolva immediatamente?” L’uomo ha chiesto al suo collega. I due hanno poi bastonato a morte il cane. L’animale potrebbe teoricamente essere infetto. La donna è stata in grado di seguire la sua telecamera di sicurezza nel centro di quarantena tramite uno smartphone, guardando in stato di shock. In seguito è diventato chiaro che non era stata infettata dal virus Corona.

politica di tolleranza zero

Il presidente Xi Jinping sta esercitando un’enorme pressione sui funzionari locali per “eliminare” ogni singolo caso di Covid-19. Pechino preferirebbe rivelare ogni infezione e il rischio di contatto associato piuttosto che consentire ai pazienti di entrare nelle cliniche. Una politica di tolleranza zero, compresa la sorveglianza digitale e lo sniffing, porta a molta frustrazione. Chiunque sia seduto in un ristorante dove anche una persona infetta passa attraverso i codici digitali viene catturato. La donna era molto arrabbiata perché gli uomini avevano promesso di far entrare il Corgi sano e salvo all’interno dell’appartamento. Non ci sono protocolli precisi su cosa fare con gli animali domestici in questi casi in Cina: gli obiettivi del partito superano tutte le misure per risparmiare il disagio pubblico. Corgi non è la prima vittima. Quest’anno, anche i gatti domestici sono stati uccisi senza consultazione. Nel 2020, un bambino disabile mentale è morto di fame a Wuhan perché i suoi genitori erano in quarantena e a nessuno importava di lui.

READ  L'Unione europea invita l'ambasciatore russo

Shangrao City ha prima provato a censurare la donna, ma ora si è scusata. I due dipendenti hanno ottenuto “un altro lavoro”. Anche la televisione di stato cinese ha ammesso che questa politica potrebbe essere più “professionale”.