QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Corona Virus: più pazienti Corona sono di nuovo negli ospedali e un massiccio aumento dei test positivi

Il numero di persone contagiate da Corona sta diminuendo © ANP

La regione – Segui da qui le notizie più importanti di Corona per mercoledì 13 ottobre.

I test positivi al coronavirus sono quasi raddoppiati, il numero più alto da luglio

È esploso il numero di test positivi per Corona nelle ultime 24 ore. RIVM ha registrato 3.746 nuovi casi, il numero più alto dal 29 luglio. Rispetto a mercoledì scorso, quando sono stati contati 1.909 casi di corona, questo quasi raddoppia.

Martedì sono comparsi oltre 2.900 nuovi casi di coronavirus. Il totale settimanale è ora 19.644, ovvero il 62% in più rispetto al totale settimanale di mercoledì scorso e il più grande aumento settimanale dal 18 luglio. Il RIVM ha già indicato martedì che il previsto aumento del calo sembra essere iniziato. Inoltre, il numero di test positivi è in aumento in ogni fascia di età. In aumento anche il numero di riproduzioni, che indica la velocità con cui si sta diffondendo il coronavirus.

Il canto aiuta i malati di polmone Covid: “Posso un po’ resettarmi”

Sembra un normale coro di otto donne, e cantano anche puramente. Ma il bel canto non è la cosa più importante in questo gruppo. Tutti i partecipanti sono pazienti COVID-19 e soffrono degli effetti del coronavirus da diversi mesi. L’insegnante di canto Iris van der Maid non si concentra solo sul canto con queste donne. “Cantare abbassa il fiato, ma questi partecipanti devono anche stabilire molto bene i propri limiti. L’energia è spesso molto bassa, quindi stabilire dei limiti è un must.

L'insegnante di canto Iris van der Made lavora con i pazienti Long Covid
L’insegnante di canto Iris van der Made lavora con i pazienti Long Covid © Radio West

Un altro aumento del numero di pazienti coronati negli ospedali

Il numero di pazienti Corona negli ospedali olandesi è nuovamente aumentato, secondo i rapporti del Centro nazionale di coordinamento per la diffusione dei pazienti (LCPS). Attualmente ci sono 524 pazienti con Covid-19 nelle unità di terapia intensiva e nelle unità infermieristiche. Sono dodici in più rispetto a martedì.

È il quinto giorno consecutivo che aumenta il numero dei pazienti Corona negli ospedali. Ora ci sono 137 pazienti critici con coronavirus in CI, in calo rispetto a martedì. Circuiti integrati ha visto entrare nove nuovi pazienti Covid, ma man mano che più persone vengono rilasciate o muoiono, il numero totale di pazienti COVID-19 è diminuito. Martedì è stato il primo giorno dal 23 settembre in cui più di 500 pazienti con coronavirus sono stati nuovamente ricoverati in ospedale.

Gummers avverte: non rilassarti, il picco di 400 pazienti con corona non può gestire la cistite interstiziale

Secondo Diederik Gommers, l’unità di terapia intensiva non è pronta a ricevere 400 pazienti con coronavirus a gennaio. Questo è quello che dice l’internista contro NOS.

Gummers, che è anche presidente della Società olandese di terapia intensiva e membro dell’OMT: “I nostri infermieri stanno già affrontando psicologicamente, hanno bisogno di più tempo. Ora ci sono 130 pazienti nelle unità di terapia intensiva, possiamo gestire 180 pazienti, ma non il picco di 400 pazienti, quindi dobbiamo ridurre le cure regolari e non lo vogliamo davvero.

Presidente della Società Olandese di Terapia Intensiva, Diederik Gommers
Presidente della Società Olandese di Terapia Intensiva, Diederik Gommers © ANP

Un nuovo livello di rischio: preoccupa il caso Corona in Olanda

La situazione dell’epidemia di Corona nei Paesi Bassi è preoccupante. A questo livello di rischio, l’intero Paese si trova in un nuovo sistema di allerta messo in atto dal governo. È il successore dei livelli di rischio regionali che sono stati cancellati il ​​mese scorso.

Il nuovo sistema prevede tre livelli di rischio: vigile, allarmante e pericoloso. Questi sono determinati sulla base di una media su sette giorni del numero di ricoveri ospedalieri e del numero di ricoveri in unità di terapia intensiva. I livelli di rischio regionali includevano anche il numero di test positivi per 100.000 abitanti, ma questo non è più un fattore.

I GGD non scattano più i primi scatti corona con Moderna

I GGD hanno interrotto le loro prime vaccinazioni con il vaccino Corona Moderna. In un rapporto trimestrale, l’organizzazione universitaria GGD GHOR Nederland scrive “Utilizzare Moderna eliminando gradualmente i GGD (per il momento”).

“Al fine di migliorare ulteriormente il portafoglio di vaccini e renderlo più efficiente, è stato deciso di interrompere l’uso dei primi vaccini con Moderna”, afferma GGD GHOR. Ciò significa che solo i primi vaccini vengono attualmente somministrati con un vaccino Pfizer/BioNTech. Proprio come con Moderna, sono necessari due tagli affinché questo vaccino sia completamente vaccinato. Il vaccino di Janssen è ancora in uso, ma non è necessaria una seconda dose.

I primi scatti di Corona vengono fatti sempre meno. Più di 43.000 persone hanno ricevuto il primo colpo di Corona la scorsa settimana. Al culmine della campagna di vaccinazione di quest’estate, c’erano ancora centinaia di migliaia di primi colpi a settimana.

illustrazione per chiarimenti
illustrazione per chiarimenti © ANP

LHV: nessun ruolo per i medici di base nelle nuove campagne di vaccinazione

I medici di base non possono più svolgere un ruolo nelle nuove campagne di vaccinazione su larga scala, come i recenti vaccini Corona. Hanno le “mani nei capelli” per completare la loro carriera, secondo un rapporto della National Association of General Practitioners (LHV).

Secondo l’associazione, la città è più affollata che mai a causa delle cure correttive e della crescente domanda di cure. Le lacune nelle tabelle di medicina generale non possono essere colmate. Il carico di lavoro è aumentato per la maggior parte dei medici di base e tre quarti di loro pensano che il carico di lavoro sia davvero troppo elevato, conclude LHV dopo le indagini.

Più della metà dei medici di base ha meno energie e le possibilità di recupero sono scarse. Molti medici camminano sulle gengive. Dobbiamo rompere questa spirale negativa se vogliamo rendere disponibili le cure del medico di base”, avverte l’organizzazione.

“Le scuole non sono sicure dei viaggi all’estero per ottenere la Corona Card”

Quando le gite scolastiche all’estero erano di solito un punto culminante nella vita scolastica, ora portano principalmente a discussioni accese. De Telegraaf riferisce che Stichting Voor Werkende Ouders (Working Parents Foundation) lo ha notato. I consigli scolastici si chiedono se debba continuare, perché non tutti gli studenti sono vaccinati.

“È un problema crescente”, afferma Margit Wensmeus, direttrice di Voor Werkende Ouders. “Ora il tempo potrebbe tentare di far cancellare alle scuole i voli a causa di Corona, ma il Corridoio Corona sta causando disagi”.

Secondo lei, la scomparsa crea incertezza tra i genitori e sconforto tra le scuole. In linea di principio, non sono autorizzati a chiedere ai bambini se hanno o meno un codice QR. Per evitare questa conversazione, i voli sono stati cancellati dal programma.

De Jonge: Le regole economicamente restrittive sono andate via prima del passaggio di Corona

Il ministro del Welfare Hugo de Jong ha affermato che le misure di Corona che “ostacolano economicamente” sono state emesse prima del biglietto d’ingresso di Corona. “Corona Corridor è al massimo fastidioso”, ha detto il ministro al talk show Op1.

Una guida digitale che consente alle persone di accedere a un ristorante o un museo durerà più a lungo di altre regole, come una capacità massima del 75% per determinati eventi e una chiusura a mezzanotte per il catering.

“La prima cosa che vorresti abbandonare è il 75% e l’arresto notturno”, afferma de Jong. Inoltre, non vuole pregiudicare troppo se le prove debbano essere ancora mostrate per tutto l’inverno o qualsiasi altro allentamento: all’inizio di novembre il governo valuterà il parere del team di gestione dell’epidemia in merito. Lo scorso fine settimana, il ministro ha affermato che era troppo presto per rispondere a una domanda su quali regole potrebbero essere emanate.

OMT: le previsioni di Corona per la stagione autunnale e invernale sono peggiori del previsto

Le previsioni su come si svilupperà Corona nei prossimi mesi autunnali e invernali sono peggiori di prima. Lo scrive l’Outbreak Management Team (OMT) in un consiglio al governo. Secondo l’OMT, c’è “un maggiore grado di incertezza, incluso un forte aumento dei ricoveri ospedalieri e dell’IC”. Ecco perché gli esperti consigliano di non rilassarsi più ora.

Il Consiglio dei Ministri deciderà all’inizio di novembre se aumentare o meno l’allentamento. Il team dell’OMT si riunirà il 29 ottobre per discutere la situazione e quindi consigliare il governo uscente. Allora è meglio apprezzare ciò che è possibile e ciò che non lo è. “Man mano che avanziamo di alcune settimane, la prognosi diventerà più accurata e i rischi di qualsiasi mitigazione saranno meglio definiti”, ha affermato il team.

Coronakart

Controlla qui quanti contagi ci sono nel tuo comune.

READ  La nuova medicina per la depressione è... il protossido di azoto