QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cosa contiene la vitamina K?  È così che previeni la carenza

Cosa contiene la vitamina K? È così che previeni la carenza

Ti sei tagliato con qualcosa e la ferita continuava a sanguinare e sanguinare? Allora potresti non assumere abbastanza vitamina K. La vitamina K è un nutriente che svolge un ruolo importante nella coagulazione del sangue ed è quindi indispensabile nella guarigione delle ferite. Ma non solo, perché questo nutriente ha anche un impatto significativo sulla salute delle tue ossa e del tuo cuore.

Per prevenire la carenza, è importante aggiungere alla propria dieta una quantità sufficiente di prodotti ricchi di vitamina K. Ma la vitamina K non è molto conosciuta, quindi siamo onesti: sai cos’è la vitamina K? Ed è vero che le uova sono un vero concentrato di vitamina K?

Da cosa si ottiene la vitamina K?

Sebbene una carenza di vitamina K sia rara, assumere una quantità insufficiente di vitamina K può influire sulla salute nel tempo. Un’assunzione inadeguata può compromettere la coagulazione del sangue, indebolire le ossa e aumentare il rischio di malattie cardiache. Pertanto, assicurati di assumere abbastanza di questa vitamina dalla tua dieta.

Di quanta vitamina K hai bisogno?

L’indennità giornaliera raccomandata (RDA) di vitamina K è compresa tra 70 e 90 microgrammi (mcg) per le donne e 120 mcg per gli uomini. In altre parole, non esiste un limite massimo: non puoi mai assumere troppa vitamina K.

Sorprendentemente, anche i neonati possono essere carenti di vitamina K, perché ne ricevono così poco durante la gravidanza. Pertanto, il neonato è a rischio di gravi emorragie. Questo è il motivo per cui tutti i bambini ricevono già gocce di vitamina K dopo la nascita.

Cosa contiene la vitamina K?

Esistono due diversi tipi di vitamina K:

  • Vitamina K1 (fillochinone)
  • Vitamina K2 (menachinone)
READ  Il virus Monkeypox muta più velocemente di quanto si pensasse

    Entrambi sono molto importanti per la tua salute. Ottieni la vitamina K1 dal cibo. Questa è la forma più comune e si trova principalmente negli alimenti vegetali. Il secondo è prodotto dai batteri nel colon. Pertanto la vitamina K2 si trova principalmente negli alimenti animali o fermentati. Per aiutarti, ecco 20 alimenti ricchi di vitamina K. Ecco come assicurarti di averne abbastanza ogni giorno:

    • cavolo
    • bietola
    • spinaci (crudi)
    • Broccoli
    • calcio
    • fegato di manzo
    • Braciole di maiale
    • pulcino
    • Patè di foie gras
    • fagioli verdi
    • prugna
    • kiwi
    • Olio di soia
    • Formaggio a pasta molle e dura
    • avocado
    • Piselli verdi
    • Prezzemolo (fresco)
    • pane
    • Latticini)
    • uovo

      Quanta vitamina K c’è in un uovo?

      Un uovo al giorno toglie il medico di torno. Ci sono molte ragioni per iniziare ogni giornata con uova alla coque, fritte o sode. C’è anche la vitamina K nell’uovo, ma solo nel tuorlo. 100 grammi di tuorlo d’uovo contengono 2,1 microgrammi di vitamina K. Il tuorlo pesa circa 20-25 grammi, il che significa che un uovo fornisce da 0,42 a 0,53 microgrammi di vitamina K. Ma se lo confronti con il cavolo (che contiene non meno di 871 mcg di vitamina K per 100 g), non dice quasi nulla.

      Carenza di vitamina K

      La carenza di vitamina K è rara, ma se si verifica, le conseguenze possono essere pericolose per la vita. Gli adulti che usano antibiotici per lungo tempo possono sviluppare una carenza di vitamina K, che può portare a un ritardo nella coagulazione del sangue. Anche vegetariani e vegani sono soggetti a carenza di vitamina K. Ecco perché è importante prestare molta attenzione ai sintomi della carenza di vitamina K.

      READ  Il parvovirus si diffonde e rappresenta un pericolo per le donne incinte

      Integratori di vitamina K

      Se pensi di non assumere abbastanza vitamina K, è consigliabile fissare un appuntamento con il tuo medico o dietologo. Possono controllare se hai una carenza di vitamina K. Forse un cambiamento nella dieta è la risposta, ma in alcuni casi l’integrazione è utile per contrastare una carenza.

      fonte: Linea saluteE Notizie mediche oggi