QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Craig Bellamy in una toccante intervista sulla sua partenza da e…

Vincent van GenstenFonte: mail giornaliera

Leggi anche. L’Anderlecht riceve elogi per l’approccio alla salute mentale che infrange i tabù: “Rompi lo stigma nel primo sport passo dopo passo”

“Craig ha lottato a lungo per la sua salute mentale”, Allenatore Vincent Kompany Dopo Purple & White ha vinto 7-2 su KV Mechelen. “Ora la bestia è tornata lì. La salute è al di sopra del calcio. Siamo obbligati a dargli la possibilità di riprendersi. Questo è spesso frainteso, la depressione, ma ora Bellamy deve trovare il modo di aggirarlo. “

Non era un segreto che Bellamy soffrisse di depressione clinica. “Negli ultimi tre o quattro anni, mi hanno diagnosticato la depressione. Sono un uomo depresso, non posso evitarlo. Ho picchi ridicoli e valli enormi. ” Ne ha parlato l’anno scorso.

Ora ha raccontato la sua storia al Daily Mail. “Ad agosto sono tornato a casa per un po’ dopo i preparativi con l’Anderlecht”, dice Bellamy. “Era il primo compleanno di mia figlia e quindi c’è stata una festa. Ma lei non mi conosceva più. Ho allungato le braccia ma non è venuta. Perché lei? Mi ha visto solo otto o nove volte, e anche allora ho ero lì solo per 24 ore. Non facevo parte della vita di Orla”.

Poi il gallese è andato fuori a piangere. Mi sono chiesto: cosa faccio adesso? Tornare al calcio e lasciarsi alle spalle ciò che amo? O rimarrò nella sua vita? ”

© BELGA

custodia sicura del dvd

La scelta è stata fatta in fretta, nonostante il suo amore per Kompany e Anderlecht. Apparentemente è come “Ho sempre voluto lavorare all’estero”. “Se non conosci il settore giovanile dell’Anderlecht, non entri nel calcio. Producono molti buoni talenti. Dovevo andare a lavorare per loro, solo per vedere se potevo farlo. Mi è piaciuto molto. Poter gestire Vinnie” È stato davvero fantastico. Come tratta le persone, come prende le decisioni, quanto è calmo. Mi ha mostrato un altro mondo. E abbiamo lavorato sodo, dalle 12 alle 14 ore al giorno. Ho provato le cose con le promesse, che può quindi provare con la prima squadra.È stato fantastico fino a quando non è arrivato Corona a marzo.

Bellamy si sentiva sempre più isolato nel suo appartamento a Bruxelles. Gli mancavano terribilmente i suoi quattro figli. “A un certo punto ho semplicemente cercato di bloccare tutto. Ho detto al fronte interno: ‘Umano, non torno indietro!’ valeva la pena provare, ma senza risultato. Semplicemente non lo sono Quando metto al mondo qualcuno, devo essere lì per lei. “

© BELGA

E così Bellamy, 42 anni, ha preso la decisione di lasciare l’Anderlecht. “Venny sapeva cosa stava per succedere”, dice. “Ho già parlato con lui di questo e mi ha detto che avrebbero fatto di tutto per aiutarmi, ma questo è stato molto difficile. Alla fine l’ho detto agli altri, è stato difficile. Peter Verbeke (direttore sportivo di Bruxelles, direttore) mi ha mostrato un contratto di tre anni che aveva messo in campo per me. Mi ha detto che finché stava con la società il contratto sarebbe stato pronto. Poi l’ha messo in cassaforte. Questo significa molto per me”.

Bellamy si sta godendo una pausa calcistica. Dice che ha “lavoro più importante” da fare rispetto al calcio in questo momento. Non sa quando tornerà.

“Mi manca tutto nel calcio. Mi manca l’allenamento, l’odore dell’erba… ma ho preso la decisione giusta. Ora vedo Orla due volte a settimana e mi sento l’uomo più felice del mondo. Quando allungo le braccia, ora viene anche da me».

READ  Ecco perché il Belgio ha perso: pressione, tecnica italiana, strane sostituzioni e occasioni sprecate | diavoli Rossi