QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Curare l’insufficienza cardiaca a casa


Utilizzando un infermiere specializzato e la tecnologia, i pazienti possono essere curati a casa e il ricovero può essere evitato

I pazienti con insufficienza cardiaca grave possono ora essere curati anche a casa grazie alla collaborazione tra Leiden University Medical Center (LUMC), Marente e Zorggroep Katwijk. Con questo nuovo trattamento domiciliare specializzato, i cambiamenti nell’insufficienza cardiaca possono essere rilevati e trattati in una fase iniziale.

Utilizzando un infermiere specializzato e la tecnologia, i pazienti possono essere curati a casa e il ricovero può essere evitato. Il trattamento domiciliare è reso possibile in parte dalla compagnia di assicurazione sanitaria Zorg en Zekerheid.

Nell’insufficienza cardiaca, la maggior parte delle persone sperimenta disturbi fisici come liquido nelle gambe, mancanza di respiro e affaticamento. Quando i pazienti trattengono grandi quantità di liquidi, vengono somministrati diuretici sotto forma di compresse o per via endovenosa. Fino a poco tempo fa la terapia infusionale veniva effettuata in ospedale, ma ora può essere effettuata anche a casa del paziente. Da qualche tempo, il Dipartimento di Cardiologia della LUMC, l’organizzazione di assistenza Marente e Zorggroep Katwijk (medici generici) lavorano a stretto contatto per formare un’assistenza intensiva per i pazienti con insufficienza cardiaca acuta a casa.

Quindi le parti sanitarie sono contente che ora sia possibile. In questo modo i pazienti possono riprendersi a casa nel loro ambiente familiare con la stessa qualità di cura che si trova in un ospedale. Un cardiologo o medico generico e cardiologo di Marente aiuta i pazienti in questo. Il trattamento sarà inizialmente offerto nei comuni di Katwijk e Leiden.

Migliora la qualità della vita
Le prime esperienze sono positive. “È così meraviglioso ricevere queste cure a casa nel mio ambiente sicuro”, afferma uno dei primi pazienti. Il monitoraggio remoto svolge un ruolo nel trattamento dell’insufficienza cardiaca a casa. I pazienti ricevono un pacco con vari dispositivi per effettuare le misurazioni a casa; Si chiama “la scatola”.

Con lo sfigmomanometro, la bilancia e l’app, il paziente può monitorare da vicino la propria salute e l’operatore sanitario viene allertato in tempo se necessario. Gli operatori sanitari si aspettano che i pazienti con insufficienza cardiaca possano ricevere un trattamento adeguato nelle loro case per un periodo di tempo più lungo con il nuovo trattamento domiciliare specializzato. Di conseguenza, la qualità della vita migliorerà e ci saranno meno pazienti al pronto soccorso e/o ricoveri ospedalieri.


Informazioni aggiuntive …

Consultare l’emittente e/o il fornitore per ulteriori informazioni su questo messaggio. Le notizie possono variare, e contenere errori o inesattezze. Leggi anche Disclaimer E il Rapporto Si prega di pubblicare messaggi, commenti e/o foto che contraddicono il nostro messaggio requisiti.

Fai clic sui tag di seguito per i post correlati, se presenti…

Nome dell’autore e/o editore di:
LUMC
Fotografo o agenzia fotografica:
INGImmagini
Fonte di questo articolo::
LUMC
Qual è l’URL in questa risorsa?:
https://www.lumc.nl/over-het-lumc/actueel/2022/december/hartfalentreatment-nu-ook-thuis-possible/
indirizzo originario:
Ora l’insufficienza cardiaca può essere curata anche a casa
il pubblico di destinazione:
Professionisti sanitari
Data:
2022-12-07

Articoli con tag simili…


READ  Consorzi di ricerca interdisciplinari - Facoltà di Medicina e Scienze della Salute - Università di Gent