QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Da espatriati a espatriati: iBUILT crea una piattaforma per consentire agli espatriati di connettersi tra loro

Da espatriati a espatriati: iBUILT crea una piattaforma per consentire agli espatriati di connettersi tra loro

Ankita Durrani e Joseph Zakry sono arrivati ​​nei Paesi Bassi nel 2013. Durrani si è trasferita dall’India per studiare e unirsi alla sua famiglia. Dopo molteplici esperienze internazionali, Dhikra Al-Masry ha iniziato a lavorare presso l’ASML. Zakri fondò la propria società di consulenza, Mi ricordo di teE utilizzare la sua esperienza per le aziende. Quando Durrani iniziò a lavorare all’ASML qualche anno dopo, le loro strade si incrociarono.

Durrani e Zakri sono i cofondatori di iBelt – Abbreviazione di International Business and Innovation Leaders in Technology: una comunità per leader e imprenditori espatriati per sviluppare la propria carriera e far crescere le proprie attività. La piattaforma vuole mettere in contatto i professionisti dell’area di Eindhoven in modo che possano svilupparsi, collaborare e imparare gli uni dagli altri. Il 19 settembre, la comunità terrà il lancio ufficiale della prima edizione dei Common Ground for Innovation Awards, un premio per espatriati influenti nella regione. Prima di approfondire, IO ha posto loro alcune domande sulla loro esperienza di vita nei Paesi Bassi in questo episodio di Dutch Diaries.

Diario olandese

Un nuovo lavoro, trasferirsi in un nuovo paese, abituarsi a una nuova cultura. Questi sono tre momenti che ogni espatriato vive. Come appaiono i Paesi Bassi agli occhi degli stranieri che vengono a lavorare qui? Nella nostra nuova serie Diario olandeseTi portiamo le storie di espatriati che si sono trasferiti nei Paesi Bassi per lavorare nel settore della tecnologia e dell’innovazione. Perché hanno deciso di venire qui? Cosa gli piace di più dei Paesi Bassi? Cosa cambierebbero?

Entrambi avete più di dieci anni di esperienza nella tecnologia olandese. Qual è la tua visione del settore?

Durrani: “Se sei una persona come noi che ama la scienza, penso che questo sia il posto perfetto. Ho sempre desiderato lavorare nel campo scientifico, quindi Eindhoven e i Paesi Bassi sono stati scelti rapidamente. Inoltre, vedo molte possibilità in diversi aspetti della tecnologia.

Zakri: “Ciò che mi piace dell’ecosistema olandese è il suo focus sulla ricerca. Le persone vogliono approfondire la tecnologia. In America, dove ho studiato per un po’, le persone sono interessate principalmente alla tecnologia per fare soldi. Le persone qui non hanno fretta immettere la tecnologia sul mercato, ma stanno cercando di comprenderne il valore e i meccanismi che stanno dietro ad essa.

READ  Per la prima volta in assoluto, gli scienziati hanno mappato il cervello di un insetto con più di mezzo milione di sinapsi

Esiste un’usanza olandese a cui è difficile abituarsi?

Durrani: “Quello che mi è piaciuto molto subito dopo il mio trasferimento in Olanda è l’abitudine di ascoltare le opinioni di tutti durante le discussioni. Questo ha un effetto molto positivo. Tutti si sentono apprezzati, ma può causare molti ritardi nel processo decisionale A volte trovo difficile trovare un equilibrio, perché voglio che tutti siano ascoltati e voglio comunque l’efficienza nel processo decisionale.

Zakri: “La capacità degli olandesi di separare lavoro e vita sociale. Le persone interagiscono tra loro e sono aperte a discutere tutti gli argomenti mentre lavorano, ma questa relazione finisce quando finisce la giornata lavorativa. Non essere amico di qualcuno con cui lavori è strano per me. Da un lato è impressionante e la qualità della vita ne trae sicuramente beneficio. D’altro canto, richiede un’attenta pianificazione della vita sociale e lavorativa, che può essere molto difficile per gli espatriati.

Quale usanza porterai con te dal tuo paese ai Paesi Bassi?

Durrani: “Portare il cibo da casa al lavoro ogni tanto Anche se non ho lavorato in India, avevamo questa abitudine al liceo e ho sentito da amici che vivono lì che hanno questa abitudine anche al lavoro ricette e registrazioni. Anche gli olandesi possono trarne vantaggio: è piuttosto difficile legare con i tuoi colleghi davanti a panini freddi!

READ  Una filiale di Borderlands potrebbe essere in fase di sviluppo • Gamingnation

Zakry: “In Egitto i tuoi colleghi diventano parte della tua famiglia. C’è grande solidarietà. Quando qualcuno si sposa, i colleghi vengono invitati al matrimonio. Quando qualcuno ha un figlio, i colleghi comprano regali. L’ambiente di lavoro olandese può trarre vantaggio da un maggiore senso di comunità e solidarietà.

Come si sente l’olandese?

Durrani: “Se non ho un programma posso impazzire. Qualche mese fa uno dei miei cugini si stava per sposare e dovevamo organizzare un ballo con gli altri cugini. Ho pianificato tutto alla maniera olandese annunciò che li avrei chiamati in quella data, in quel momento dissero: “Rispondi e basta al telefono, non devi fissare un appuntamento con noi, sono decisamente diventato molto olandese in termini di gestione del tempo”.

Dhikri: “Proprio come Ankita, i Paesi Bassi hanno influenzato la mia disciplina e pianificazione, ma non mi sento olandese o belga (Dhikri ha un passaporto belga, editore, sono anche diventato più diretto in ciò di cui ho bisogno). e aspettarmi dagli altri; ho imparato a comunicare qui in un modo che non posso “da nessun’altra parte. Se stai camminando per strada e i tuoi lacci delle scarpe sono allentati, la gente verrà da te e ti chiederà di allacciarti le scarpe. in Egitto è considerato scortese.”

Come è nata l’idea di iBUILT?

Durrani: “Anche se faccio parte della comunità di giovani professionisti all’interno dell’ASML e ho costruito un rapporto con le persone e con Eindhoven, sentivo che c’era bisogno di qualcosa di più a un livello più alto, soprattutto per gli espatriati quando vengono qui , hanno idee per crescere nella loro carriera e nelle loro attività. Ma dov’è quella comunità a cui possono rivolgersi per discutere di come far crescere la propria carriera o costruire la propria attività? Poi ho incontrato Joseph che aveva la stessa sensazione?

READ  AirTag e stalking vanno di pari passo, ma è così che ti proteggi

Zakri: “Mentre conseguivo il mio Executive MBA, sono stato sfidato a utilizzare le mie conoscenze, il mio status e la mia rete per restituire qualcosa alla comunità, quindi ho pensato: ‘Di cosa avrei avuto bisogno da questo ecosistema cinque, sei, 10 anni fa?'” Aziende tendono a tracciare i confini Questo può essere limitante, quindi l’idea è quella di riunire persone di tutte le nazionalità, rimuovere quante più barriere possibili, imparare gli uni dagli altri e offrire agli espatriati una comunità dove possano sentirsi a casa.

Cosa possono aspettarsi le persone da iBUILT?

Zakri: “Possono aspettarsi qualcosa che un’azienda o un club sociale non possono offrire: un luogo in cui connettersi con persone che affrontano sfide simili. Il nostro obiettivo è fornire tutte le risorse possibili (rete e conoscenza) affinché gli espatriati possano crescere ad un ritmo simile a quello dei locali.

Durrani: “Il filo conduttore è la passione per la tecnologia. Gli espatriati che vengono qui e la gente del posto condividono la stessa motivazione, sulla quale ci baseremo invece di concentrarci solo sulle differenze.

Ti vedi a vivere nei Paesi Bassi tra cinque anni?

Zaccaria: “Sì. So come navigare nell’ecosistema e sono consapevole delle inefficienze, dell’equilibrio tra lavoro e vita privata e di come prendere l’iniziativa.

Durrani: “Sicuramente mi vedo a vivere in Olanda a lungo termine. Non è il posto perfetto, ma ci va molto vicino”.