QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Da quanto tempo conosciamo i virus? 200 anni fa non ne sapevamo nulla

“200 anni fa la gente non sapeva nemmeno che i virus esistessero”, Il virologo Ab Osterhaus ha detto nel talk show Op1. È difficile immaginare ora che il Coronavirus abbia governato le nostre vite per così tanto tempo. Ma l’affermazione di Austerhouse è corretta? I virus sono esistiti davvero solo per così poco tempo? Lamarte De Bruyne lo esamina reale o fantasia.

Secondo gli esperti, la stima per l’Osterhaus è piuttosto ampia. Conoscevamo virus ancora più brevi: non sapevamo di virus per circa 120 anni. “La scoperta è stata fatta nel 1898”, dice il virologo Mark Tswart dell’Istituto olandese di ecologia. “Questo è adesso 123 anni fa.”

tabacco

La ricerca è iniziata con piante di tabacco malate su cui hanno lavorato molti scienziati. Il tedesco Adolf Meyer, direttore di quella che oggi è l’Università di Wageningen, aveva svolto ricerche sugli agenti patogeni in quelle piante dal 1870 in poi.

Meyer ha quindi eseguito test in cui ha dimostrato di poter trasmettere l’agente patogeno, un germe, tra le piante di tabacco.Non riusciva a trovare il patogeno da solo, quindi l’agente eziologico che ha diffuso la malattia è rimasto sconosciuto.

Più piccolo dei batteri

Come si può diffondere questo germe? Uno scienziato russo ha continuato a lavorarci. “Si chiamava Ivanovsky”, dice Zwart, “e ha dimostrato che poteva anche trasmettere questo germe mettendolo per primo nel filtro. Solo i batteri non potevano passare attraverso questo filtro, perché era così grande.” “Quindi la conclusione è stata che non potevano essere batteri, ma non l’hanno ancora raggiunta”.

L’olandese Martinus Willem Begirink ha capito il punto. Era la terza persona che ha sostenuto il test ed è arrivata agli stessi risultati. A differenza di Ivanovsky e Meyer, è giunto a una conclusione. Si chiamava “contagium vivum fluidum”, che è un liquido infettivo vivo, poi fu chiamato virus liquido, dopo la parola latina che significa “veleno”.

READ  Modifiche ai consigli RIVM: vaccinare le donne incinte con Moderna e Pfizer

microscopio

“Questo fu in realtà l’inizio della virologia come la conosciamo oggi.” Beijerinck inizialmente pensava che il virus fosse un liquido, ma in seguito si scopre che è diverso. Sappiamo come conosciamo i virus solo dagli anni ’30, grazie a un microscopio.

“Le particelle di virus sono così piccole che gli scienziati dell’epoca non avevano un modo per rilevarle direttamente”, afferma Zwart. Abbiamo scoperto esattamente come funziona attraverso un microscopio.

Tormento di Dio

Ma se non fossimo a conoscenza dei virus, da dove si credeva che provenissero le epidemie? Ci sono state molte riflessioni su questo, come l’influenza, dice lo storico della medicina Milhi Van Maillenstein. “Si pensava che l’influenza, che è una parola italiana, ad esempio, fosse causata da influenze esterne. Ad esempio, il tempo o la posizione dei corpi celesti”.

Van Mallenstein ha scritto un libro sulla storia delle epidemie. Le persone avevano anche le loro teorie sulla peste. “Si pensava che ciò fosse dovuto a cattivi fumi. Avrebbe portato la punizione di Dio. Ha reso l’aria impura, facendo ammalare le persone”.

Realtà o finzione: da quanto tempo conosciamo l’esistenza dei virus?

Uno oggi

Questo articolo è un contributo di EenVandaag, tutti i giorni lavorativi dalle 16:00 alle 17:00 su NPO Radio 1. Ulteriori informazioni sulle trasmissioni possono essere trovate su EenVandaag.nlE il Il sito di social networking Facebook O su Twitter.

Rapporto di correzione